bè bolognaestate 2016, gli appuntamenti di sabato 9 domenica 10 e lunedì 11 luglio

9-lugliovarignanasimon-trpceskiBOLOGNA – Di seguito gli appuntamenti del cartellone di bè bolognaestate 2016 per sabato 9, domenica 10 e lunedì 11 luglio. Il calendario completo con tutte le informazioni aggiornate è disponibile su www.bolognaestate.it

Tra le iniziative da segnalare:

sabato 9 luglio

ore 20 Varignana Music Festival 2016 – III edizione
Palazzo di Varignana – Via Ca’ Masino 611A, Varignana BO
Simon Trpčeski pianoforte – Musiche di Chopin, Ravel, Poulenc. La III edizione del Varignana Music Festival, a cura di Fondazione Musica Insieme, ospita il debutto di un pianista, il macedone Simon Trpčeski, impostosi come uno dei più importanti interpreti della nuova generazione, già ospite regolare di compagini come la London Symphony e la Los Angeles Philharmonic, e al fianco di direttori come Vladimir Ashkenazy, Charles Dutoit, Vladimir Jurowski, Antonio Pappano e Gianandrea Noseda. Trpčeski ha scelto per Varignana un programma imperniato su danze e momenti musicali della Francia tra Otto e Novecento. Ad aprire letteralmente le danze sono le quattro Mazurke op. 24 di Chopin, omaggio alla natia Polonia di un autore che aveva trovato un rifugio e una nuova patria a Parigi; il ritmo ternario si anima poi con le Valses che Ravel unisce in una ideale ‘compilation’ ante litteram, con la sua inconfondibile impronta armonica e timbrica. Completa il programma una originale antologia di Francis Poulenc, compositore dalla personalità altrettanto eccentrica, capace di raccontare a sua volta al pianoforte, al pari dei suoi più celebri predecessori, la società e il gusto della Francia della propria epoca: come nell’ultima Improvisation, scritta nel 1959 con l’emblematico sottotitolo di “Hommage à Edith Piaf”.
A pagamento
www.varignanamusicfestival.it

ore 21.30 Cento di questi giorni – Vocazione al contatto
Arena Pasolini – Parco Pasolini Pilastro (all’altezza di via Ada Negri)
Una spettacolare illuminazione delle Torri del Pilastro per festeggiare i 50 anni del rione, all’Arena Pasolini per Vocazione al contatto a cura di Laminarie/DOM la cupola del Pilastro in collaborazione con Visual Lab nell’ambito di bè bolognaestate e #PrimaveraPilastro2016.

Sabato 9 Luglio 2016 ricorrono i 50 anni della nascita del Pilastro: il 9 luglio 1966 avvenne infatti la posa della prima pietra per la costruzione del rione alla periferia di Bologna.
Per questa occasione, nell’ambito del progetto Pilastro 2016 che l’Amministrazione comunale ha promosso per lo sviluppo dell’area nel corso di tutto l’anno, Laminarie presenta Cento di questi giorni, un’istallazione audiovisiva sulle quattro Torri del rione, uno dei simboli del quartiere che si affacciano direttamente sul Parco Pier Paolo Pasolini.
La spettacolare illuminazione animerà con luci e immagini le torri di diciotto piani che si affacciano sul Parco Pasolini in una manifestazione visiva della storia del Pilastro attraverso la proiezione dei materiali inediti tratti dall’Archivio digitale di Comunità, un progetto curato da Laminarie nei mesi scorsi nell’ambito di Pilastro 2016 e del Cantiere Narrazione.
L’Archivio digitale di comunità, un’esperienza di storytelling partecipato unica nel suo genere, ha coinvolto i cittadini e le associazioni del quartiere nella raccolta di materiali d’archivio, video e fotografici, in grado di raccontare il riscatto del Pilastro da “quartiere dormitorio” a luogo di socialità e vivibilità elevate.
Una raccolta di documenti che non ha pretese di esaustività, al contrario si pone l’obiettivo di narrare frammenti di storia del Pilastro attraverso le memorie personali dei cittadini, intrecciando la sedimentazione dei racconti soggettivi degli abitanti con le modificazioni urbanistiche e sociali del Pilastro
Gratuito
https://pilastro2016.wordpress.com/primaverapilastro2016-programma/

