“Doc in tour”: il regista forlivese Alessandro Quadretti presenta il suo docufilm “Sensibile”

Lunedì 16 aprile, ore 21.00, appuntamento al Cinema San Biagio

docufilmCESENA – Lunedì 16 aprile alle 21.00 al cinema San Biagio sarà ospite il regista forlivese Alessandro Quadretti a presentare il suo documentario “Sensibile” prodotto da Officinemedia in collaborazione con Associazione italiana elettrosensibili, Remedia malattie e disabilità ambientali e Comitato Lecce via Cavo, dopo aver ottenuto un finanziamento tramite crowfundig nel 2017. La presentazione sarà accompagnata dalla musica dal vivo di Massi Amadori (Opez).

L’appuntamento fa parte di “Doc in tour”, rassegna itinerante promossa da Assessorato alla cultura della Regione Emilia Romagna in collaborazione con FICE Emilia-Romagna e Documentaristi Emilia-Romagna (D.E.R) per distribuire nelle sale cinematografiche della regione opere documentarie di nuova produzione.

“Sensibile” è il primo documentario italiano che tratta due malattie ambientali in forte crescita: la sensibilità chimica multipla (Mcs) ed Elettrosensibilità (Ehs), due patologie ambientali in forte crescita e non ancora riconosciute dal sistema sanitario nazionale. A volte presenti entrambe nello stesso soggetto, comportano nel primo caso l’impossibilità di tollerare esposizioni a sostanze chimiche e, nel secondo caso, a campi elettromagnetici, anche in quantità minime. Da sottolineare che nel 75% dei casi le persone “sensibilizzate” sono donne.

A causa di alcune perplessità espresse da parte della comunità scientifica, sono ancora poche le nazioni che hanno intrapreso percorsi di ricerca indipendente su queste malattie. Sullo stesso asse si colloca anche l’Italia, dove le istituzioni tardano a riconoscere le patologie e i diritti dei malati, che sono costretti a cure all’estero o a vivere una vita di rinunce. E proprie sulle storie di queste persone, si concentra il documentario di Quadretti.

“Sensibile – spiega il regista forlivese Quadretti – racconta le storie di chi soffre e di chi cura, di chi ha dovuto reinventare la sua vita, affrontando i cambiamenti indotti dalla malattia; ma, soprattutto, vuole evidenziare, oltre la retorica e i facili slogan, che le malattie ambientali sono un problema di tutti. Perché un ambiente malsano, aggressivo e inospitale sarà sempre una minaccia, anche per chi ora non è malato”.

Informazioni: www.facebook.com/sensibiledocumentario/

“Doc in tour” proseguirà è lunedì 23 aprile con la doppia proiezione di “Fugh int i scapàin” di Marco Landini e Gianluca Marcon e “L’uomo che sconfisse il boogie” di Davide Cocchi.