Dal 1° ottobre tornano le limitazioni alla circolazione previste dal Piano aria della Regione

Ma il Sindaco e l’Assessora Lucchi alla Regione: “Misure poco rispondenti agli obiettivi: serve un nuovo confronto per costruire politiche più lungimiranti”

logo-comune-cesenaCESENA – Anche a Cesena tornano in vigore dal 1 ottobre, per protrarsi fino al 31 marzo 2017, le misure di limitazione alla circolazione previste dal “Piano aria integrato regionale” (Pair2020), con il quale la Regione Emilia-Romagna mette in campo le misure necessarie per rientrare nei valori limite degli inquinanti atmosferici fissati dall’Unione Europea e da raggiungere entro il 2020. Quest’anno il numero di Comuni emiliano romagnoli coinvolti sale a 30: per la prima volta, infatti, sono interessate anche le città con una popolazione compresa fra i 30 e i 50mila abitanti.

Il Comune di Cesena ha appena pubblicata l’ordinanza con le modalità di applicazione delle direttive regionali. Pressochè confermata l’impostazione già sperimentata negli anni passati: le limitazioni riguarderanno le classi di veicoli più inquinanti che, per i prossimi sei mesi, non potranno circolare dal lunedì al venerdì (nella fascia oraria 8.30-18.30) in un’area che abbraccia buona parte del centro urbano.

La posizione del Comune di Cesena
Ma anche se è pronto a fare la sua parte per applicare le indicazioni regionali, il Comune di Cesena ribadisce la propria posizione critica circa l’efficacia di questi provvedimenti e chiede alla Regione di avviare un nuovo percorso di confronto per costruire politiche d’intervento più lungimiranti e aderenti agli sforzi già messi in atto dai Comunu.
E’ questo il senso della lettera che il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore alle Politiche Ambientali Francesca Lucchi, hanno inviato oggi all’Assessore regionale Paola Gazzolo.
“Avere buone condizioni di aria – scrivono il Sindaco Lucchi e l’Assessore Lucchi – è un prerequisito fondamentale per la qualità della vita di una città. E già da tempo il Comune di Cesena ha intrapreso un ampio ventaglio di azioni per migliorarne la qualità: in questi anni ci siamo impegnati per ridurre l’effetto impattante del traffico, per sostenere interventi per promuovere la mobilità elettrica, per promuovere l’uso di mezzi pubblici (val la pena, per esempio, di ricordare come nel 2015 i parcheggi scambiatori a Cesena siano stati utilizzati da quasi 300.000 utenti), per incrementare la sensibilizzazione verso le nuove generazioni (attraverso la promozione di linee piedibus attive in tante scuole della nostra città e con la concretizzazione di numerosi progetti di educazione alla mobilità, che nell’ultimo anno scolastico hanno coinvolto quasi 2000 bambini delle classi primarie). Inoltre, attraverso progetti di riqualificazione urbana, in questi anni abbiamo costantemente ampliato l’area pedonalizzata del centro storico e quella delle piste ciclabili cittadine”.
“Poiché la nostra comunità ha già concretizzato un grande sforzo – proseguono Sindaco e Assessora – , dimostrando una evidente sensibilità verso le scelte di rispetto della qualità dell’aria e dell’ambiente che assieme abbiamo costruito e condiviso, confermiamo ciò che già in passato ci è capitato di comunicare formalmente: il quadro di generalizzate limitazioni al traffico programmato dalla Regione non ci convince. Anzi, le misure previste ci paiono oramai poco rispondenti agli obiettivi fissati e spesso producono una sproporzione evidente fra l’impatto negativo imposto ai cittadini ed i risultati effettivamente ottenuti”.
“Per questo .- concludono Sindaco e Assessora Lucchi -, ci parrebbe necessario avviare un nuovo percorso di confronto che, partendo dalle scelte concretizzate dai Comuni della nostra Regione, ci possa mettere nelle condizioni di costruire politiche più di prospettiva di quelle concretizzate sino ad ora in Emilia-Romagna.

Le restrizioni al traffico
L’ordinanza appena pubblicata ricalca sostanzialmente le misure già applicate lo scorso anno.
L’area interessata alle limitazioni è quella delimitata da un perimetro che, grosso modo, va dal Ponte Nuovo alla rotonda della Grande Foglia (in fondo a via Fiorenzuola) ed è delimitato a nord dalla via Emilia, mentre a sud corre lungo via Canonico Lugaresi, via del Tunnel, Ponte Abbadesse e via Padre Genocchi per proseguire poi verso le colline
In quest’area da ottobre a marzo sarà vietata la circolazione, da lunedì al venerdì, dalle ore 8.30 alle ore 18.30, a tutti i veicoli più inquinanti. Sono esclusi dal provvedimento, i veicoli a benzina omologati Euro 2 o successive, i diesel omologati Euro 4 o successive, i ciclomotori e motocicli omologati Euro 1 o successive, i veicoli elettrici o ibridi dotati di motore elettrico, quelli funzionanti a metano o GPL, gli autoveicoli in car pooling.
Prevista, inoltre, un’ampia serie di deroghe per consentire la circolazione a particolari categorie (disabili, persone che devono sottoporsi a particolari terapie, medici, paramedici, assistenti domiciliari, mezzi adibiti al trasporto di prodotti deperibili, mezzi di pronto intervento, ecc.).
Maggiori dettagli si possono trovare sul sito del Comune di Cesena nella sezione Ambiente, dove sono pubblicate anche l’ordinanza completa e la mappa.