Incontro pubblico con i carabinieri per informarsi e prevenire

Furti e truffe, come difendersi. Mettere le case in maggiore sicurezza con alcuni semplici accorgimenti ed evitare di cadere nelle astute trappole di finti dipendenti di aziende di servizio o di falsi funzionari pubblici

come-difendersi-da-furti-e-truffeVILLA MINOZZO (RE) –  La parola d’ordine è quella di non abbassare la guardia nei confronti di ladri e truffatori. Proseguono infatti con un secondo appuntamento, dopo quello dello scorso dicembre, gli incontri tra la popolazione e le forze dell’ordine per imparare a difendersi da furti e raggiri.
L’iniziativa, organizzata dal Comune in collaborazione con l’Arma dei carabinieri, si terrà giovedì mattina (27 ottobre), giorno di mercato, alle 10, in sala consiliare.

furti-dal-sito-dellarma-dei-carabinieri“Per contrastare il fenomeno delle truffe a domicilio (e non) e dei furti nelle abitazioni – sottolinea il sindaco Luigi Fiocchi – l’informazione e la prevenzione sono fondamentali, specialmente quando sono nel mirino le persone anziane. E’ vero che nella terza età, per natura ed esperienza, si tende a comportarsi in maniera prudente, ma è altrettanto vero che, vista l’astuzia dei malfattori, è possibile incappare con più facilità in situazioni dalle spiacevoli conseguenze”.
Oltre al primo cittadino, interverranno il capitano Dario Campanella, comandante della compagnia carabinieri di Castelnovo Monti, che condurrà la mattinata, e il maresciallo Vinicio Antonioli, comandante della stazione di Villa Minozzo.

“In questa occasione – continua Fiocchi – si forniranno ai partecipanti alcuni semplicitruffe-dal-sito-dellarma-dei-carabinieri suggerimenti per evitare di cadere nelle trappole dei malviventi, che si fingono spesso dipendenti di aziende di servizio o funzionari pubblici, o per mettere le case in maggiore sicurezza dai furfanti, non lasciando, ad esempio, le chiavi sotto lo zerbino, scale o cataste di legna davanti all’abitazione, o non fornendo ad estranei i dati delle utenze di luce, gas ed acqua”.

“In un territorio così esteso e complesso come il nostro – conclude il sindaco – costituito da una ventina di frazioni e da un centinaio fra paesi e borgate, oltre alle moltissime case sparse, è effettivamente di vitale importanza possedere in tutte le famiglie maggiori conoscenze e strumenti per affrontare al meglio il problema, che coinvolge in modo particolare gli anziani, ma non solo”.