A Cesena nuova disciplina delle Ztl e delle Zru in vigore da febbraio

Parole d’ordine semplificazione e snellimento. Ridotte le tipologie di pass, nuovi scaglioni tariffari al ribasso, sms di avviso per le scadenze e possibilità di rinnovo on line. Nasce il ticket “entroinc’entro” per gli accessi occasionali

comune-cesenaCESENA – Semplificare le procedure, uniformare le regole e renderle più chiare, migliorare i servizi e l’informazione per gli utenti: sono questi i capisaldi della nuova disciplina di gestione delle Ztl (Zone a traffico limitato) e delle Zru (zone a rilevanza urbanistica), che entrerà ufficialmente in vigore all’inizio di febbraio.

“L’attuale normativa Ztl – Zru risale al 1997 – ricordano il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore alla Mobilità Maura Miserocchi e in questi venti anni, per far fronte a rinnovate esigenze, sono state introdotte numerose modifiche che hanno contribuito a rendere il regolamento complesso e, in taluni passaggi, ad alimentare dubbi sulla sua applicazione. Per questo abbiamo deciso di mettere mano alla materia, con l’obiettivo di snellire la normativa e, soprattutto, facilitare le procedure previste a carico degli utenti. Così, ad esempio, per i residenti, domiciliati e dimoranti del centro storico che non intendono usufruire del diritto di sosta (ad esempio, quelli che hanno il garage) basterà una semplice comunicazione finalizzata all’iscrizione nella lista bianca di Icarus, che sarà valida fino a quando saranno mantenuti i requisiti richiesti. E ancora, è stata sfoltita e ridotta la tariffazione, che si tradurrà in un abbassamento dei costi per la maggior parte delle categorie”.

“Ma al di là delle modifiche introdotte – proseguono Sindaco e Assessoreresta inalterata, anzi si rafforza, la filosofia di fondo che ci ha portato in questi anni ad ampliare le aree a traffico limitato e a favorire forme di mobilità più sostenibile, come la bicicletta e il trasporto pubblico, per l’accesso al centro storico”.

Entrando nel dettaglio, fra le principali novità introdotte c’è la riduzione delle tipologie di contrassegno, che scendono da 18 a 8. Si è deciso, infatti, di aggregare nella stessa tipologia le varie categorie di utenti con prerogative comuni: così, ad esempio, attività commerciali, imprese edili, organi di informazione, associazioni che finora avevano contrassegni diversi, con la nuova disciplina avranno tutti il medesimo tipo di pass.

Ogni tipologia di pass sarà contraddistinta da una lettera (R per i residenti, A per le attività e le associazioni, S per i servizi e l’assistenza) e un numero che corrisponde ai minuti di sosta consentiti (0 = sosta non consentita; 30 = 30 minuti con disco orario; 60 = 60 minuti con disco orario). L’assenza della parte numerica indica la possibilità di sosta illimitata.

I contrassegni saranno rilasciati solo a chi ha titolo reale di godimento del bene. Questo significa che potranno ottenere un pass per la ztl solo i proprietari, locatari e comodatari (debitamente registrati all’Agenzia delle Entrate) degli immobili all’interno dell’area interessata, mentre per quanto riguarda i veicoli, il rilascio è previsto per i proprietari e per coloro che ne detengono l’uso (ad es. leasing, riservato dominio, intestatari temporanei ecc).

Da sottolineare, inoltre, che il Settore Sistemi Informatici del Comune terrà monitorata la posizione anagrafica dei residenti in ZTL, e nel caso di trasferimento di residenza al di fuori del centro storico o in altro Comune, provvederà automaticamente ad annullare il permesso di transito e sosta.

Sforbiciata anche per la documentazione richiesta per il rilascio dei contrassegni, che potrà essere sostituita con una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà che attesti i requisiti richiesti.

“Vengono poi istituiti – riferiscono il Sindaco Lucchi e l’Assessore Miserocchi alcuni ‘servizi di cortesia’ per gli utenti. In particolare sarà possibile ricevere un sms di preavviso della scadenza del contrassegno, per chi ne farà richiesta e lascerà il proprio numero di cellulare. Inoltre, sarà attivata la possibilità di rinnovare i contrassegni e pagare il canone annuo on line. Saranno semplificati e ridotti anche gli oneri dei contrassegni. Attualmente per ogni tipologia di contrassegno oneroso erano previste 4 diverse tariffe in base alla classe di inquinamento (euro 0-3 e euro 4 e successivi) e alla potenza (inferiore o superiore a 100kw). D’ora in poi, invece, a ogni tipo di contrassegno corrisponderà una sola tariffa che sarà quella più bassa applicata finora. Così, per esempio, i residenti senza garage – che finora potevano pagare da un minimo di 90 euro a un massimo di 170 euro – ora pagheranno tutti, senza distinzione, 90 euro”.

