“Effimera”, ai confini del web “Dalle avanguardie a youtube”

1 - Eva e Franco Mattes- My Generation- 2010- Mata Modena.Incontri collaterali alla mostra d’arte e new media al Mata di Modena fino al 22 maggio. Sabato 16 aprile alle 18 primo incontro con Diego Zuelli e Guido Bartorelli. Ingresso libero

MODENA – Tre incontri in programma, moderati dai curatori Luca Panaro e Fulvio Chimento, per entrare nel mondo di “Effimera. Relazioni disarmoniche”, la mostra di arte contemporanea legata i new media, visitabile a ingresso libero al Mata di Modena fino al 22 maggio 2016. Sabato 16 aprile alle 18, nello spazio espositivo dell’ex Manifattura Tabacchi, si svolge l’appuntamento intitolato “Dalle avanguardie a Youtube” aperto alla libera partecipazione di tutti gli interessati. Dell’argomento si parla con Diego Zuelli, artista che lavora con video e computergrafica dai primi anni del Duemila, e con Guido Bartorelli, ricercatore di Storia dell’arte contemporanea all’Università di Padova, e autore del libro “Studi sull’immagine in movimento” (Cleup edizioni, Padova 2015): undici saggi brevi che analizzano alcuni capolavori di arte contemporanea, accomunati dal fatto di conferire movimento all’immagine.

“Dalle avanguardie a Yout3 - Carlo Zanni- Average Shoveler- 2005- Mata Modena -ph. Domenico Giannantonioube” è il primo del ciclo di tre appuntamenti costruiti per approfondire i temi proposti dalla mostra “Effimera”, realizzata al Mata in collaborazione con la Galleria civica di Modena. Tre incontri che mirano a conoscere da vicino gli artisti in mostra, affiancati da critici esperti del settore artistico dei new media. Il Mata diviene così lo scenario di un confronto che permette di scoprire l’esposizione e le opere presenti di Eva e Franco Mattes, Carlo Zanni e Diego Zuelli, partecipando a un dibattito culturale incentrato su arte, tecnologia e potenzialità del web.

Il secondo incontro, in programma Sabato 30 aprile, sempre a ingresso libero al Mata alle 18, è dedicato alla presentazione del catalogo della mostra: “Effimera – Relazioni disarmoniche” (APM Edizioni, Carpi, 2016). Interviene Carlo Zanni, artista che sperimenta nuove forme di arte contraddistinte dall’utilizzo di dati prelevati in tempo reale dalla rete, dando vita a progetti basati sul passare del tempo e in continua trasformazione. Insieme a lui anche Marco Mancuso, critico e curatore nel campo delle tecnologie digitali, fondatore e direttore della rivista on-line Digicult. Mancuso insegna “Tecniche dei nuovi media integrati” a Milano. Con la Digicult Agency ha curato numerose mostre, tavole rotonde, meeting ed eventi legati ai nuovi media.

Il terzo appuntamento, stesso luogo e stessa ora, è in programma venerdì 13 maggio e si intitola “Performance e confini fisici del web”. Protagonisti Eva e Franco Mattes che dialogheranno in video conferenza da New York con Fulvio Chimento, Luca Panaro, e il pubblico del Mata. Il medium di Eva e Franco Mattes consiste in una combinazione di Internet, video e performance. La loro ricerca esplora le questioni etiche e morali che sor5 - Diego Zuelli- 8 minuti luce- 2016- Mata Modena -ph. Sofia Picarellogono quando le persone interagiscono a distanza, in particolare attraverso i social media. Tra le loro personali: Essex Flowers, New York; Postmasters Gallery, New York; Carroll / Fletcher, London; Site, Sheffield; Pnca, Portland; Plugin, Basilea.

La mostra “Effimera – Relazioni disarmoniche”, a cura di Fulvio Chimento e Luca Panaro, allestita in collaborazione con la Galleria civica di Modena, è allestita fino al 22 maggio 2016 nel nuovo spazio culturale “Mata”, in via della Manifattura dei Tabacchi 83, a Modena. L’esposizione è visitabile a ingresso libero dal giovedì alla domenica dalle 11 alle 13 e dalle 16 alle 19.30.

Info on line sul sito del Mata (www.mata.modena.it); sulla pagina Facebook del Mata (www.facebook.com/MATA-Modena) e sulla pagina Facebook della mostra “Effimera” (www.facebook.com/projecteffimera).