La Provincia di Parma risponde all’appello dei lavoratori della Filiberti

Cantoni: “I governi devono intervenire, è una situazione paradossale.” Vescovi: “Siamo solidali con azienda e lavoratori, continueremo a fare pressioni sul Ministero”

Provincia di ParmaPARMA – Gli amministratori della Provincia di Parma non restano insensibili all’appello dei lavoratori della Cff Filiberti di Bedonia, azienda specializzata nell’estrazione e lavorazione di marmo, pietra e granito.

I Consiglieri Delegati Cantoni e Vescovi esprimono la loro solidarietà all’azienda e alle maestranze, che vivono una situazione di grave difficoltà a causa del mancato pagamento di una commessa internazionale, in particolare la realizzazione del Parlamento maltese, che funziona e viene utilizzato da più di un anno; il governo di Malta, per una questione legata ad altre forniture ha negato alla Filiberti il pagamento di una cifra importante, che mette in grave difficoltà l’azienda. A tutti i 19 lavoratori è stata applicata la Cigs per crisi aziendale, grazie a un accordo siglato in Regione tra sindacati e azienda qualche mese fa.

Filiberti_xweb“E’ una vicenda che ha dell’incredibile – commenta il Delegato provinciale Gianpaolo Cantoni, già promotore a suo tempo del tavolo di crisi provinciale – la Filiberti è un’azienda in situazione di stabilità, in grado di prendere lavoro ed eseguirlo. I governi dovrebbero capire che la vicenda va risolta molto rapidamente: chi ha lavorato deve essere pagato e alla svelta.”

“Siamo vicini all’azienda e ai lavoratori – dichiara il Delegato provinciale Maurizio Vescovi – Come Provincia abbiamo fatto tutto il possibile, ora il tavolo si è spostato a Roma e la palla è passata al Ministero. Da parte nostra continueremo a fare pressione sui nostri parlamentari affinché la vicenda possa concludersi positivamente.”