Festa Artusiana XXI° Edizione: programma di venerdì 30 giugno

Nella settima giornata della Festa Artusiana sarà presentato il volume “Giotto, la casa, il colle di Vespignano” alla presenza dei curatori Giuliano Paladini e Adriano Rigoli, la “biodiversità recuperata” sarà al centro di un incontro e di una mostra a Casa Artusi. Continuano le esperienze gastronomiche negli stand in Piazza Artusi, le visite guidate al Museo e gli spettacoli per le vie del centro

Festa Artusiana 2017FORLIMPOPOLI (FC) – La Festa Artusiana giunge alla settima giornata e ospita Giuliano Paladini, Presidente dell’Associazione “Dalle terre di Giotto e dell’Angelico” e Adriano Rigoli, Presidente dell’Associazione Nazionale Case della Memoria: alle 19.00 saranno a Casa Artusi per presentare il volume da loro curato “Giotto, la casa, il colle di Vespignano” (Masso delle Fate Edizioni, 2017).

La pubblicazione propone una raccolta di saggi che indagano, a partire dalla figura di Giotto bambino, l’intero territorio circostante, ricco di bellezze storico-artistiche e prelibatezze enogastronomiche. La Casa di Giotto, che come Casa Artusi aderisce all’Associazione nazionale che riunisce le case-Museo, si trova in località Vespignano, a Vicchio nel Mugello.

All’incontro anche il sindaco del comune di Vicchio Roberto Izzo e Fabrizio Scheggi dell’Associazione “Delle Terre di Giotto e dell’Angelico”. Coordina l’incontro il Vice Presidente dell’Associazione Nazionale Case della Memoria Marco Capaccioli.

La serata a Casa Artusi continua alle 21.00 con la presentazione del quaderno “Frutti dimenticati e Biodiversità recuperata” sui casi studio di Lazio e Abruzzo coordinato da Ispra e Arpae. Il volume è composto da una serie di pubblicazioni dedicate allo studio delle specie frutticole italiane in pericolo di estinzione o non più coltivate. Sarà, inoltre, allestita una mostra di varietà frutticole proposte dal Crae – Frf. Al termine della serata verrà offerto ai presenti l’assaggio di un dolce a sorpresa di Miro Mancini, Premio Marietta ad honorem 2013. L’appuntamento è curato dall’Associazione Accademia Artusiana e dalla Pro Loco di Forlimpopoli.

Le iniziative al Museo

Alle 19.00 inizia la visita guidata Forlimpopoli da assaggiare, passeggiata alla scoperta dei principali monumenti della città con degustazione di prodotti tipici.

Una seconda visita guidata inizia alle 20.00 con Stare a tavola nel mondo antico, percorso alla scoperta dei cibi e dei modi di vivere la convivialità dalla Preistoria al Rinascimento (la visita guidata si ripeterà anche alle 21.00 e alle 22.00). Entrambe le visite guidate sono a cura della Fondazione RavennAntica.

Proposte per tutti i palati

Nella animatissima Piazza Artusi, dalle 20.00 stand gastronomici per tutti i gusti. Arriva da Sogliano al Rubicone lo stand Formaggio di fossa di Sogliano al Rubicone Dop insieme alle teglie di Montetiffi, dalla Lombardia invece i sapori dello stand Il Malfatto di Carpenedolo De.C.O. Nello spazio Terre di Predappio, a cura del Gruppo Scout Adulti San Cassiano e dell’Associazione Terre di Predappio, una degustazione di formaggi biologici dell’Azienda Agricola “Il Sasso”, affettati, piadina, tortelli alla lastra, strozzapreti al Sangiovese con scaglie di pecorino delle Grotte della Zolfatara, abbinati a un calice di Sangiovese di Predappio.

E’ di Bertinoro lo stand del ristorante La Svineria dove assaggiare tartare di sedano, avocado, mela, rucola e mandorle tostate e paccheri gratinati con piselli, besciamella al lampone e crumble di arachidi, abbinati al vino della Fattoria Paradiso, mentre lo stand del Ristorante Villa Carpena preparerà una degustazione di lasagnetta con ragù bianco di salsiccia al Pagadebit, al pesto di ortiche e pecorino e un cremoso di ricotta con salsa al caffè e cialda di biscotto all’olio extravergine di oliva e semi di anice abbinati ai vini di Poderi dal Nespoli.

I vini della Tenuta il Diavoletto saranno abbinati alle tagliatelle con funghi galletti e salsiccia del ristorante “Il Laghetto” di San Benedetto in Alpe mentre il ristorante Bel Posto di Corniolo preparerà il tortello alla lastra come piatto rappresentativo del crinale appenninico, premiato all’Expo Milano 2015 come prodotto di eccellenza.

Gli spettacoli di venerdì 30 giugno

Per la settima serata della Festa Artusiana saranno in programma ben nove spettacoli, facenti parte del ricco cartellone realizzato sotto la direzione artistica di Stefano Bellavista dell’Associazione culturale Cult.

Si inizia alle 20.00 alla Pasticceria Mancini con la rassegna ArtusiJazz 2017 che vedrà protagonisti Simone La Maida Organ Trio S. con La Maida al sax, Sam Gambarini alle tastiere e M. Frattini alla batteria.

Dalle 20.30 le marcette di Artusi Marching Band accendono le vie della Festa, mentre in via Veneto va in scena la comicità di Miro Strinati in: Il Nano Morris (20.30-21.00-22.30).

Dalle 21.00 fra bancarelle e piccoli stand spazio a Art Klamauk: Don’t worry, brum brum! mentre in piazzette e piazzole arriva la musica di One Man Band-Beppe Chirico con un concerto per grancassa, fisarmonica, tromba, fischietti, tamburelli e gran kazoo.

Alle 21.15 e alle 22.15 in via Costa arriva il Trombon Bar con Marcello “Jandu” Detti in concerto mentre alle 21.30 in piazza Pompilio spazio allo spettacolo teatrale Denis Campitelli: Il Primo Secondo: La storia e le vicende d’inizio carriera del mito della musica popolare romagnola Secondo Casadei con accompagnamento musicale di Andrea Branchetti.

Alle 22.00 all’ArtusiJazz Arena va in scena il concerto Bearzatti-Bex-Gatto, un omaggio a Roberto Visani (offerto da Visani Idrosanitari) con con F. Bearzatti al sax-clarino, E. Bex all’hammond ed R.Gatto alla batteria.

I più piccoli potranno divertirsi dalle 21.00 attorno alla rocca con Mulino di Amleto: Le grandi fughe del Mago Houdin con Matteo Giorgetti e Marco Mussoni.