ERF#StignaniMusica: Filarmonica di Brescia e Bergamo & Alessandro Taverna questa sera a Imola

Filarmonica Festival Pianistico BS BG copia 2Martedì 5 dicembre, alle ore 21.00, appuntamento al Teatro Ebe Stignani

IMOLA (BO) – Martedì 5 dicembre alle ore 21.00 per la seconda edizione della stagione invernale del Teatro Ebe Stignani di Imola targata Emilia Romagna Festival, appuntamento con la Filarmonica del Festival Pianistico di Brescia e Bergamo, prestigiosa e giovane orchestra al centro di un progetto innovativo, che si esibirà diretta da Pier Carlo Orizio, il fondatore, accompagnata al pianoforte da Alessandro Taverna. Il programma, da Mozart a Beethoven, sarà tra i più roboanti che la musica classica può offrire.

L’Ouverture de Le Nozze di Figaro di Mozart evoca, fin dalle prime note, una cultura musicale che, per molti, è l’essenza stessa della musica classica. È un piacere per l’ascoltatore riconoscere queste melodie che hanno costruito non solo la storia musicale, ma tutto un immaginario collettivo appartenente sia ai maggiori esperti sia ai più spontanei conoscitori. Tanto più che l’Ouverture può essere considerata l’emblema della genialità di Mozart. Scritta in sei settimane – e alcuni brani addirittura in una sola notte – Le Nozze di Figaro sono la sintesi della sfrenata inventiva Mozartiana. E ne sono anche l’esempio perfetto: l’Ouverture scivolerà nelle orecchie degli spettatori.

Da questa energica leggerezza a quella più compassata ma ugualmente straordinaria del Concerto per pianoforte in La maggiore K. 488, in cui orchestra e pianoforte giocheranno dolcemente in un riverberarsi di temi, fino all’impetuoso terzo movimento. Concluderà il programma la Prima Sinfonia di Beethoven in Do maggiore. Se i primi brani appartengono a un Mozart più maturo, già certo della propria identità, questa conclusione appartiene a un Beethoven ancora acerbo – prima che potesse diventare Beethoven. Sarà interessante notare la fluidità del brano, apprezzarne la scorrevolezza. Anche queste melodie scivoleranno nelle orecchie degli spettatori, versate direttamente dalla Filarmonica del Festival Pianistico di Brescia e Bergamo, accompagnata dal pianista Alessandro Taverna.

La Filarmonica del Festival Pianistico di Brescia e Bergamo, fondata solo nel 2013, può essere considerata già oggi una delle migliori nel panorama italiano, in virtù del progetto innovativo e dinamico. Formata prevalentemente da giovani musicisti, alcuni dei suoi componenti nel 2015 hanno affiancato l’Orchestra giovanile Cherubini in due straordinari concerti diretti da Riccardo Muti. Dal 2014 la Filarmonica è l’orchestra “in residenza” del Festival di Brescia e Bergamo, ma nello stesso tempo svolge una propria attività concertistica che l’ha portata a ottenere vivi successi al Teatro Alighieri di Ravenna, al Carisport di Cesena, al Verdi di Trieste, al Donizetti di Bergamo e in altre sedi. La Filarmonica ha avuto il piacere e l’onore di esibirsi con i violinisti Uto Ughi, Salvatore Accardo, Sergej Krylov, e con i pianisti Daniil Trifonov, Lilya Zilberstein, Federico Colli, Alessandro Taverna, Roberto Cominati, Ramin Bahrami, David Fray.

Il Maestro Pier Carlo Orizio, direttore d’orchestra, oltre ad essersi esibito con le migliori orchestre europee, tra cui la Filarmonica di San Pietroburgo, la Russian National, la Camerata Salzburg con Salvatore Accardo solista, la Tchaikovsky Symphony, la Danish National Symphony, è uno dei fondatori della suddetta Filarmonica del Festival Pianistico di Brescia e Bergamo. Profondamente interessato alla musica del nostro tempo, ha diretto brani di Arvo Pärt, Sofia Gubaidulina, Krzysztof Penderecky e prime assolute, tra gli altri, di Giancarlo Facchinetti e Mauro Montalbetti.

Taverna-AlessandroIl Maestro Alessandro Taverna, pianista, ha invece avuto il merito di sbocciare alla luce del grande pubblico internazionale a Leeds, per il Concorso Pianistico del 2009. “Il pubblico, all’improvviso, è stato pervaso da una solenne bellezza: sono stati impeccabili minuti di intensa poesia!”, scrisse all’epoca il quotidiano britannico The Independent . Da allora ha potuto esibirsi nelle migliori sale e stagioni musicali di tutto il mondo. Ha suonato come solista con prestigiose orchestre quali Filarmonica della Scala, Münchner Philharmoniker, Royal Philharmonic Orchestra, Minnesota Orchestra, Royal Liverpool Philharmonic, Bucharest Philharmonic, Scottish Chamber, Bournemouth Symphony, Orchestra dell’Accademia Teatro alla Scala, Orchestra del Festival di Brescia e Bergamo, collaborando con direttori quali Riccardo Chailly. Nel 2012 ha ricevuto dal Presidente Giorgio Napolitano il Premio Presidente della Repubblica, attribuitogli per meriti artistici e per la sua carriera internazionale.

