Ferrara tra i primi comuni italiani del solare fotovoltaico

logo Comune FerraraFERRARA – Ferrara è tra i primi 10 comuni del solare fotovoltaico per potenza installata sul proprio territorio. Precisamente si trova in nona posizione nella classifica stilata dal Rapporto Comuni Rinnovabili 2016 di Legambiente presentato ieri 11 maggio a Roma.

I numeri raccontano di un totale di 72,1 MW di potenza a fronte di 1.739 impianti installati, un numero di impianti inferiore in Italia solo ai comuni di Roma e di Ravenna. Si tratta dunque di un grande risultato della collettività, che porta Ferrara verso un modello energetico sempre più distribuito, pulito e innovativo e verso il raggiungimento dell’obiettivo di produzione da solare fotovoltaico che la città si è posta con il Piano di Azione per l’Energia Sostenibile (PAES), un obiettivo che prevede circa 85 MW di solare fotovoltaico installato entro il 2020. Questo obiettivo potrà presumibilmente essere raggiunto ancor prima del 2020, visto che, dopo lo stallo riscontrato nel biennio 2014-2015 per la cessazione della tariffa incentivante, oggi sta riprendendo la diffusione del fotovoltaico in particolare per quel che riguarda i piccoli impianti domestici che, con le detrazioni al 50%, l’abbassamento dei costi di installazione e l’autoconsumo, possono rientrare dall’investimento anche in 5/6 anni. (fonte dei dati ANIE Rinnovabili e Digital Day Corriere della Sera.)

Per quanto riguarda i comuni con la maggior potenza di fotovoltaico installata su strutture comunali, sebbene Ferrara non rientri tra i primi 10 in classifica, si discosta da essi per appena 10 kW, che corrispondono ad un piccolo impianto aggiuntivo rispetto ai 1,09 MW già installati grazie anche al progetto Fotovoltaico per Ferrara.

Nel Rapporto, Ferrara risulta anche tra i grandi comuni 100% elettrici, ovvero i 7 comuni italiani oltre i 100mila abitanti in cui già oggi si produce da fonte rinnovabile più energia elettrica di quella complessivamente consumata dalle famiglie residenti, questo grazie al fotovoltaico ma anche agli impianti di produzione da biogas presenti sul territorio.

“Il Rapporto Comuni Rinnovabili 2016 – afferma il sindaco Tiziano Tagliani – mette in evidenza non solo impianti legati alla produzione di energia elettrica e termica, ma anche progetti collegati alla mobilità sostenibile. In questo ambito, viene presentato come esempio interessante quello proposto dal nostro Comune, che a partire dal 2013, complice la dismissione di 26 veicoli obsoleti, ha deciso di dotare i propri dipendenti di mezzi elettrici per gli spostamenti di servizio”.

“Grazie al progetto Mi Muovo Elettrico – free Carbon City – sottolinea l’assessore comunale all’Ambiente Caterina Ferri – il Comune ha infatti acquistato 10 veicoli elettrici tra quadricicli, VAN e furgoni, alimentati da un impianto fotovoltaico da 99,40 kW installato sul tetto dei magazzini di proprietà del Comune, portando un risparmio per le casse comunali di 40-45mila euro”.

A questo si affianca poi il progetto e-bike 0 che ha consentito la realizzazione di 2 postazioni di ricarica fotovoltaica per un totale di 20 biciclette a pedalata assistita per gli spostamenti di lavoro dei dipendenti comunali e della polizia municipale, portando un risparmio di circa 1.000 kg di CO2 l’anno.