Madre di due figli da anni vittima di violenze, il sostegno della Fondazione emiliano-romagnola per le vittime dei reati

comune-piacenzaPIACENZA – Anni di violenze fisiche e psicologiche inflitte dal marito e un rapporto coniugale di grave conflittualità, del quale anche i due figli, nonostante l’età già adulta, rimangono vittime.

Poi la donna – 63enne di origini francesi e residente a Piacenza – decide di rivolgersi al Centro antiviolenza Telefono Rosa, che attiva quindi la consulenza legale e un percorso psicoterapeutico (entrambi gratuiti) per affrontare le dolorose conseguenze delle violenze subite. Come spesso succede, gli episodi di vittimizzazione determinano una spirale di difficoltà dalla quale non è facile uscire.

Anni di maltrattamenti hanno infatti comportato nella donna una grave compromissione nella gestione dei rapporti relazionali e profonde conseguenze psicologiche, che si riflettono nella difficoltà, aggravata dall’età, di trovare un lavoro (nonostante l’esperienza pluriennale).

A questo si sono aggiunte le spese da affrontare nell’immediato: il trasloco in una nuova casa (di edilizia popolare), il mobilio, l’affitto, le spese mediche e quelle legali per la separazione dal marito.

In suo aiuto è quindi intervenuta, su richiesta del sindaco Patrizia Barbieri, la Fondazione emiliano-romagnola per le vittime dei reati, che nei giorni scorsi ha stanziato un contributo di 10mila euro per aiutare la donna ad affrontare le spese più urgenti e le gravi conseguenze del reato subito.

“Concretezza e tempestività sono i due punti attorno ai quali ruota l’intervento della Fondazione – spiega l’assessore alla Sicurezza urbana, Luca Zandonella -, l’unica esperienza in Italia di supporto alle vittime di gravi reati dolosi. Istituita nel 2004 da Regione Emilia Romagna, Province e Comuni capoluogo, la Fondazione ha l’obiettivo di dare sostegno immediato alle vittime dei crimini dolosi di maggiore gravità, per consentire alla vittima o alla sua famiglia di affrontare nell’immediato lo choc determinato dal crimine subito”.

Prosegue l’assessore: “La richiesta di sostegno è rivolta dal sindaco del Comune in cui è avvenuto il fatto o di residenza della vittima. L´intervento della Fondazione può essere volto al sostegno scolastico ai figli della vittima, a sostenere particolari cure mediche o le spese per l´affitto di casa per brevi periodi. Oppure ancora può consistere in una donazione una tantum per affrontare le difficoltà più urgenti. L´intervento, infatti – conclude Zandonella -, non è mai definito a priori, ma cerca di sostenere nel concreto e in tempi rapidi i bisogni della vittima o dei suoi familiari”.