Ferrara, ‘I libri di Giorgio Bassani: traduzioni, tradizioni, negoziazioni’

Convegno mercoledì 16 e giovedì 17 novembre dalle 15 nella sala Agnelli della biblioteca Ariostea
comitato-bassani

FERRARA – Punterà i riflettori sulle traduzioni in altre lingue dei romanzi di Bassani, e sull’influenza da questi esercitata sulla letteratura straniera contemporanea, il convegno in programma nei pomeriggi di mercoledì 16 e giovedì 17 novembre, dalle 15, nella sala Agnelli della biblioteca Ariostea.

L’iniziativa dal titolo ‘I libri di Giorgio Bassani: traduzioni, tradizioni, negoziazioni’, è organizzata dal Comitato Nazionale per le celebrazioni del centenario della nascita di Giorgio Bassani e dal Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Ferrara, ed è curata da Cristina Montagnani e Matteo Galli.

LA SCHEDA a cura degli organizzatori
Il centenario della nascita di Giorgio Bassani ha offerto occasione per numerose iniziative, in Italia e in Europa; questa di Ferrara si segnala per la sua peculiarità, giacché per la prima volta al centro dell’indagine viene collocata la ricezione dello scrittore e della sua opera fuori dall’Italia. Verrà quindi affrontato il tema delle traduzioni nelle lingue più importanti del mondo occidentale, ma anche dell’influenza che i romanzi bassaniani hanno esercitato sulla letteratura straniera coeva. Accompagna il convegno una mostra, che porta lo stesso titolo, e che si propone di documentare i rapporti fra lo scrittore e l’editoria al di là dei confini nazionali.

PROGRAMMA:

MERCOLEDÌ 16 NOVEMBRE DALLE 15

Introduzione di Cristina Montagnani
Saluti: Giorgio Zauli, rettore dell’Università di Ferrara; Giulio Ferroni, presidente del Comitato Bassani; Matteo Galli, direttore del Dipartimento di Studi umanistici dell’Università di Ferrara.
Interventi di:
Domenico Scarpa (Centro internazionale di studi Primo Levi, Torino): Paperback writer.
Andrea Bresadola (Università di Macerata): La ricezione di Bassani nella Spagna franchista: traduzioni e censura.
Silvia Datteroni: Giorgio Bassani in Spagna: ricezione e critica dal franchismo alla contemporaneità.
Bernard Urbani (Université d’Avignon et des Pays de Vaucluse): Deux réécritures de «La notte del ’43»: «Un certain Felloni» (Michèle Lesbre), «Le silence éclatant des rêves» (Rachid Faggioli).
Vincent Raynaud (Éditions Gallimard): L’opera di Giorgio Bassani in Gallimard, passato e presente.
Anna Wasilewska: Giorgio Bassani in Polonia: una presenza incostante.

GIOVEDÌ 17 NOVEMBRE DALLE 15

Interventi di:
Paola Spinozzi (Università di Ferrara): Giorgio Bassani e Tim Parks fra Italia e Inghilterra.
Valerio Cappozzo (University of Mississipi): Le lezioni americane di Giorgio Bassani.
Jamie McKendrick: Rifacendo «Il romanzo» in inglese: la terza traduzione.
Isabella von Treskow: Giorgio Bassani e la «condizione ebraica» nella critica letteraria.
Rosy Cupo (università di Ferrara): presentazione della mostra I libri di Giorgio Bassani: traduzioni, tradizioni, negoziazioni.

La mostra sarà inaugurata alle 18 a Palazzo Turchi di Bagno