Centro storico di Forlì: incentivi per riqualificazione e recupero del patrimonio edilizio esistente

municipio di forlìFORLÌ – L’Amministrazione comunale di Forlì ha messo a punto un pacchetto di misure per agevolare la riqualificazione e il recupero del patrimonio edilizio esistente nel Centro Storico. “Si tratta di azioni importanti per la riqualificazione degli edifici, per migliorare il decoro e la sicurezza, per favorire la residenzialità e le attività”: così l’Assessore con delega al Centro Storico Marco Ravaioli spiega l’iniziativa del Comune che rientra nel progetto complessivo di valorizzazione e rilancio della parte antica della città, e rappresenta la tappa di avvio di un percorso al quale faranno seguito altre significative azioni che saranno sottoposte alla valutazione del Consiglio comunali nelle prossime settimane.

Esenzione COSAP per interventi edilizi in centro storico

Con la delibera di Consiglio Comunale del 22 dicembre 2017 sono esentate dal pagamento del Canone di Occupazione Spazi ed Aree Pubbliche (COSAP) le concessioni per le occupazioni con cantieri edili per l’esecuzione di interventi edilizi di manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione in Centro Storico. L’esenzione vige per le concessioni rilasciate a partire dal 1 gennaio 2018, ed è valida per tutto il periodo 2018 – 2020.

Riduzione IMU per interventi edilizi in centro storico

Nella medesima seduta del 22 dicembre 2017, il Consiglio Comunale ha anche deliberato l’abbassamento dell’aliquota da applicare per la determinazione dell’imposta relativa alle unità immobiliari ubicate nella “Zona storica A1 del RUE” soggette ad interventi edilizi di manutenzione straordinaria, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione. L’aliquota ridotta al 7,6 per mille (invece dell’aliquota ordinaria al 10,6 per mille) si applica agli interventi che hanno inizio a partire dal 1 gennaio 2018 e per tutta la durata degli stessi, entro il periodo 2018 – 2020. Presso l’Unità Entrate Tributarie e sul sito istituzionale del Comune è reperibile il modulo di comunicazione da presentare entro il mese di dicembre.

Contributi a fondo perduto per la “Classificazione di rischio sismico” di edifici residenziali privati

Come annunciato nei giorni scorsi, è pubblicato il bando per accedere ai contributi a fondo perduto per eseguire le “Classificazioni del Rischio Sismico” su edifici residenziali privati ubicati nel territorio del Comune di Forlì, con priorità a quelli situati nel Centro Storico. Le domande dovranno essere compilate secondo il modello di richiesta allegato al Bando e dovranno essere trasmesse tramite pec all’indirizzo sue@pec.comune.forli.fc.it con esclusione di qualsiasi altro mezzo, entro il giorno 31 agosto 2018. Possono accedere al contributo persone fisiche o giuridiche, titolari di diritti reali sugli immobili oggetto di intervento. Sono escluse le pubbliche Amministrazioni. I contributi sono concessi a rimborso parziale della spesa sostenuta per l’esecuzione, da parte di professionista abilitato in conformità delle norme vigenti, della Classificazione del Rischio Sismico inerente a immobili residenziali esistenti alla data di entrata in vigore della Classificazione del 1983.

Informazioni
Per approfondire le singole azioni, si rinvia al sito istituzionale www.comune.forli.fc.it .