Modena, “La Heuneburg è l’antica città celtica di Pyrene sul Danubio?”

Domenica 27 novembre alle 17 a Palazzo dei Musei conferenza di Roberto Tarpini

perla-doro-della-tomba-della-principessa-di-bettelbuhlMODENA – Con l’appuntamento “La Heuneburg è l’antica città celtica di Pyrene sul Danubio?” domenica 27 novembre alle 17 si conclude a Palazzo dei Musei, largo S. Agostino, l’edizione 2016 della rassegna “Metti l’autunno al museo” organizzata dai Musei civici di Modena.

Nella Sala dell’Archeologia al terzo piano, in un incontro aperto liberamente a tutti, l’archeologo Roberto Tarpini, specializzato in archeologia celtica, modenese d’adozione e già collaboratore in più occasioni del museo, illustrerà le scoperte recenti promosse dalla Soprintendenza archeologica regionale di Stoccarda e dalla Dfg, ente di ricerca nazionale tedesco. Dal 2014 un nuovo progetto studia in particolare gli insediamenti e le dinamiche del popolamento di età celtica nella regione circostante il centro della Heuneburg.

Intorno alla metà del V secolo a.C. lo storico greco Erodoto, in un noto passo delle sue “Storie”, scrive “l’Istro (il Danubio) nasce nella terra dei Celti nei pressi della città di Pyrene e attraversa l’Europa dividendola in due”. Anche se non se ne può avere certezza assoluta, molti indizi suggeriscono che la “polis” di Pyrene – la prima città a nord delle Alpi menzionata per nome – possa essere identificata con l’antico sito celtico della Heuneburg, nella Germania sud occidentale, uno dei più importanti centri dell’età del ferro europea. Ancora oggi possenti fortificazioni e imponenti tumuli funerari caratterizzano l’area, fornendo un’impressionante, anche se parziale, testimonianza dei profondi interventi umani sul paesaggio antico. Le architetture monumentali e il rinvenimento di materiali di importazione dal Mediterraneo testimoniano l’importanza di questo centro nella rete degli scambi e dei contatti tra Celti, Etruschi e Greci, e possibilmente anche con le elite presenti nella nostra regione.

Informazioni online (www.museicivici.modena.it su Facebook museicivicimodena).