Emilia Romagna: Patrizio Bianchi sul boom degli istituti tecnici e professionali

L’assessore regionale alla Scuola e alla Formazione: “Una scelta dei ragazzi che dimostra l’efficacia di un’azione collettiva oggi consolidata dal Patto per il lavoro”. In Emilia-Romagna il 53% degli studenti preferisce questi istituti ai licei, dicono i dati sulle domande di iscrizione al primo anno diffusi dall’Ufficio scolastico regionale per il 2017-2018

logoregioneemiliaromagnaBOLOGNA – “In Emilia-Romagna continuiamo a investire sull’istruzione tecnica e professionale, agendo sempre più sulla qualità dei percorsi, oltre che sul rafforzamento del legame tra scuole e imprese. Dunque la scelta dei ragazzi è frutto anche di una lunga azione svolta insieme da istituzioni e parti sociali per restituire a queste scuole un ruolo guida nei sistemi formativi”.
Così l’assessore regionale alla Scuola e alla Formazione Patrizio Bianchi commenta i dati sulle domande di iscrizione al primo anno delle scuole statali e paritarie, diffusi dall’Ufficio scolastico regionale per l’anno scolastico 2017-2018, che in Emilia-Romagna attestano agli istituti tecnici e professionali la preferenza del 53% degli studenti.

“Un’azione collettiva, la nostra, oggi consolidata dal Patto per il Lavoro- aggiunge Bianchi-, che ha contribuito alla scelta dei ragazzi per i tecnici e i professionali, confermando anche quest’anno un dato regionale decisamente superiore rispetto al trend nazionale”.