INGRESSO
I settore (platea e palchi centrali) € 20
II settore (palchi laterali) € 16
Loggione € 12

Informazioni Abbonamenti e Biglietteria
http://www.emiliaromagnafestival.it/erf-winter/info-abbonamenti-biglietti/

PROGRAMMA
Ouverture da “Le nozze di Figaro”, opera buffa in 4 atti K. 492
Wolfgang Amadeus Mozart

Concerto per pianoforte in la maggiore K. 488
Wolfgang Amadeus Mozart

Prima Sinfonia in do maggiore op. 21, dedicata a Gottfried van Swieten
Ludwig van Beethoven
CV ARTISTI
Nato a Brescia nel 1963, Pier Carlo Orizio si è diplomato in pianoforte sotto la guida di Sergio Marengoni e in direzione d’orchestra con Donato Renzetti, frequentando altresì i corsi di perfezionamento tenuti da Emil Tchakarov (Venezia 1988) e da Leonard Bernstein (Roma 1989). Ha diretto alcune delle principali orchestre europee tra le quali la Filarmonica di San Pietroburgo, la Russian National, la Camerata Salzburg con Salvatore Accardo solista, la Tchaikovsky Symphony, la Danish National Symphony. Con la Prague Philharmonia ha registrato per la RAI il Concerto n. 1 di Beethoven e il Concerto di Schumann, solista Martha Argerich. Un rapporto speciale lo lega alla Cina, ove è stato direttore artistico del Beijing International Piano Festival. Dal 2008 ha diretto nelle principali sale cinesi orchestre quali la Beijing Symphony e la China Broadcasting Symphony Orchestra.
Nella sua attività concertistica ha collaborato con nomi leggendari quali Mstislav Rostropovich, Sir James Galway, Rudolf Buchbinder, Boris Berezovsky su invito dei maggiori festival europei.
Profondamente interessato alla musica del nostro tempo, ha diretto brani di Arvo Pärt, Sofia Gubaidulina, Krzysztof Penderecky (solista al flauto Massimo Mercelli) e prime assolute, tra gli altri, di Giancarlo Facchinetti e Mauro Montalbetti.
Nel 2013 ha fondato, con Luca Ranieri, la Filarmonica del Festival Pianistico di Brescia e Bergamo (di cui è Direttore Artistico dal 2007), collaborando con solisti quali Uto Ughi, Daniil Trifonov, Ramin Bahrami, Sergej Krylov.
Tra i prossimi impegni (marzo-aprile 2018) Pier Carlo Orizio tornerà a dirigere la prestigiosa Russian National Orchestra: a Mosca per l’inaugurazione del Festival Rostropovich, solista al pianoforte Mikhail Pletnev, e alla Royal Opera House di Muscat, in Oman, solista al violino Sergej Krylov.
Pier Carlo Orizio è dal 2002 docente di Esercitazioni Orchestrali presso il Conservatorio “E.F. Dall’Abaco” di Verona.

Alessandro Taverna si è affermato a livello internazionale al Concorso Pianistico di Leeds nel 2009: «Il pubblico, all’improvviso, è stato pervaso da una solenne bellezza: sono stati impeccabili minuti di intensa poesia!» ha scritto il quotidiano britannico The Independent della sua esecuzione del Primo concerto per pianoforte di Chopin. Da allora la sua carriera lo ha portato ad esibirsi in tutto il mondo nelle più importanti sale e stagioni musicali: Teatro alla Scala di Milano, Teatro San Carlo di Napoli, Musikverein di Vienna, Royal Festival Hall e Wigmore Hall di Londra, Gasteig di Monaco, Konzerthaus di Berlino, Philharmonic Hall di Liverpool, Sala Verdi e Auditorium di Milano, Bridgewater Hall di Manchester, Auditorium Parco della Musica di Roma, MITO Settembre Musica.
L’artista ha suonato come solista con prestigiose orchestre quali Filarmonica della Scala, Münchner Philharmoniker, Royal Philharmonic Orchestra, Minnesota Orchestra, Royal Liverpool Philharmonic, Bucharest Philharmonic, Scottish Chamber, Bournemouth Symphony, Orchestra dell’Accademia Teatro alla Scala, Orchestra del Festival di Brescia e Bergamo, collaborando con direttori quali Riccardo Chailly, Fabio Luisi, Lorin Maazel, Daniel Harding, Michele Mariotti, Thierry Fischer, Pier Carlo Orizio, Roland Böer, Joshua Weilerstein, Reinhard Goebel.
È inoltre stato scelto dalla fondazione internazionale Keyboard Trust di Londra, per esibirsi in una serie di recital in Europa e negli Stati Uniti, tra cui il Castleton Festival del celebre direttore d’orchestra Lorin Maazel.
Sono numerose le sue prestigiose affermazioni in concorsi pianistici internazionali tra i quali il Piano-e-Competition (Stati Uniti), i concorsi di Londra, di Leeds, di Hamamatsu (Giappone), il Concorso Busoni di Bolzano, il Premio Venezia, il Premio Scriabin di Grosseto, il Premio “Arturo Benedetti Michelangeli”.
Veneziano di nascita, si è formato presso la Fondazione Musicale S. Cecilia di Portogruaro, diplomandosi sotto la guida di Laura Candiago Ferrari col massimo dei voti, la lode e la menzione d’onore. Ha completato la sua formazione artistica all’Accademia Pianistica di Imola con Franco Scala, perfezionandosi nel contempo con Leonid Margarius, Piero Rattalino, Boris Petrushansky. Ha conseguito il diploma cum laude all’Accademia Nazionale S. Cecilia di Roma con Sergio Perticaroli e si è in seguito perfezionato alla Lake Como Piano Academy e alla Hochschule für Musik, Theater und Medien di Hannover con Arie Vardi.
Ha ricevuto al Quirinale da Giorgio Napolitano il Premio Presidente della Repubblica 2012, attribuitogli per meriti artistici e per la sua carriera internazionale.