ore 22 Le notti delle sentemerie
Sementerie Artistiche – Via Scagliarossa 1174 Crevalcore BO
Ooops!… Indagine di un’identità. Con Vladimir Olshansky, direttamente dal Cirque du Soleil. L’artista, che è stato coprotagonista dello Snow Show di Slava Polunin, produzione acclamata dalla critica di tutta Europa, dopo la trionfale accoglienza riscossa a Madrid e a New York, porta il suo nuovo spettacolo Ooops!… Indagine di un’identità alle Sementerie Artistiche di Crevalcore.
Ooops!… è un affascinante e profondo viaggio nell’alta arte della clownerie, in cui Olshansky, dispiegando il suo mondo poetico, ci svela il perenne atto di equilibrio tra commedia e dramma di
cui è fatto il mondo.
“Mi sono laureato alla Scuola del Circo di Mosca. Le mie idee sulla clownérie nascono dai Maestri del cinema muto: Charlie Chaplin, Max Linder e Buster Keaton, oltre ai leggendari registi russi Mejerchol’d e Vachtangov. Mentre studiavo arti circensi ho avuto modo di incontrare lo straordinario clown russo Leonid Engibarov, dal cui talento sono stato completamente sedotto. E’ stato il primo clown a combinare insieme l’Arte del Circo e il teatro. Me ne tornai, allora, a Pietroburgo con l’idea di un Teatro di Clown, con un clown-attore come protagonista. Insieme a Slava Polunin fondai il Gruppo Clown “Lizidei”. Nel frattempo io misi in piedi il mio primo “one man show”, uno spettacolo con me unico attore clown, in cui possono riconoscersi le influenze artistiche sia di Beckett che di Robert Wilson. Nel 1997 sono stato invitato da Slava a recitare la parte del principale “clown giallo” nel suo “Snow Show” al teatro Old Vic di Londra. Ho cominciato a lavorare al Cirque du Soleil come “guest – actor” in “Allegria” nel 2000 in Australia e Nuova Zelanda, e nel 2004 a New York, Philadelphia e Toronto. Il lavoro insieme al Cirque du Soleil mi ha indotto a inventarmi un nuovo spettacolo come clown-attore, “Strange Games”, in cui ho potuto in parte mettere in pratica alcune mie idee sulla clownérie. Poesia e commedia filosofica,comédie humaine e gioia della vita ne sono le fonti ispiratrici.”
A pagamento
www.sementerieartistiche.it

Cuore di Persia
Teatri di vita – via Emilia Ponente 485
ore 19 Schegge d’Iran.Tra identità e velo: immagine e realtà della donna in Iran – incontro.
Attorno alla presenza e all’identità della donna in Iran si discute molto in occidente, ma moltissimo anche nell’Iran stesso…
ore 20 L’Omossessuale e la difficoltà di esprimersi, di Copi. Spettacolo per la regia di Andrea Adriatico (replica).
ore 21.15 Il potere di Zahhak – Una reinterpretazione moderna del cantastorie iraniano, proposto da un’attrice e danzatrice iraniana che da tempo vive in Italia, Aram Ghasemy. Lo spettacolo riprende una delle leggende più importanti del Libro dei Re di Ferdousi di mille anni fa…
ore 22.30 Modest reception un film di Mani Haghighi (2012)
Un uomo e una donna cittadini percorrono le montagne distribuendo soldi a palate ai montanari, con fare bizzarro, morboso, arrogante, senza spiegare perché. Dalla stranezza che all’inizio muove al riso si va pian piano verso il baratro di valori e sentimenti. Un incredibile film, curioso, disturbante, sorprendente e stupefacente, non a caso premiato al Festival del Cinema di Berlino, dove è stato presentato nel 2012, prima di affrontare una lunga tournée nei maggiori festival internazionali, approdando fino al Moma di New York.
Ingresso agli spettacoli ed alle proiezioni del Festival a pagamento. Sono visitabili gratuitamente dalle ore 16.45 le mostre fotografiche “Timeless Persia + Sokut” di Davide Palmisano e Manuela Marchetti e “All about me” di Tahmineh Monzavi.
http://www.teatridivita.it/cuoredipersia/

