Cordolo Corso Vittorio Emanuele – Le precisazioni dell’Avvocatura comunale

comune piacenzaPIACENZA – Riceviamo e pubblichiamo la nota dell’Avvocatura comunale di Piacenza:

“In riferimento all’articolo sul quotidiano Libertà del 14/09/2016 a firma di Marcello Pollastri, il Comune di Piacenza precisa che riferite al tratto finale di Corso Vittorio Emanuele ad oggi sono pervenute n. 2 richieste di risarcimento da parte di due studi legali piacentini.
Non è pervenuto nessun atto di citazione in giudizio, né richieste di mediazione, negoziazione assistita, o altri strumenti deflattivi del contenzioso previsti dalla legge.
Gli unici due sinistri su cui il Comune di Piacenza ha aperto un’istruttoria, come per prassi, non riguardano nessun sessantenne piacentino.

Il Comune di Piacenza ribadisce che la segnaletica è stata apposta a norma del Codice della Strada e che, se correttamente rispettata dalla cittadinanza, il cordolo, che delimita la pista ciclabile di corso Vittorio Emanuele, non costituisce nessun pericolo per i ciclisti.”