Eraldo Baldini e Giuseppe Bellosi presentano i libri “Halloween” e “Calendario e tradizioni in Romagna”

Sabato 29 ottobre, alle ore 17, nell’Aula Magna della Biblioteca Malatestiana di Cesena

halloweenCESENA – In Biblioteca Malatestiana si parla di Halloween e di tradizioni romagnole con Eraldo Baldini e Giuseppe Bellosi. L’appuntamento è per sabato 29 ottobre, alle 17, nell’Aula Magna, quando i due autori presenteranno i loro libri “Halloween” e “Calendario e tradizioni in Romagna”, entrambi firmati a quattro mani ed editi dalla Società editrice “Il Ponte Vecchio”.

Con “Halloween” (sottotitolo: “Origine, significato e tradizione di una festa antica anche in Italia”) Baldini e Bellosi compiono un meticoloso viaggio nel folklore del nostro Paese, rievocando una serie di tradizioni che da tempi immemorabili hanno caratterizzato il periodo dell’anno compreso fra il 31 ottobre e l’11 novembre, giorno di San Martino. Tanti gli elementi comuni presenti in tutta Italia come riti di accoglienza per i defunti, dolci tradizionali dal nome macabro, questue di bambini, zucche intagliate, cene e libagioni, racconti terrificanti. Questo a dimostrazione che l’intero bagaglio di usi e suggestioni legato ad Halloween non solo è di derivazione europea, ma anche di calendario-e-tradizioni-in-romagnagrandissima diffusione, che supera e precede i confini della cultura celtica a cui è attribuito.

Più specificamente improntato alle tradizioni del territorio romagnolo, invece, è “Calendario, tradizioni in Romagna. Le stagioni, i mesi e i giorni nei proverbi, nei canti e nelle usanze popolari”.
Con questo volume Baldini e Bellosi ripropongono una loro fortunata opera del 1989 ormai introvabile (“Calendario e folklore in Romagna”), rivisitata e arricchita con una corposa nuova parte di aggiornamenti, integrazioni e ampliamento del testo.
Nella cultura popolare le stagioni, i mesi e i giorni sono oggetto e spunto di numerosi proverbi, indovinelli, filastrocche, che da una parte ne celebrano le caratteristiche rituali, religiose e culturali, dall’altra ne enunciano le particolarità concrete e materiali. Il volume offre una raccolta di tali testi, disposti seguendo l’ordine del calendario, in lingua romagnola e nella traduzione in italiano, spiegandoli e commentandoli.