A Ferrara aumentano i posti per Medicina e Chirurgia. Il linguaggio di genere a Unife

Buone notizie per gli aspiranti medici all’Università di Ferrara

Unife Università degli studi di Ferrara logoFERRARA – Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha reso noti i posti disponibili per l’immatricolazione al corso di laurea magistrale in Medicina e Chirurgia per il prossimo anno accademico.

A livello nazionale, i posti sono passati da 8.817 a 9.224, con un aumento del 5% circa.  A livello regionale le altre 3 Università (Bologna, Modena e Reggio Emilia e Parma) hanno avuto aumenti dell’8/10%, mentre il nostro Ateneo ha ottenuto un aumento del 25%, passando da 139 a 175 posti.

Dopo due anni di diminuzioni, un importante segnale di attenzione del Ministero nei confronti dell’Università di Ferrara, che riesce così a centrare un nuovo risultato positivo.

Per informazioni: Maria Grazia Campantico, cmpmgr@unife.it, tel. 0532 293243, cell. 335 1409739

Proseguono le attività del gruppo di lavoro sul linguaggio di genere in Unife

Il Rettore Giorgio Zauli, con proprio provvedimento, ha stabilito che in tutti gli atti dell’ Università di Ferrara la lingua italiana venga utilizzata nella consapevolezza,  nel rispetto e nella valorizzazione delle differenza di genere.
A tal fine, Zauli ha incaricato da qualche mese un gruppo di lavoro costituito da personale appartenente a CUG e CP, docenti e PTA di redigere le “Linee guida per l’uso del genere nel linguaggio amministrativo in Unife”, con la validazione dalla Prof.ssa Laura Bafile dell’Università degli Studi di Ferrara, oltre che dalla Prof.ssa Giuliana Giusti dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, attraverso il contributo scientifico di entrambe le docenti.
Il gruppo che sta lavorando sul linguaggio di genere è composto da: Silvia Borelli, Cinzia Buzzoni, Maria Grazia Campantico, lIaria Fazi, Cinzia Mancini, Lucia Manzalini, Omar Paolucci, Maria Chiara Pozzovio, Gianluca Rizzati, Claudia Spirito e Michela Capris.
Il Rettore ha altresì incaricato il Direttore Generale di dare attuazione, dopo la conclusione della redazione delle  “Linee guida per l’uso del genere nel linguaggio amministrativo in Unife”,  a tutte le attività tese ad intraprendere un percorso di revisione del linguaggio in tutta la modulistica e in tutti gli atti promossi dall’ Ateneo, comprendendo, in tale revisione, anche i testi relativi alla comunicazione interna, esterna e al sito internet, prevedendo un apposito momento di formazione mirata per tutto il PTA.
L’Ufficio Sicurezza e ambiente è stato individuato dal Direttore Generale come Ufficio pilota per collaborare con il gruppo di lavoro. Sono impegnati nell’attività: Alessia Alberti, Elena Bellettini, Andrea Binder, Maurizia Fabbri, Giampaolo Mancin, Mirna Pasqualini, Andrea Travagli e Pietro Zucchini.
Le attività del gruppo di lavoro saranno presentate in occasione del Festival di Internazionale a Ferrara, durante l’evento “Nominare per esistere”, che si terrà venerdì 30 settembre alle ore 18 presso la Libreria IBS+Libraccio, piazza Trento Trieste. Interverranno Cristiana Fioravanti, Cinzia Mancini, Laura Bafile, Giuliana Giusti e Maria Grazia Campantico.
Unife ha inoltre aderito a “Io parlo e non discrimino”, una Carta d’Intenti rivolta non solo agli enti pubblici, ma anche ad aziende e soggetti privati che vogliano impegnarsi nel perseguire questo importante cambiamento formale per l’utilizzo del linguaggio in modo non discriminatorio.
Per ulteriori dettagli: http://www.unife.it/progetto/equality-and-diversity/pap/azioni/linguaggio-genere