Tutti i contrassegni avranno una validità massima di tre anni. Per i contrassegni onerosi la durata è equivalente al numero di anni del canone versato (max 3 anni).

Il rinnovo dei contrassegni deve avvenire entro 15 giorni dalla data di scadenza, con apposita comunicazione in cui si autocertifica la permanenza dei requisiti richiesti per il 1^ rilascio e pagando (se dovuto) il relativo canone.

Viene liberalizzato il transito in Ztl per residenti, domiciliati e dimoranti che, se non intendono usufruire delle sosta in area pubblica, potranno fare a meno del contrassegno. Per il semplice transito, infatti, basterà fare una comunicazione finalizzata alla verifica dei requisiti e alla successiva iscrizione nella cosiddetta lista bianca residenti. Questa procedura è completamente gratuita, ma consente il solo transito in ztl; invece, per usufruire dalla sosta in aree pubbliche stradali gli utenti appartenenti a queste categorie dovranno richiedere il rilascio del contrassegno.

Una novità assoluta rispetto al passato è l’introduzione del ticket di transito e sosta “entroinc’entro” destinato a quanti non hanno i requisiti per ottenere uno specifico contrassegno ma, per motivi personali, hanno bisogno occasionalmente di accedere in ZTL. Il ticket “entroinc’entro”, che potrà essere acquistato online al costo di 5,00 euro, consentirà, per il giorno di registrazione, di transitare in ZTL e di sostarvi con disco orario per 60 minuti negli spazi riservati ai residenti. L’acquisto di questo ticket è limitato a tre accessi mensili per targa registrata;

Proseguendo nell’esame delle modifiche rispetto al passato, cambiano anche alcune modalità di rilascio.

A ogni richiedente potranno essere rilasciati al massimo due contrassegni, anche nel caso in cui l’utente abbia diritto a pass di categorie diverse.

A ogni contrassegno potrà essere associata una sola targa.

Questi provvedimenti riguardano anche alcune categorie che finora avevano goduto di un trattamento diverso.

E’ il caso degli artigiani e degli addetti al trasporto e consegna delle merci che finora potevano ottenere fino a 3 pass, ognuno associato a due targhe, con pagamento per un solo veicolo.

Le cose cambiano anche per i residenti in ZRU che possiedono il garage (e che finora potevano ottenere un pass di sosta illimitata nei parcheggi a pagamento con indicate due targhe): con la nuova procedura dovranno dichiarare il garage e decidere per quale veicolo richiedere il contrassegno di sosta, come attualmente avviene per i residenti del centro storico.

Unica eccezione gli anziani over 65: tenuto conto delle particolari esigenze di questa categoria di utenti, si continuerà a rilasciare un contrassegno per anziano residente in centro storico (che vive solo o in coppia con altro anziano) con associate 2 targhe.

Novità in arrivo anche per la gestione dei pass rilasciati per consentire ai non residenti di raggiungere un posto auto privato situato all’interno della ztl. Ovviamente, il permesso di transito è rilasciato nel caso in cui il richiedente abbia titolo reale di godimento dell’immobile (garage o posto auto), cioè se ne è proprietario, locatario o comodatario (negli ultimi due casi l’atto deve essere registrato presso l’Agenzia delle entrate).

Gli enti o gli istituti proprietari di corti o altri spazi all’interno della ztl dove è possibile parcheggiare, potranno concedere l’uso del posto auto ai propri dipendenti, soci o amministratori, ma per ogni posto auto disponibile saranno concessi al massimo 2 contrassegni, sempre con associata una targa.

Infine, da registrare che sono state ridefinite le modalità di sosta e di transito in Piazza del Popolo e via Malatesta Novello, in considerazione delle particolari condizioni delle due aree.

In Piazza del Popolo sarà consentita la sosta di 15 minuti con disco orario per i residenti della piazza dotati di contrassegno, oltre che per le operazioni di carico e scarico merci.

In via Malatesta Novello il transito e la sosta sono consentiti solo ai residenti, dimoranti e domiciliati della via (per coloro che ne hanno diritto),

I contrassegni ztl attivi sono attualmente poco meno di 5300. Un quarto di essi appartiene a residenti in ztl privi di garage, mentre i residenti con garage sono circa 700.

Una fetta particolarmente consistente – oltre 1200 – è rappresentata anche dai non residenti che dispongono di un posto auto in ztl. Alle attività commerciali, professionali, ecc. in ztl corrispondono circa 400 contrassegni, mentre sono un centinaio i pass rilasciati ad artigiani con sede esterna al centro storico.