Cesena, Visitatori in crescita alla Malatestiana

+45% rispetto al al 2015

logo-comune-cesenaCESENA – Consistente aumento dei visitatori della Biblioteca Malatestiana antica, che nei primi sette mesi dell’anno ha registrato un +45,69% rispetto del 2015.
Fra gennaio e luglio, infatti, l’Aula del Nuti ha accolto complessivamente 14.632 persone, con una crescita di oltre 4500 unità rispetto allo stesso periodo del 2015, quando i partecipanti alle visite guidate sono stati 10.043.
In particolare, significativa la performance dei mesi estivi: a giugno si sono contati 1775 visitatori (+60% rispetto ai 1106 del giugno ’15), mentre a luglio sono stati 1274 (+48% rispetto agli 860 del luglio ’15).

Da rimarcare, inoltre, che alla crescita di visitatori corrisponde un incremento degli introiti. Fra gennaio e luglio i biglietti d’ingresso alla Biblioteca hanno portato in cassa poco più di 40mila euro, con un aumento di 11.257 euro ( +37,88%) rispetto ai 29.710 euro incassati nello stesso periodo 2015.

“Riscontriamo con grande soddisfazione – sottolineano il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore alla Cultura Christian Castorri – come anche nei mesi di giugno e luglio prosegua il trend molto positivo che si era già evidenziato nella prima parte dell’anno: segno dell’indiscussa capacità di attrazione della nostra Biblioteca, ormai accreditata fra le mete culturali di maggior interesse del nostro territorio. E sulla base di  questi  dati, riteniamo di poter ambire, a fine anno, ad un aumento di 10.000 presenze, superando così il tetto dei 28mila visitatori. Un dato notevolissimo, questo, rispetto al passato, frutto di tanto lavoro di promozione e valorizzazione, ma che giudichiamo solo un punto di partenza per un luogo unico come la nostra Malatestiana.”.

Ma la Malatestiana si dimostra molto attiva anche sul fronte dell’attività bibliotecaria. Dall’inizio dell’anno si sono registrati 1874 nuovi utenti, di cui quasi 400 solo fra giugno e luglio. Ancora più significativo il dato relativo ai prestiti e ai movimenti librari e di audiovisivi: da gennaio a luglio, in Malatestiana se ne sono contati circa 92mila , di cui quasi 24mila solo negli ultimi due mesi.
contro i 52.234 della Saffi, i 61.679 di Ravenna, i 45.448 di Rimini.

Si tratta di dati di rilievo, specialmente se comparati a quelli delle altre principali biblioteche romagnole. Da inizio 2016 alla Saffi di Forlì si sono registrati 907 nuovi utenti e circa 52mila movimenti; alla Classense di Ravenna i nuovi utenti sono 1516 e i movimenti 61.679; infine, alla Gambalunga di Rimini i nuovi utenti sono 1583 e i movimenti 45.448.

“La crescita costante dei nuovi iscritti, l’alto numero dei movimenti sono risultati oltremodo incoraggianti – rimarcano Sindaco e Assessore – che ci spingono a mantenere alta la qualità dei servizi affinché un sempre maggior numero di utenti possa trovare in Biblioteca risposte adeguate alle proprie esigenze e proposte stimolanti per allargare i propri orizzonti culturali”.