Cittadinanza attiva, ripartono i laboratori gratuiti di lingue straniere

PIACENZA – E’ il 4 novembre prossimo, il termine entro il quale dare la propria adesione ai laboratori gratuiti “Lingue…in Comune”, all’interno del progetto “Attiviamoci per Piacenza”, che vede i volontari di cittadinanza attiva come docenti e tutor. Sul sito web comunale – accessibile dalla home page – si può scaricare il modulo di iscrizione, disponibile anche presso gli sportelli Quinfo di piazzetta Pescheria, indicando sia la tipologia di corso che si intende seguire, sia la fascia oraria di preferenza.
Due le opzioni. La prima, riservata agli over 55 e ai dipendenti pubblici senza limiti di età, riguarda i corsi con cadenza settimanale in orario pomeridiano, al via da metà novembre con l’inglese, in tempi da definire per tedesco e spagnolo, per un totale di circa 40 ore di lezione – strutturate in incontri di 90 minuti – sino all’aprile prossimo, per gruppi di circa 30/35 partecipanti.
Sono invece destinati a tutti, senza distinzioni anagrafiche o di occupazione, i laboratori di conversazione che si terranno presso la biblioteca di strada dell’Infrangibile: in lingua francese il martedì dalle 10 alle 11, in spagnolo in orario da definirsi e, a partire da gennaio, anche in inglese per due sabati pomeriggio al mese. L’impegno sarà di una o due ore con cadenza settimanale o quindicinale.
Le domande saranno accolte in base all’ordine di arrivo, con attivazione dei corsi al raggiungimento del numero minimo di partecipanti.
Il modulo di iscrizione, debitamente compilato, può essere trasmesso via mail a partecipazione@comune.piacenza.it, spedito tramite posta ordinaria all’Ufficio Partecipazione con sede presso il Municipio in piazza Cavalli 2 o consegnato a mano agli sportelli Quinfo di piazzetta Pescheria. I soli costi a carico degli iscritti riguarderanno l’eventuale acquisto di materiale didattico.
L’Ufficio Partecipazione può essere contattato anche telefonicamente, allo 0523-492170, qualora alcuni cittadini volessero mettersi a disposizione, a loro volta, come tutor volontari di lingue straniere.