Emilia Romagna News 24 quotidiano online, notizie ultim'ora

Parma, “Educare alle differenze a scuola – Teniamoci in Con-Tatto”

Il progetto è stato promosso dall’Assessorato alle politiche per l’infanzia e per la scuola del Comune 

PARMA –  Anche per quest’anno l’Assessorato alle politiche per l’infanzia e per la scuola del Comune di Parma, in collaborazione con l’Associazione di promozione sociale ZonaFranca, e con il contributo della Regione Emilia Romagna, ha promosso il progetto “Educare alle differenze a scuola – Teniamoci in Con-Tatto” rivolto alle scuole del primo e secondo ciclo.

Il progetto si pone la finalità di mettere in atto, attraverso l’uso di linguaggi artistici e culturali, forme di educazione sul riconoscimento e il rispetto delle differenze e il superamento degli stereotipi, per favorire una cultura positiva sui rapporti di genere e sulle loro rappresentazioni.

Con la realizzazione nella scuola di laboratori teatrali, si può agire precocemente per aiutare i bambini e i ragazzi a sviluppare adeguate competenze emotive ed affettive, fornendo loro strumenti di conoscenza del valore delle differenze, la comprensione e l’accettazione dell’altro, oltre a promuovere l’espressività individuale e di gruppo, stimolare il cambiamento del singolo e favorire l’espressione di se’ e della propria unicità e diversità. Il 20 e 21 aprile sono in programma gli esiti dei laboratori con due giornate dedicate alla rappresentazioni teatrali, al Teatro al Parco, che vedranno i ragazzi coinvolti come protagonisti e, il prossimo 7 maggio, sarà organizzato un Flash Mob in città. Ne hanno parlato questa mattina, nel corso di una conferenza stampa, la vicesindaco con delega alla scuola e pari opportunità Nicoletta Paci; Mariastella Carpi responsabile della Struttura Operativa Servizi per la Scuola del Comune; Erika Azzali, coordinatrice del progetto; Armanda Borghetti dell’Associazione ZonaFranca, Emanuela Giovannoni del Teatro della Briciole; Loredana Scianna di Europa Teatri e Mario Mascitelli del Teatro del Cerchio.

“Il progetto – ha sottolineato la vicesindaco Nicoletta Paci – è sostenuto dalla Regione e dal Comune. Si svolge su 7 classi e coinvolge 190 bambini. Spesso si parla di violenza, in particolare di violenza sulle donne, questo progetto ha preso in esame il tema delle discriminazioni e delle differenze con il proposito di formare le giovani generazioni in un’ottica di prevenzione rispetto a questo tema. Le due giornate clou saranno il 20 ed il 21 aprile con gli spettacoli messi in scena dai giovani e con il Flash Mob del 7 maggio”.

Mariastella Carpi, responsabile della Struttura Operativa Servizi per la Scuola, ha espresso soddisfazione per un progetto significativo. “Il linguaggio teatrale – ha spiegato – è senza dubbio fondamentale e assai adatto, in un percorso di educazione ai sentimenti ed alle capacità di relazione dei ragazzi, per arrivare al rispetto delle differenze”.

Erika Azzali, coordinatrice del progetto, ha ricordato le date del 20 e 21 aprile. “Il 20 saranno messi in scena tre spettacoli, gli altri quattro andranno in scena il 21 al Teatro al Parco, a partire delle 16.30 – 16.45; i primi tre saranno a cura dei bambini delle elementari, mentre quelli del 21 vedranno protagonisti quelli delle medie, in tutto 7 classi. A questi si aggiunge il Flash Mob del 7 maggio”.

Armanda Borghetti dell’Associazione ZonaFranca, Emanuela Giovannoni del Teatro delle Briciole, Loredana Scianna di Europa Teatri e Mario Mascitelli del Teatro del Cerchio hanno parlato di una bellissima esperienza che ha messo in dialogo molti dei teatri cittadini e tanti giovani, grazie anche alla partecipazione delle istituzioni e degli insegnanti. “Sono emerse tante cose belle dai ragazzi che hanno esternato i loro pensieri, le loro difficoltà ed i loro desideri”.

Nelle scuole, i laboratori di teatro sono stati condotti nel corrente anno scolastico dai professionisti di 4 teatri cittadini: Associazione ZonaFranca (titolare del progetto), Teatro delle Briciole, Teatro del Cerchio ed Europa Teatri.

Le scuole coinvolte quest’anno sono 6, per un totale di 7 classi e circa 190 tra bambini e ragazzi:

Istituto Comprensivo Sanvitale-Fra’ Salimbene (classi 2D primaria e 1C secondaria)

Istituto Comprensivo Albertelli-Newton (classe 5B primaria)

Istituto Comprensivo Montebello (classe 5A primaria)

Istituto Comprensivo Micheli (classe 1D secondaria)

Istituto Comprensivo Ferrari (classe 1B secondaria)

Istituto Comprensivo Parmigianino (classe 2D secondaria)

I laboratori si concluderanno con rappresentazioni finali (7 spettacoli, uno per ogni classe), progettate e messe in scena grazie alle riflessioni e alle suggestioni emerse nel corso delle attività espressive condotte nelle diverse classi.

Le 7 rappresentazioni andranno così a comporre due eventi che si svolgeranno il 20 aprile (per le primarie) e il 21 aprile (per le secondarie) presso il Teatro al Parco dalle ore 16.30, alla presenza di docenti e di genitori delle classi coinvolte.

Si tratterà di occasioni per ascoltare dalla voce dei ragazzi le loro riflessioni in merito a questo tema attuale e così importante, attraverso ciò che hanno creato, vissuto e rappresentato.

A conclusione del progetto verrà, inoltre, realizzato un Flash Mob che si svolgerà nelle strade del centro e in Piazza Garibaldi il 7 maggio a partire dalle 10.45, con l’obiettivo di restituire in pochi minuti alla cittadinanza il senso e il significato del tema “differenze a scuola” emerso ed elaborato durante i laboratori teatrali.

Promozione e coordinamento del progetto:

S.O. Servizi per la Scuola del Comune di Parma

Capofila del progetto:

Associazione di promozione sociale ZonaFranca

Il progetto è stato realizzato grazie al finanziamento di:

Comune di Parma – S.O. Servizi per la Scuola

Regione Emilia Romagna (L.R. 14/2008 “Norme in materia di politiche per le giovani generazioni”)

Il progetto è stato realizzato grazie alla preziosa collaborazione dei teatri cittadini:

Associazione di promozione sociale ZonaFranca

Teatro delle Briciole

Teatro del Cerchio

Europa Teatri