ore 21 Commediestate Maschere vive in città
Cava delle Arti – via Cavazzoni 2/g
Il Barbiere di Siviglia, compagnia I Melomani. Prima Nazionale per la trasposizione in Commedia dell’Arte dell’opera di Rossini. Regia di Massimo Macchiavelli e Colette Tomiche. Ispirato al testo di Pierre-Augustin Caron de Beaumarchais. Con Luca Gwynplaine Zilovich, Emanuele Baldassini, Sara Magrin, Giulia Magnabosco, Sofia Bròcani, Vittorio Fool-goni.
La bella Rosina è innamorata del Conte d’Almaviva, ma l’amore è ostacolato dall’anziano e avaro tutore della ragazza, che la vuole sposare ed ereditare la sua ricca dote. Ad aiutare i due innamorati arriverà Figaro, il factotum della città, che grazie alle sue geniali furberie, rovescerà gli equilibri creando comiche e paradossali situazioni. Lo spettacolo si ispira alla famosa opera di Rossini ed è allestito in Commedia dell’Arte, un genere teatrale rappresentato in maschera che nel rinascimento diede vita al teatro professionale rendendo gli attori italiani noti in tutta Europa. A distanza di secoli fa ancora ridere tutti, emoziona, parla di noi, sbeffeggia sia i propri vizi che quelli dei potenti (perchè ci sono ancora servi e padroni..).
Ingresso a offerta libera
http://www.fraternalcompagnia.it/

ore 20 Covo Summer Club – Viale Zagabria 1
Belize. Regata. Showcase collettivo HMCF. Belize è un progetto nato nel 2013 all’interno di una band di impronta indie rock, dove R. e M. scoprono una passione comune per le produzioni Hip Hop; si uniscono Y. e D. rendendo più ampio il flusso di influenze nel progetto. I pezzi sembrano collegati da una linea spezzata, diversi tra loro per la scelta di vari stilemi presi da sfaccettature del mondo Hip-Hop. Ne risulta un macrocosmo nel quale si riconosce e definisce lo stile particolare del gruppo, ricercato ed essenziale, che scompone e ricompone elementi attinti dal passato con qualcosa che coincide perfettamente con il decennio in cui viviamo. Regata, la nuova formazione capitanata da Alessandro Fabbricat (Wax Anatomical Models) che ci presenta una serie di brani elettropop con suoni che si muovono tra ricercatezza contemporanea e 80s-90s italopop. Brani orecchiabili e diretti allo stesso tempo che affrontano la vita e le persone come lo faremmo noi.
Gratuito
http://covoclub.it/bo/

ore 18.30 Lady Stardust. Un’Estate sull’altra sponda – Parco del Cavaticcio – via Azzo Gardino, 65
Tuttifrutti! I mitici Anni ‘50 e ‘60 approdano al Cavaticcio. Marilyn Monroe, Doris Day, Rita Hayworth, i Beatles. Il rock’n’roll, le gonne a palloncino, le pin up, il rhythm’n’blues, la brillantina, e banane e cotonate come se piovesse. I mitici Anni ‘50 e ‘60 approdano al Cavaticcio con un angolo speciale dedicato al trucco e parrucco gratuito e a tema, offerto dalla Truccheria di via Galliera, per trasformarti in Betty Page (anche se ti chiami Luigi…).
ingresso gratuito senza tessera
cassero.it

ore 22 Kilowatt Summer – Serre dei Giardini Margherita – Via Castiglione, 132-136
#LaCuraFest: Farrapo & The Swinging Junkies – band fondata dal dj/producer Giorgio Cencetti, in arte “Farrapo”, sviluppa un percorso musicale che affonda le sue radici in Congo Square, la culla del jazz a New Orleans, e parla la lingua degli anni duemila fatta di funk, ritmi africani, echi di brass band, canzoni e voci meticce, elettronica e virtuosismi jazz.
La serata è all’interno de #LaCuraFest, il festival ispirato dalla storia straordinaria di Salvatore Iaconesi e Oriana Persico, che hanno affrontato il cancro per uscirne con un nuovo approccio alla vita.
Gratuito
http://leserre.kilowatt.bo.it/

ore 19 BOtanique 7.0 – Giardini di via Filippo Re, 6
Incanto sotto il mare – Gran Ballo di Fine Anno. Twist and Shout. “Penso che ancora non siete pronti per questa musica. Ma ai vostri figli piacerà.” Lo scenario è il bellissimo spazio estivo del BOtanique, nel cuore dell’area universitaria: dalle 19 alle 2 del mattino una vera e propria macchina del tempo in puro stile 50’s and 60’s vi farà rivivere le atmosfere del ventennio più fervente di tutti i tempi.
Gratuito
http://www.botanique.it/

