Cesena: visita del Ministro Franceschini al Patrimonio artistico e culturale

A Cesena arriva il Ministro Franceschini per una visita istituzionale a Biblioteca Malatestiana e Pinacoteca della Cassa di Risparmio

Ministro FranceschiniCESENA – Il Ministro dei Beni e Attività culturali e del Turismo Dario Franceschini sarà a Cesena nel pomeriggio di lunedì 30 ottobre per una visita istituzionale imperniata sul patrimonio artistico e culturale cittadino.

Punto di partenza sarà, naturalmente, la Biblioteca Malatestiana, dove il titolare del Mibact, visiterà l’Aula del Nuti e le principali collezioni. Poi un sopralluogo nella parte moderna, dove gli saranno illustrati anche gli sviluppi previsti dal 3° lotto. La tappa successiva sarà nella Pinacoteca della Cassa di Risparmio. Qui sarà presentato anche il progetto di recupero di Palazzo Oir.

Al termine della visita alla Pinacoteca della Carisp il ministro Franceschini si trasferirà alla Libreria Ubik, in piazza del Popolo, dove alle ore 18 presenterà la sua raccolta di racconti “Disadorna e altre storie”.

Sottolineano il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore alla Cultura Christian Castorri:

“Siamo lieti che il Ministro Franceschini abbia accolto il nostro invito e di questo lo ringraziamo sentitamente. Un ringraziamento anche all’onorevole Enzo Lattuca, al quale va il merito di essere riuscito a concretizzare questo appuntamento. Senza dimenticare la senatrice Mara Valdinosi, che in tempi diversi aveva lavorato per lo stesso obiettivo.

Oltre a mostrare al Ministro le nostre eccellenze culturali, infatti, sottoporremo alla sua attenzione alcuni obiettivi su cui lavorare per il futuro. Oltre che del terzo lotto della Biblioteca (che sarà destinato a ospitare il Centro Cinema della città), gli parleremo in particolare del progetto di creare a una grande Pinacoteca cittadina a Palazzo Oir, dove dovrebbero confluire le collezioni del Comune e della Cassa di Risparmio, e di quello, ancor più ambizioso, di realizzare finalmente il Museo della Città. Ma gli accenneremo anche del recupero di Casa Bufalini e della questione legata alla gestione degli spazi dell’Archivio di Stato”.