“L’amore nella Bufera”: l’italianista Ida Campeggiani parla della poesia di Montale nell’ambito delle “Letture Malatestiane”

Biblioteca MalatestianaGiovedì 29 marzo, ore 17.00, conferenza  nell’Aula Magna della Biblioteca Malatestiana

CESENA – Giovedì 29 marzo alle 17.00 nell’Aula Magna della Biblioteca Malatestiana l’italianista Ida Campeggiani dell’Università di Urbino terrà una conferenza dal titolo “L’Amore nella Bufera”, sulla poesia di Eugenio Montale. L’incontro fa parte del ciclo delle “Letture Malatestiane” promosse dal Comitato Società Dante Alighieri di Cesena, che quest’anno sono dedicate al tema “Amore e amicizia nella letteratura italiana (da Boccaccio a Parise)”.

Terza raccolta di Montale, “La bufera e altro” vede la nascita del grande mito di Clizia, la donna-angelo capace di affrontare la bufera della guerra e di domarla. Dietro questo pseudonimo si nasconde Irma Brandeis, la giovane ebrea americana ispiratrice e dedicataria delle Occasioni. Ma, mentre in Italia vengono promulgate le leggi razziali e in Europa scoppia la guerra, Irma torna in America e si allontana definitivamente da Eugenio. Siamo nel 1938, ed è la fine di una passione grande ma fragile, senza sbocco. Tuttavia, all’assenza di lei nella realtà risponde una straordinaria intensificazione della sua presenza nella lirica: così Montale crea la figura divina di Clizia.

Durante l’incontro, Campeggiani ripercorrerà le poesie della Bufera che raccontano questo amore impossibile e sublime: un amore solo letterario e forse, proprio per questo, più struggente e perfetto.

Ida Campeggiani

Nata a Cesena nel 1987, Ida Campeggiani ha studiato alla Scuola Normale Superiore di Pisa, dov’è stata allieva del corso ordinario e del corso di perfezionamento (conseguendo il titolo nel 2015). Attualmente è professore a contratto presso l’Università di Urbino. Si è occupata di letteratura novecentesca, con lavori su Montale, Magrelli, Rosselli, Bassani, Gadda, e di letteratura rinascimentale, con saggi su Castiglione, Bembo, Michelangelo.