ore 22 Suburban Park – Link Associated – via Fantoni, 21
Bolo #03 – Capitolo estivo di “Bolo” tra bass music, jungle, techno, house. Partiamo dalle presentazioni, anche se dovreste conoscerli già: B.U.M. è il collettivo bolognese che ha a cuore il lavoro sulle relazioni e la cultura dal basso, propulsore del festival diffuso Underground Movement che a maggio scorso unì dieci spazi cittadini e numerosi operatori per cinque giorni; Timeshift è il party che quest’anno ha elevato l’asticella della techno di qualità in città; e, infine, 320KB, l’etichetta discografica. Ora metteteli insieme in un unico grosso contenitore, ognuno col suo pubblico, col proprio immaginario, e premete ON. Dall’intreccio e lo scambio si accende questo nuovo format, un buon auspicio per una “Bolo” interconnessa, fra bass music, jungle, techno, house e la solita tirata fino all’alba.
https://www.facebook.com/linkassociated

ore 19 Crudo – total design box Ex Ospedale dei Bastardini – via D’Azeglio 41
LaRoboterie Extra vol2 – Live analogico digitale, visivo e musicale, musica sperimentale elettronica, visual e videomapping.
Ingresso libero
http://www.crudotdb.com/

ore 21.45 Sotto le stelle del cinema – Piazza Maggiore
Storie pazzesche (Arg-Spa/2014) di D. Szifrón (122’). Cinema del presente.
Fino a che punto siamo disposti ad arrivare per vendicarci di un torto subito? E se, vittime di un sopruso, di un’umiliazione, di un tradimento, permettessimo alle nostre pulsioni violente di prendere il sopravvento? Sono queste domande il filo rosso che lega i diversi episodi di “Storie pazzesche”, terzo lungometraggio dell’argentino Damián Szifrón coprodotto dalla società spagnola Deseo di Pedro Almodóvar. […] (Roberto Nepoti)
Gratuito
cinetecadibologna.it

ore 21.45 Arena Puccini 2016 – via Sebastiano Serlio 25/2
“Julieta” con Emma Suarèz, Adriana Ugarte, Rossy De Palma. di Pedro Almodóvar, Spagna/2016, 99’.
A pagamento
cinetecadibologna.it

ore 19 Estate sereni Villa Serena – via della Barca
Street food Farm – Dall’8 al 10 luglio tre giorni di prelibatezze gastronomiche, originali, per tutti i palati e anche gluten-free-friendly. Il “food on the road” sarà protagonista con prelibatezze da tutta Italia, cibo da strada, pratico, buono e originale e con un’altrettanto gustosa programmazione artistica, tra concerti, dj set e attività ludiche per i bambini a partire dal pomeriggio (sabato e domenica). Apertura stand ore 19 (venerdì) e ore 13 (sabato e domenica).
Ingresso libero
http://www.villaserena.bo.it/

ore 10 Dynamatic – Dynamo – via Indipendenza 71/Z
La visita guidata in bicicletta “Biking Bologna”. Attraversa Bologna pedalando, scoprendo le antiche vie della zona universitaria, i profumi delle gastronomie, i verdi parchi e i suoi angoli segreti. Disponibile in italiano e in inglese.
https://dynamo.bo.it/

Bologna da Sballo – Luoghi vari del centro di Bologna
Da Piazza padella agli Albiroli lungo 9 secoli di storia – visite guidate
Tutte le sere d’estate un percorso fuori dal comune – sballato per l’appunto – e per farlo si userà il “vecchio” Walkman. Il singolo “viaggiatore” verrà coinvolto in una situazione surreale in cui suoni, musiche e narrazioni verranno percepiti in modo estremamente realistico grazie alla sofisticata registrazione con Olofonia. Tutti i giorni si svolgono 4 turni: h 19, 20, 21 e 22; 2 Special Tour la domenica mattina h 10 e pomeriggio h 15.
A pagamento. Prenotazione obbligatoria nel sito www.bolognadasballo.it, oppure telefonando ai numeri 051480977 – 3284412533 in orario di ufficio.
A cura di Master Key
http://bolognadasballo.it/

Insolito Bus
Emozioni con…trasporto con Malandrino & Veronica
Ogni mercoledì, giovedì, venerdì, sabato. Tutti i mercoledì e giovedì ore 19.30 The Funny Food Bus (Aperitivo on the road); ore 22 Villa Aldini Tour (Degustazioni & Performances).
A cura di Applausi snc & Andrea Maioli.
Info e prevendite: Bologna Welcome Piazza Maggiore, 1/e, Tel. 051231454 – 0516583111, email: ticket@bolognawelcome.it (dal lun al sb 9-19, dom e festivi 10 – 17) vivaticket.it e bolognawelcome.com.

