Estate modenese: ai giardini un menù “Povero ma Dop”

Ristorazione, portata avanti dal “Buon Ristoro”, ad alta tipicità con tortellini e gnocco e tigelle e prodotti Doc, Dop e Igp

logocomune-modenaMODENA – La ristorazione ai Giardini Ducali nell’ambito della rassegna Giardini d’Estate 2017 sarà portata avanti dal “Buon Ristoro” di Piacere Modena in collaborazione con l’Istituto Spallanzani di Castelfranco Emilia, che metterà in campo i ragazzi del corso enogastronomico a supportare gli chef e lo staff dell’associazione che promuove le tipicità modenesi.

Il Menù proposto ai partecipanti agli incontri e alle serate in programma nello spazio verde del centro storico in corso Canalgrande, sarà quello semplice della tradizione povera modenese, che però, com’è noto, è in verità ricca di eccellenze dop e igp.

In cima alla lista figurano “sua maestà” il Gnocco fritto di Modena e la “signora” Tigella di Modena, serviti in abbinamento alle tipicità come il Prosciutto di Modena, il Parmigiano Reggiano, il Salame di San Felice, il Cicciolo, il Pesto montanaro, il Cotechino di Modena e le Caciotte dell’Appennino modenese, le confetture di Amarene brusche di Modena e il Mirtillo nero dell’Appennino modenese.

Non mancherà, comunque, il Tortellino di Modena in crema di parmigiano reggiano con gocce preziose di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena. E per chiudere in bellezza, o meglio in dolcezza, le Crostate e gli Amaretti di Modena.

Il tutto innaffiato con le quattro doc modenesi del Lambrusco.

Informazioni e prenotazioni per il Buon Ristoro al tel. 059 208672.

Il programma dell’Estate modenese è online (www.comune.modena.it/cultura).