La Filarmonica del Festival Pianistico di Brescia e Bergamo è un’orchestra sinfonica composta in gran parte da giovani musicisti. Costituitasi nel 2013 come nucleo portante di un progetto innovativo e dinamico, in grado anche di offrire concrete opportunità professionali ai migliori diplomandi e diplomati dei nostri Conservatori, la Filarmonica è divenuta una delle realtà musicali più interessanti del panorama italiano, tanto che alcuni dei suoi componenti nel 2015 hanno affiancato l’Orchestra giovanile Cherubini in due straordinari concerti diretti da Riccardo Muti. Dal 2014 la Filarmonica è l’orchestra “in residenza” del Festival di Brescia e Bergamo, ma nello stesso tempo svolge una propria attività concertistica che l’ha portata a ottenere vivi successi al Teatro Alighieri di Ravenna, al Carisport di Cesena, al Verdi di Trieste, al Donizetti di Bergamo e in altre sedi. Recentemente (gennaio 2017) ha debuttato alla Royal Opera House di Muscat, in Oman, accanto al celebre tenore Plácido Domingo. Altro debutto di spicco, a settembre 2017, all’Arena di Verona, nel decimo anniversario della scomparsa di Luciano Pavarotti.
Prestigioso l’elenco dei solisti con cui la formazione ha tenuto concerti: dai violinisti Uto Ughi, Salvatore Accardo, Sergej Krylov, ai pianisti Daniil Trifonov, Lilya Zilberstein, Federico Colli, Alessandro Taverna, Roberto Cominati, Ramin Bahrami, David Fray. Da segnalare inoltre le collaborazioni con l’attore Luca Micheletti e con il coro di voci bianche I Piccoli Musici.
In questi anni la Filarmonica ha proposto un repertorio sinfonico molto ampio, con capolavori di Mozart, Beethoven, Mendelssohn, Čajkovskij, Prokofiev, Rachmaninov. Ha partecipato a produzioni d’opera (Rosmonda d’Inghilterra al Festival Donizetti di Bergamo) e all’esecuzione di musiche da film (Omaggio a Fellini al Meeting di Rimini). Tra le finalità della formazione c’è quella di avvicinare alla grande musica un nuovo pubblico. Intensa, a tal proposito, l’attività delle prove aperte con ascolti guidati per un efficace coinvolgimento del mondo della scuola.
Responsabile artistico dell’orchestra è il musicista Luca Ranieri, prima viola dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, mentre suo direttore principale è il maestro Pier Carlo Orizio, anima artistica del Festival di Brescia e Bergamo. La Filarmonica si è anche avvalsa della collaborazione di numerosi direttori ospiti tra cui Umberto Benedetti Michelangeli, Eugene Kohn, Enrico Bronzi, Sergej Krylov, Eduard Topchjan ed il giovanissimo Alessandro Bonato.
www.erfestival.org

ERF#StignaniMusica 2017-18
presenta

Filarmonica del Festival Pianistico di Brescia e Bergamo

Pier Carlo Orizio, direttore
Alessandro Taverna, pianoforte

Musiche di Wolfang Amadeus Mozart, Ludwig van Beethoven

Martedì 5 dicembre – ore 21.00
IMOLA – Teatro Ebe Stignani

LINK UTILI
Facebook Emilia Romagna Festival
Twitter @erfestival

Calendario e programmi concerti QUI:

ERF #Stignani Musica Imola


Informazioni Biglietti e Abbonamenti QUI:

Info Abbonamenti e Biglietti


CV e Foto in alta risoluzione degli artisti QUI:
http://www.emiliaromagnafestival.it/erf-winter/artisti-winter/

Ufficio Stampa ERF
Michela Giorgini – mob +39 339 8717927 – giorginimichela@gmail.com