Dalla Regione 66mila euro per il progetto “Cesena in Musica”

comune di Cesena logoGuiderà gli allievi delle scuole cesenati a scoprire il piacere di suonare insieme

CESENA – “Cesena in musica” primeggia a livello emiliano-romagnolo. La Regione ha appena comunicato di aver ammesso a finanziamento il progetto così denominato, elaborato da una rete territoriale molto articolata, che ha come capofila il Corelli, istituto musicale del Comune di Cesena, e coinvolge, oltre all‘Amministrazione Comunale e il Conservatorio Maderna, le scuole di musica riconosciute dalla Regione “Sacco Matto” e “Accademia 49-Officina della musica”, le direzioni didattiche del 3°, 4° e 5° circolo; le scuole secondarie di primo grado “Via Pascoli”, “Anna Frank” e “Viale della Resistenza”, Enaip ed Ert.

“Cesena in musica”, infatti, si è classificato quarto nella graduatoria dei 21 progetti finanziati, scelti fra i 34 presentati, e per questo riceverà 66.285 euro, distribuiti su due anni, che consentiranno di coprire pressoché la totalità dei costi preventivati.

Rivolto ai ragazzi delle scuole elementari e media e agli allievi dell’Enaip, il progetto partirà nel prossimo aprile e prevede la realizzazione negli istituti coinvolti, in orario extrascolastico, di otto laboratori/percorsi di musica d’insieme strumentali e corali, sviluppati dalle scuole di musica cesenati con la supervisione del Conservatorio.

Ogni laboratorio si articolerà complessivamente in una cinquantina di lezioni collettive della durata di circa 2 ore, sarà del tutto gratuito per i partecipanti e verrà proposto come ampliamento dell’offerta extrascolastica.

“Questo finanziamento – rimarcano con soddisfazione il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore alla Cultura Christian Castorri, che hanno voluto condividere la bella notizia con i consiglieri comunali, inviando loro una lettera – premia il lavoro di rete che abbiamo saputo mettere in atto e dimostra che ormai è indispensabile creare sinergie e mettere insieme le forze per intercettare finanziamenti regionali, nazionali ed europei. E proprio perché siamo consapevoli che, procedendo in solitudine, sarà sempre più difficile realizzare progetti importanti per i cittadini, continuiamo ad attivare e portare avanti contatti e collaborazioni, così come indica anche la delibera di indirizzo sulla Cultura. I risultati di oggi rafforzano il nostro impegno in questa direzione, confermandoci che la strada imboccata è quella giusta, soprattutto in un ambito, come quello culturale, a cui i cesenati hanno sempre dedicato una particolare attenzione”.