Cesena: domani ai nastri di partenza CinemAnimaMente 2018

Filo conduttore della sedicesima edizione è la resilienza. Lunedì 19 febbraio, alle 21.00, prima proiezione “Due giorni, una notte” dei fratelli Dardenne al Cinema San Biagio

Due giorni, una notteCESENA – Giunge quest’anno alla sedicesima edizione la rassegna CinemAnimaMente, che unisce cinema e psicologia, temi sociali e analisi delle devianze, con una particolare attenzione al confronto e dibattito con esperti e professionisti in grado di offrire una lettura psicologica e cinematografica dei film proposti.

Filo conduttore dell’edizione 2018 è la resilienza, ovvero la capacità di far fronte in maniera positiva a eventi traumatici, di riorganizzare positivamente la propria vita dinanzi a difficoltà fisiche, economiche o psicologiche.

Ad organizzare CinemAnimaMente è una consolidata collaborazione fra diverse realtà del territorio: Comune di Cesena, Centro Cinema Città di Cesena – San Biagio, Azienda Unità Sanitaria Locale della Romagna, Cineteca di Bologna, , Associazione studentesca Analysis, Cineclubimage e Alma Mater Studiorum – Università di Bologna.

La rassegna inizierà lunedì 19 febbraio con un omaggio ai fratelli Dardenne, registi e sceneggiatori belgi che si distinguono sulla scena internazionale per lo sguardo autentico che riescono ad adottare sulle realtà marginali in ogni loro produzione.

Appuntamento alle 21.00 al Cinema San Biagio per la proiezione di “Due giorni, una notte” di Luc e Jean-Pierre Dardenne. Il film racconta l’Europa della crisi e le contraddizioni profonde del mondo del lavoro tramite la storia di una donna (Marion Cotillard) che, per evitare di essere licenziata, deve convincere i suoi colleghi a rinunciare a un bonus di produzione.

Ad introdurre la pellicola, sarà un commento del Dottor Gianluca Farfaneti del Servizio Dipendenze

Patologiche di Cesena – Asl Romagna.

Ingresso: intero 5 euro, 3 euro per studenti.

La rassegna continua lunedì 26 febbraio con la proiezione de “L’intrusa” di Leonardo di Costanzo, che sarà ospite durante la serata insieme al giornalista Mirco Paganelli (Associazione DIG) e a Eliana Tossani della Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione.

Lunedì 5 marzo arriverà la regista Valentina Esposito a presentare il suo film “Ombre della sera”, assieme ala direttore della fotografia Luca Nervegna e a Palma Mercurio, direttrice della Casa Circondariale di Forlì.

La storia di Aung San Suu Kyi rivive nella pellicola di Marco Martinelli “Vita agli arresti di Aung San Suu Kyi” in programma per lunedì 12 marzo. Alla serata parteciperanno anche le protagoniste del film e Laura Radaelli, coach delle bambine co-protagoniste.