‘Il carattere’ e la sua complessità secondo Alessandra Spagnoli

Biblioteca Comunale Ariostea FerraraOggi, giovedì 31 marzo, la presentazione del libro nella sala Agnelli della biblioteca Ariostea

FERRARA – E’ incentrato sulla complessità della personalità che rende unico ciascun essere umano il libro di Alessandra Spagnoli dal titolo ‘Il carattere’ che giovedì 31 marzo alle 17 sarà presentato nella sala Agnelli della biblioteca Ariostea. L’incontro con l’autrice, patrocinato dall’associazione Ado, sarà introdotto dall’editore Riccardo Roversi. Presenta Daniela Furiani, presidente Ado.

Temperamento, carattere, personalità: tre parole attraverso le quali nel linguaggio corrente si cerca di definire ciò che ci contraddistingue in quanto esseri umani unici ed irripetibili. Tutti gli studi psicologici o psicoanalitici se da un lato testimoniano la necessità di catalogare e definire tratti ripetibili e comuni del comportamento umano, dall’altro denunciano l’impossibilità di incasellare ogni uomo in una determinata categoria tra le tante individuate. Quando si tratta di analizzare la complessità dell’esistenza umana ci si accorge dell’insufficienza di ogni parametro e di ogni classificazione, perché, come diceva Eraclito, “Non potrai mai raggiungere i confini dell’anima, per quanto tu possa andare percorrendo per intero le sue vie: tanto profondo è il suo lògos”.
L’uomo contemporaneo, per giungere a dirsi virtuoso, deve puntare alla piena realizzazione di se stesso nella consapevolezza dei propri limiti e della proprie potenzialità mantenendosi costantemente in allerta nei confronti della società dei consumi in cui vive che lo vorrebbe invece sottomesso ed omologato alle proprie leggi.

Alessandra Spagnoli, nata a Ferrara nel 1957, da sempre risiede a Copparo (FE). Insegnante di Lingua straniera francese nella Scuola secondaria di primo grado, si è affacciata alla scrittura nel 2010 con il libro Con occhi diversi, (Tip. Lit. Sivieri – Fe), scritto in collaborazione con Valeria Magnani e Rodolfo Marchesi e pubblicato in favore dell’associazione ADO, presso cui svolge attività di volontariato accanto ai malati terminali dell’Hospice “Casa della Solidarietà” di Ferrara. Nel 2013 esce il saggio La Felicità, (Este Edition), sempre in favore della stessa associazione.