Categorie: EventiForli Cesena

Le opere grafiche del ‘Fondo Barbieri’ in mostra alla Pinacoteca Comunale

Da giovedì 7 dicembre a martedì 6 febbraio

CESENA – L’omaggio a Gino Barbieri continua in Pinacoteca, dove si trasferisce parte della mostra “Il segno ritrovato”, allestita fino a domenica scorsa alla Sala San Giorgio della Biblioteca Malatestiana.

Da giovedì 7 dicembre – fino al 6 febbraio, nella Pinacoteca di via Aldini 26 sarà infatti esposta una consistente selezione delle opere grafiche tratte dal ‘Fondo Barbieri’, conservato in Biblioteca.

La Pinacoteca è aperta da giovedì a domenica con orario dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00.

Dal 1 dicembre, acquistando il biglietto di visita per la Biblioteca Malatestiana, è possibile visitare gratuitamente anche la Pinacoteca (e quindi la mostra).

Gino Barbieri

L’attività artistica di Luigi Giovanni (Gino) Barbieri, nato a Cesena il 26 novembre 1885, da Alessandro e Clorinda Zanotti, inizia nel 1904 con l’iscrizione al R. Istituto di Belle Arti di Firenze, dove ottiene subito brillanti risultati sotto la guida di Adolfo De Carolis, al quale il giovane cesenate molto dovrà del suo precoce successo. I primi consensi pubblici gli derivano già durante il periodo d’accademia dall’attività come ritrattista, ma è la xilografia a dare notorietà a Barbieri, attraverso le collaborazioni alla rivista spezzina “L’Eroica” e con autori ed editori italiani. Tra il 1912 ed il ‘13 è più volte a Bologna come aiuto di De Carolis nella decorazione del salone di Palazzo del Podestà, e svolge intensa attività espositiva in Italia e all’estero. Tra il 1914 ed il ‘15 realizza l’affresco nel catino absidale della Chiesa dei SS. Giuseppe e Leopoldo di Cecina.

Con l’entrata in guerra dell’Italia, Barbieri è chiamato alle armi e destinato dapprima a Medicina e subito dopo a Malamocco. Durante il servizio militare continua l’attività artistica. Con una serie di tavole xilografiche è presente nel ’17 alla Esposizione del Soldato a Firenze. A Venezia, Barbieri entra in contatto con Gabriele d’Annunzio, al cui interessamento deve l’invio al fronte sull’Isonzo e quindi sull’altipiano dei Sette Comuni. Qui, nella notte tra il 16 e il 17 novembre 1917, durante la difesa di Montezomo, nel tentativo di snidare un gruppo di franchi tiratori, Barbieri viene colpito a morte.

Articoli recenti

Festa della Musica: “Zenophilia” a Palazzo Santa Margherita

Performance del trio jazz alle 21 con Zeno De Rossi, Piero Bittolo Bon, Filippo Vignato MODENA - Spazio come sempre…

18 ore passati

Be Here, Bologna Estate 2018 gli appuntamenti di giovedì 21 giugno

BOLOGNA - Giovedì 21 giugno inaugura a MAMbo That’s IT! Sull'ultima generazione di artisti in Italia e a un metro…

18 ore passati

Venerdì 22 giugno, Question Time a Bologna

BOLOGNA - Venerdì 22 giugno, alle 11.30 in sala del Consiglio a Palazzo d'Accursio, si terrà la seduta di Question…

19 ore passati

Nando e Maila in SCONCERTO D’AMORE questa sera a Vallera

PIACENZA - “Spesso le cose più interessanti sono le più folli”. Sono parole di Federico Fellini che ben si adattano…

19 ore passati

Riconoscimento dell’Amministrazione comunale alla formazione dei ‘Bulls’ del Ferrara Tchoukball

Giovedì 21 giugno alle 17 nella sala degli Arazzi della residenza municipale FERRARA - Giovedì 21 giugno alle 17, nella…

19 ore passati

Modena Jazz Festival, tra artisti giovani e affermati

Da giovedì 21 a lunedì 25 giugno in città, a Modena Centrale, Albinelli, Lapidario MODENA - Si parte giovedì 21…

19 ore passati

L'Opinionista © 2008 - 2018 - Emilia Romagna News 24 supplemento a L'Opinionista Giornale Online
reg. tribunale Pescara n.08/2008 - iscrizione al ROC n°17982 - P.iva 01873660680
Contatti - RSS - Archivio news - Privacy Policy - Cookie Policy

SOCIAL: Facebook - Twitter - Google Plus - Pinterest

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice