Modena, domenica 5 giugno ultimo giorno per la mostra “Modena-Tirana”

Oltre 12.000 visitatori finora per l’esposizione ai Musei civici sui rapporti Modena Tirana Andata e Ritornocon l’Albania

MODENA – La , che ha registrato finora oltre 12mila visitatori, si può visitare gratuitamente fino a domenica 5 giugno ai Musei civici di Modena al terzo piano di Palazzo dei Musei in largo Sant’Agostino. L’orario di apertura al sabato e alla domenica è dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19.

Immagini, documenti e testimonianze in mostra raccontano, come viaggi di andata e ritorno tra due sponde dello stesso mare, le relazioni da fine ‘800 a oggi fra l’Albania e l’Emilia Romagna, e in particolare Modena.

In esposizione una raccolta di fotografie di “tipi albanesi” realizzate dallo studio di Pietro Marubi, l’esule piacentino che sul finire dell’Ottocento fondò il primo studio fotografico albanese: la raccolta, frutto di una donazione al Museo, costituisce una preziosa testimonianza di un archivio riconosciuto patrimonio internazionale dall’Unesco. Nel percorso si susseguono figure che a vario titolo rappresentano l’intreccio di relazioni fra i due Paesi: geografi, archeologi, alti ufficiali e semplici soldati, imprenditori, architetti, cooperanti, artisti, italiani che ascoltavano Radio Tirana e albanesi che guardavano i programmi della tv italiana.

Inaugurata il 28 novembre, nella giornata dell’Indipendenza Albanese dall’Impero Ottomano, l’esposizione ha rappresentato l’esito di un progetto che ha visto collaborare Museo civico archeologico, associazione Moxa (Modena per gli altri) e altri partner con il patrocinio delle ambasciate d’Albania a Roma e d’Italia a Tirana. Il percorso e la mostra sono stati sostenuti da Fondazione Cassa di risparmio di Modena, Regione Emilia-Romagna e Cmb di Carpi. Fondamentale il contributo di cittadini e istituzioni che hanno affidato al museo e al Centro memorie coloniali fotografie e testimonianze da cui è emerso il filo di un rapporto costante, talora drammatico e conflittuale, altre volte comune e solidale.

Numerosi sono stati gli spunti e le occasioni offerti dalla mostra per approfondire aspetti delle relazioni fra i due Paesi, tradotti in incontri e appuntamenti per pubblici diversi. Informazioni on line (www.museicivici.modena.it).