Biblioteche di Modena: Soddisfazione e richieste in una ricerca

Un’indagine dell’Ufficio ricerche del Comune condotta nel 2015 ha analizzato 1.281 questionari compilati da utenti delle biblioteche comunali. Voto di gradimento 8,2 su 10

MODENA – Sono stati 1.281 i questionari compilati dagli utenti delle biblioteche comunali nell’ambito di un’indagine dell’Ufficio ricerche del Comune condotta nel 2015. Consentono di mettere a fuoco il profilo dei fruitori (tutti già utenti) e il loro rapporto col sistema bibliotecario oltre che raccogliere esigenze di miglioramento.

La maggior parte delle schede sono state compilate on line da donne (63,3%); quasi metà delle risposte (45,7%) sono di persone giovani (15-34 anni), scolarizzate (il 78,3% è diplomato/laureato), di due categorie sociali principali (lavoratori dipendenti, 48,9%, e studenti, 25,4%), residenti nell’area di Modena (71,8%).

I frequentatori delle biblioteche comunali sono ottimi lettori: il 14,2% legge molto (fra 10 e 20 libri anno), il 21,5% moltissimo (oltre 20 libri anno).

Il gradimento è positivo, con voto medio finale 8,2 su 10 (era 8,0 nel 2013). Tra gli indicatori di qualità, la facilità di iscrizione (8,6/10), il numero dei volumi prestabili (8,5/10), le prenotazione del prestito (8,5/10). Apprezzato il catalogo on line (8,4/10). Nella media la soddisfazione per comfort e spazi (8,2/10) e per i servizi interni (8,2/10); sotto la media i collegamenti sul web attraverso il wi-fi (6,9/10).

Ad attrarre maggiormente gli utenti è il prestito dei libri (79,6%), ma anche la possibilità di studiare (27,4%) e di leggere giornali e riviste (17,1%).

Sulla familiarità con le nuove tecnologie offerte dalle biblioteche, gli iscritti si dividono in due gruppi: il 44,5% non usa strumenti digitali, mentre oltre la metà (55,7%) ne usa da uno a quattro. Ancora sfocata la conoscenza e l’utilizzo del portale Media Library on Line, che offre gratuitamente la lettura dei periodici e la possibilità di scaricare e-book: solo il 7,6% lo usa, mentre l’81,2% non lo conosce.

Le richieste degli utenti riguardano principalmente l’ampliamento dell’offerta di documenti, sia su carta che digitali (38,5%), delle iniziative culturali (31,9%), e il miglioramento degli spazi e del comfort interni. Tra le risposte libere anche richieste di corsi di lingue straniere e l’attivazione di cineforum, e quella di prolungamento dell’apertura serale per studiare.