L’Artusi conquista il Portogallo con il ristorante che propone solo ricette tratte dal manuale

L’Artusi conquista il Portogallo con il ristorante che propone solo ricette tratte dal manualeFORLIMPOPOLI  (FC)  – La buona cucina è un condensato di virtù e crocevia di molte strade. Come quella dell’imprenditore Paolo Morosi, di origini toscane, che si è trovato a percorrere gli insegnamenti più che mai attuali della figura di Pellegrino Artusi.

Insegnamenti che ha appreso in Italia ed esportato all’estero, più precisamente in Rua do Merca-tudo 4 a Lisbona, dove con un pizzico di orgoglio tutto italiano ha da poco aperto il suo ristorante “L’Artusi” .

Nel locale, a conduzione familiare, il cuoco e la figlia che si occupa della sala si sono formati per diversi giorni alla Scuola di Cucina di Casa Artusi cimentandosi con primi piatti, paste fresche, ricette di pesce e carne. E ora sono pronti a replicare fedelmente le ricette del manuale artusiano in terra portoghese, guai a chi improvvisa.

A palato soddisfatto, gli ospiti più curiosi possono approfondire la loro conoscenza artusiana sfogliando una versione brasiliana del ricettario “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene” tradotto da Anabela Ferreira per volere del Comune di Forlimpopoli, della Regione Emilia Romagna, della consulta degli emiliano romagnoli all’estero e dell’associazione degli emiliano romagnoli in Brasile.

A breve, per volere dello stesso Paolo Morosi, dovrebbe arrivare una nuova traduzione del libro: questa volta in portoghese ‘europeo’ per rendere le ricette artusiane più fruibili al pubblico del Portogallo.

Dopo l’apertura di ‘Casa Artusi Filippine’ e ‘L’Artusi’ a Lisbona aumentano i seguaci del gastronomo italiano per eccellenza che, se potesse commentare, direbbe sicuramente “Obrigado!”.