Cesena: incontro sul pittore Mario Sironi

Biblioteca MalatestianaMercoledì 21 marzo, ore 17, alla Biblioteca Malatestiana nuovo appuntamento con il corso di storia dell’arte del Novecento curato dall’Associazione Amici dell’Arte

CESENA – Continua il corso di storia dell’arte del Novecento – l’arte italiana tra le due guerre curato dall’Associazione Amici dell’Arte di Cesena.

All’incontro di mercoledì 21 marzo alle 17.00 alla Biblioteca Malatestiana, il professore Renzo Golinucci parlerà di Mario Sironi in un approfondimento dal titolo “Un sorvegliato disfacimento delle cose”.

Nato a Sassari nel 1885, Sironi compie studi tecnici a Roma per poi appassionarsi di Schopenhauer, Nietzsche, Heine e Leopardi, dei romanzieri francesi e di pianoforte. Si iscrive alla Scuola Libera del Nudo in via Ripetta, in questo periodo incontrerà Boccioni, Severini e Balla, avvicinandosi al divisionismo e viaggiando in Francia e Germania. Ispirato dall’opera di Boccioni, si avvicina al futurismo partecipando alle prime esposizioni. Allo scoppio della prima guerra mondiale, si arruola nel Battaglione Volontari Ciclisti insieme a Boccioni e dopo il congedo rientra a Roma e partecipa alla Grande Esposizione Nazionale Futurista. Ripartirà quasi subito per Milano, dove si avvicina al fascismo. Nel 1920 firma il manifesto futurista mentre nel 1922 fonda il movimento “Novecento italiano” con cui partecipa alla Biennale di Venezia

Negli anni ’30 si dedica soprattutto alla pittura murale, che intravede come un modo radicalmente diverso di pensare l’arte e con cui darà espressione all’ideologia fascista.