Modena, alla Corassori anche i campi di calcio di via Newton

Dopo la rinuncia della società che lo gestiva, si amplia il diritto di superficie della polisportiva di 16 mila metri quadri. Accordo con le squadre che lo utilizzavano

comune di Modena logoMODENA – Un ampliamento del diritto di superficie alla Cooperativa polivalente Alfeo Corassori su aree limitrofe, per complessivi 15.980 metri quadrati di impianti sportivi, comprendenti un campo da calcio a cinque in sintetico, un campo da allenamento, un campo da calcio regolare, un fabbricato con spogliatoi, servizi, ufficio, magazzino e depositi al piano terra e una tribuna al primo piano, e aree cortilive e a verde di contorno.

È quanto prevede la delibera illustrata dall’assessore al Patrimonio Gabriele Giacobazzi nella seduta del Consiglio comunale di Modena di giovedì 7 luglio sottolineando come, dopo la rinuncia della società che gestiva l’impianto, il Comune ha scelto la strada della semplificazione e della razionalizzazione gestionale, una volta ottenute garanzie sulla continuità dell’attività sportiva che svolgevano in quel campo anche altre squadre calcistiche. Il documento è stato approvato dall’Aula con il voto a favore di Pd, Sel e Fas – Sinistra Italiana, contrario di FI e M5s e con l’astensione di Per me Modena e Idea Popolari Liberali.

Insieme alla delibera è stato discusso anche un ordine del giorno presentato dal M5s e illustrato da Mario Bussetti che invitava a ritirare la proposta di delibera di ampliamento del diritto di superficie della Corassori e a indire un bando per la concessione del diritto di superficie sull’area in oggetto. La mozione è stata respinta con il voto a favore di M5s, Idea Popolari Liberali e FI, contrario del Pd e con l’astensione di Per me Modena, Fas – Sinistra Italiana e Sel.

La concessione in diritto di superficie dell’area aggiuntiva, localizzata in via Newton 120 a Modena, è prevista con scadenza al 30 giugno 2044, corrispondente alla scadenza dell’area già oggetto di concessione, e viene riconosciuta a fronte di un corrispettivo al Comune di 227.444 euro (dai 6 mila euro annuali precedenti si passa a 8 mila euro). L’importo corrisponde al 50 per cento del prezzo di cessione individuato dal Collegio dei Periti, abbattuto a fronte “dei minori costi attualizzati a carico del Comune rispetto alla realizzazione o gestione diretta del servizio”, viste le finalità di interesse pubblico.

Le aree oggetto di ampliamento erano precedentemente concesse in uso al Circolo dipendenti Hera Modena Asd, con scadenza il 30 giugno 2020, ma a dicembre 2015 il beneficiario ha comunicato di voler recedere anticipatamente dal contratto e l’area con sovrastanti fabbricati è tornata nella disponibilià del Comune.

La Cooperativa Corassori, che ha in diritto di superficie fino al 2044 un’area tra via Newton e via Leonardo da Vinci sulla quale ha realizzato un complesso di edifici a destinazione sportiva e ricreativa, in corso di ampliamento, ha manifestato formalmente l’interesse alla conduzione e gestione di tali impianti sportivi mediante concessione in diritto di superficie dell’area e delle strutture.

La Cooperativa Corassori si è inoltre impegnata a garantire la continuità delle attività sportive delle altre squadre che utilizzavano l’impianto e ha dichiarato la volontà di voler valorizzare l’attività giovanile calcistica del territorio. E il Comune di Modena ha ritenuto di procedere alla concessione diretta del diritto di superficie alla Cooperativa Corassori, in ampliamento di quella già attiva, applicando l’articolo 4.7 del Regolamento comunale, secondo il quale “l’Amministrazione può concedere aree in diritto di superficie a terzi direttamente senza previa pubblicazione di avvisi (…) a favore di soggetti che richiedono di ampliare su aree comunali attività di rilevante interesse per la città, già esistenti su immobili limitrofi”.