Ferrara, nuova illuminazione a led per valorizzare le strutture architettoniche

piazza Buozzi a FerraraAl via il nuovo impianto a risparmio energetico in Piazza Buozzi

FERRARA – É entrato in funzione nel pomeriggio di ieri, martedì 22 dicembre, il nuovo impianto di pubblica illuminazione di piazza Buozzi realizzato nell’ambito dell’intervento di riqualificazione dell’area centrale di Pontelagoscuro, di cui è attualmente in corso la seconda fase di lavori.

Per l’illuminazione funzionale della piazza, dei percorsi ciclopedonali e dell’area antistante la scuola materna Fondazione Braghini Rossetti è stato realizzato un impianto costituito da 14 punti luce su pali cilindrici per arredo urbano, alti 9 metri, e altri 11 punti luce su pali a sezione rettangolare alti 4 metri e posizionati lungo il percorso ciclo pedonale. Per tutti i punti luce sono stati utilizzati apparecchi illuminanti con tecnologia a Led di nuova generazione ad alta efficienza luminosa (con temperature di colore 3000°K) ed auto-dimmerazione per la riduzione notturna del flusso luminoso, in un’ottica di risparmio energetico.

Per l’illuminazione architetturale della torre campanaria e della facciata della chiesa l’impianto realizzato è costituito da faretti posti sul fabbricato della chiesa o incassati a terra, dotati di sorgenti tipo ad alogenuri metallici con bruciatore ceramico; la tonalità della luce scelta è bianco calda (con temperatura di colore 3000°K), particolarmente adatta alla valorizzazione di strutture in pietra faccia-vista.

Tutti i nuovi impianti sono in linea con le norme in materia di risparmio energetico ed inquinamento luminoso. Proseguono, nel frattempo, nella piazza le opere di questo secondo lotto di lavori di riqualificazione programmati dall’Amministrazione comunale. Nel tratto compreso tra via Risorgimento e corso del Popolo è stato steso lo strato di base in conglomerato bituminoso ed è stata ultimata la posa e la stuccatura dei cubetti di porfido e dei binderi in granito.
L’area resterà chiusa al traffico fino al 6 gennaio prossimo, per consentire il consolidamento dei sottofondi, con particolare riferimento all’attraversamento in pietra naturale realizzato in corrispondenza dell’intersezione con via Risorgimento.

A partire dal 7 gennaio 2016 l’area sarà aperta al traffico e verrà invece recintato il controviale dove inizieranno le operazione di scavo e sbancamento.