Investimenti in Borsa, l’Emilia Romagna al top in Italia

investimenti-in-borsa-lemilia-romagna-al-top-in-italiaEMILIA ROMAGNA – La regione Emilia Romagna si è sempre contraddistinta nel panorama nazionale come una delle più movimentate, in senso positivo, quando si tratta di investimenti.

Un interessante studio dell’Osservatorio AIM Italia, che si occupa di monitorare il mercato di quotazione delle PMI, ha fatto emergere come l’Emilia Romagna sia seconda soltanto dietro la Lombardia per capitalizzazione di mercato. Sono 10 le aziende emiliane quotate: SITI B&T Group, Energica Motor Company, Mobyt, Modelleria Brambilla, Bio-on, PLT Energia, Expert System, Primi sui Motori, Poligrafici Printing, Rosetti Marino.

Se da una parte ci sono le aziende che decidono di investire in Borsa dall’altra ci sono le persone comuni che decidono di investire i propri soldi in titoli azionari, almeno in parte. Il fatto che siano molte le persone che lo fanno, non significa che si tratti di un’attività facile da svolgere o che non serva alcun tipo di conoscenza.

Chi dice che non è necessaria una laurea in economia per poter guadagnare con i titoli azionari non mente, ma è bene ricordare che, come per ogni cosa, anche gli investimenti azionari hanno le loro regole, che vanno studiate ed approfondite. In particolare buona parte degli investitori che tendono a perdere regolarmente parte del loro capitale tendono a commettere errori ricorrenti, che sono stati accuratamente studiati e motivati.

Mancanza di conoscenza

Uno degli errori più classici di alcuni investitori è proprio la mancanza di informazioni; ci sono persone che acquistano azioni senza una strategia o un piano d’azione e senza informarsi in alcun modo su ciò che stanno acquistando. Informarsi sulle questioni finanziarie non è cosa difficile e, per di più, moltissime banche forniscono ai loro clienti consulenza gratuite, volte a migliorare il loro portafoglio azionario. Basta cominciare seguendo i suggerimenti di un consulente, per poi cominciare a fare affari da soli, scegliendo le società di cui acquistare i titoli con oculatezza, studiandone le peculiarità e le strategie d’azione.

Questo metodo nella scelta delle azioni da acquistare non dà la certezza di possedere solo titoli altamente remunerativi, ma spesso mette al riparo da perdite improvvise, spesso facilmente prevedibili con un minimo di ricerche in rete. La rete è ricca di notizie che riguardano la borsa, i diversi titoli disponibili, gli indici azionari e le diverse società quotate. Anche la semplice lettura quotidiana delle quotazioni è già un buon esercizio, ideale per cominciare a prendere dimestichezza con questo mondo e con i suoi attori. Ad esempio in questa pagina si possono trovare interessanti approfondimenti sulle azioni MPS, che rendono meno aleatorie le decisioni di chi desidera acquistare titoli di questo istituto di credito.

Evitare l’emotività

Sembra incredibile, ma sono molte le persone che tendono ad acquistare titoli azionari seguendo l’istinto o le proprio passioni. C’è chi in questo modo acquista i titoli della società che produce un bene di lusso che vorrebbe avere, o della squadra del cuore. Non è detto che tali scelte siano scorrette, solo che in molti casi si tende a mantenere questi titoli, anche dopo mesi di perdita di valore, o dopo una rapida crescita delle quotazioni che fa presagire un repentino cambio di tendenza. Gli affari devono essere effettuati con la testa, non con il cuore, evitando di lasciarsi guidare dall’emotività. Per questo conviene valutare ogni singolo titolo azionario per quello che è, esaminando le prospettive della società che lo ha emesso e le politiche aziendali. Se un titolo che amiamo perde da molto tempo, e la società cui appartiene ha annunciato tagli al personale e una probabile bancarotta, allora conviene vederlo, anche se si sta parlando delle azioni ella squadra del cuore.

Non saper valutare i propri errori

Capita a tutti: si inizia una nuova attività e si commettono alcuni piccoli errori. La persona saggia ripensa periodicamente alle sue attività, per considerare dove ha sbagliato, in modo da modificare il suo comportamento. Purtroppo non tutti siamo saggi, e molte persone tendono a reiterare nel tempo i medesimi errori, incappando sempre nelle stesse problematiche. Capita a volte che, anche con un comportamento scorretto, si possono ottenere dei vantaggi economici; ma questa non è la norma: un colpo di fortuna non ci può indicare la via per un comportamento corretto da tenere nel corso del tempo. Rivalutare il proprio operato è spesso cosa difficile da compiere; molto spesso conviene rivolgersi ad un consulente del settore, che saprà meglio indicarci dove sbagliamo, per evitarci di ripetere il nostro comportamento sbagliato.

Molto spesso questo tipo di errore si correla al primo della lista: se non conosciamo il mondo della finanza, tendiamo ad acquistare e vendere titoli azionari lasciandoci guidare dal caso. Un elevata conoscenza dell’economia può venire anche attraverso fonti diverse, che non riguardano esclusivamente il trading azionario o le borse. Molto spesso anche consultare pagine divulgative, come ad esempio quelle della Banca Centrale Europea può essere un’attività molto proficua.

Tutto ciò che riguarda questo ente si può trovare comodamente a questa pagina: https://www.ecb.europa.eu/ecb/html/index.it.html . Internet è una fonte molto utile per reperire notizie e informazioni che riguardano gli investimenti in titoli azionari e ci possiamo trovare anche numerosi articoli dedicati agli errori più comuni di chi investe in questo ambito. Molto spesso leggere opinioni e commenti di chi ha avuto esperienze simili alle nostre ci può far aprire gli occhi su quali sono i comportamenti scorretti che tendiamo a manifestare più spesso. Conviene investire un poco del nostro tempo ogni giorno, in modo da arricchire costantemente le nostre conoscenze in questo settore.