Modena, inflazione febbraio 0,5% su base tendenziale annua

comune di Modena logoRispetto a gennaio -0,3 % su base congiunturale mensile. Calano alimentari, trasporti e carburanti e telefonia mentre crescono i servizi per animali domestici

MODENA – Segno meno nelle rilevazioni sull’inflazione a Modena calcolata nel mese di febbraio 2016 dal Servizio statistica del Comune. L’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività (Nic) ha fatto registrare una variazione di -0,5 % su base tendenziale annua, mentre su base congiunturale, rispetto a gennaio, il valore registrato è di -0,3 %.

Secondo i dati rilevati per le 12 divisioni esaminate, cinque sono in calo, in particolare la divisione “Alimentari, bevande analcoliche” che presenta la diminuzione maggiore; quattro registrano un aumento e tre sono invariate. Le divisioni invariate sono “Abbigliamento e calzature”, “Servizi sanitari e spese per la salute” e “Istruzione”.

Il valore percentuale di calo più significativo (-1,3 %), rilevato per la divisione “Alimentari, bevande analcoliche”, è dovuto soprattutto alle diminuzioni registrate da frutta e ortaggi, pesci e prodotti ittici, latte, formaggi e uova, piatti pronti e bevande analcoliche. Sono invece in lieve aumento le carni e i prodotti di panetteria e pasticceria. In calo anche il dato sulla divisione “Comunicazioni” (-1 %), dove la flessione è dovuta agli apparecchi e ai servizi per la telefonia mobile (mentre sono il controtendenza i servizi postali). In diminuzione sono anche le divisioni “Trasporti”, (-0,7 %) per il calo di carburanti, trasporto aereo e marittimo, ricambi e accessori; “Servizi ricettivi e ristorazione” (-0,4 %) e “Bevande alcoliche e tabacchi” (-0,2 %).

In crescita, con una percentuale di +0,4 %, la divisione “Ricreazione, spettacolo e cultura” dove aumentano in particolare piante e fiori, servizi per animali domestici, apparecchi fotografici, servizi ricreativi e sportivi, giornali e pacchetti vacanza. Diminuiscono invece gli apparecchi di ricezione, registrazione e riproduzione, quelli per il trattamento dell’informazione, i supporti di registrazione, i giochi elettronici e i libri di narrativa. Crescono anche (tutte con una percentuale dello 0,1%) le divisioni “Abitazione, acqua, elettricità e combustibili”, dove l’aumento delle spese condominiali è parzialmente compensato dalla diminuzione del gasolio per riscaldamento e dei combustibili solidi; “Mobili, articoli e servizi per la casa” e “Altri beni e servizi”, dove si registra un aumento per gli apparecchi elettrici per la cura della persona, oreficeria, assistenza sociale mentre sono in diminuzione gli articoli per l’igiene personale, i servizi assicurativi connessi alla salute e le assicurazioni sui mezzi di trasporto.