Babybè

ore 16.30 Kilowatt Summer – Serre dei Giardini Margherita – Via Castiglione, 132-136
Kwbaby – Giochiamo con l’arte! Il Ritratto A cura di Artebambini – progetto Arte Per Crescere promosso da Art’è Ragazzi. Possiamo creare ritratti o autoritratti “alla Paul Klee” con semplici ritagli geometrici di cartoncini colorati. Oppure, con stoffe da tappezzeria, cordoncini, colori acrilici, lane e oggetti recuperati e portati a nuova vita (es. bottoni, tappini…) possiamo creare “ritratti alla Baj”. Possono vedere la luce vere e proprie gallerie di personaggi come generali, dame, personaggi di fantasia, uomini e donne di antiche tribù africane… e creare successivamente racconti collegati al lavoro dei ragazzi, perché ogni quadro, come si sa, racchiude in sé una storia; basta saperla leggere ed ascoltarla. In questo modo, giochiamo con l’identità, con l’immagine di se stessi, con gli indizi del proprio viso e di quello altrui per comunicare gioia, tristezza, rabbia, stupore, felicità. A cura di Artebambini – progetto Arte Per Crescere promosso da Art’è Ragazzi. Per bambini 6-11 anni. Per iscrizioni scrivere a info@kwbaby.bo.it
Gratuito
kilowatt.bo.it

ore 21.30 Serestate – Parco Grosso – via Erbosa 16/22
Il sogno di Merlino – spettacolo per bambini dai 5 ai 10 anni de La Baracca – Testoni Ragazzi.
Merlino conosce il potere degli alberi e ogni suo segreto. Ora è addormentato sotto la grande quercia, immerso in sogni colorati. Dal bosco arrivano curiosi gli esseri fatati che lo abitano: racchiudono in sé gli spiriti di tutti gli animali di Brocelandia e hanno sete di racconti.
Ingresso 5 €. Il biglietto è acquistabile online sul sito testoniragazzi.it oppure sul luogo dello spettacolo, la sera stessa, secondo le disponibilità.
Per informazioni: 339 4096410, dal lunedì al venerdì, dalle 12 alle 16, o un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.
http://www.testoniragazzi.it/

domenica 10 luglio

ore 19 Varignana Music Festival 2016 – III edizione
Palazzo di Varignana – Via Ca’ Masino 611A, Varignana BO
Quartetto di Cremona e Philippe Daverio, Musiche di Haydn.
“Musica instrumentale sopra le 7 ultime parole del nostro Redentore in croce, ossiano 7 sonate con un’introduzione ed al fine un terremoto, versione per quartetto d’archi op. 51.”
Il secondo appuntamento con il Quartetto di Cremona, ospite regolare delle principali sale, dalla Konzerthaus di Berlino alla Wigmore Hall di Londra, sarà un’occasione straordinaria per ripercorrere le Sette ultime parole del nostro Redentore in croce che Joseph Haydn compose per orchestra nel 1785, e trascrisse per quartetto d’archi due anni dopo, per consentirne l’esecuzione anche con un organico più raccolto. L’autore amava molto questi sette Adagi (preceduti da un’Introduzione e chiusi dal Terremoto che sconquassò il Calvario alla morte del Redentore), vere e proprie meditazioni sulle ultime frasi pronunciate da Cristo sulla croce, tanto che all’inizio di ogni parte vi fece inserire il testo evangelico, per meglio ispirare le note degli interpreti con il pensiero di quelle parole. Parole che vanteranno un ‘narratore’ d’eccezione: Philippe Daverio, storico dell’arte, docente e intellettuale dalle intuizioni folgoranti, nutrite da una comunicativa semplicemente incantatoria. Varignana Music festival è a cura di Musica Insieme.
A pagamento
www.varignanamusicfestival.it

ore 22 Kilowatt Summer- Serre dei Giardini Margherita – via Castiglione, 132-136
LaCuraFest: Om Street Band + Conciorto (live). Funday: Relax nel verde per una domenica all’insegna della buona musica, del buon cibo e dei laboratori.
La serata è all’interno de #LaCuraFest, il festival ispirato dalla storia straordinaria di Salvatore Iaconesi e Oriana Persico. Om street band: una passeggiata musicale in cui gli Om Street Band connettono le due location del Festival. Si parte dalle Serre dei Giardini Margherita per arrivare alla Palazzina Liberty accompagnati da vibrazioni black, disco e funk, all’occorrenza anche marciando.
#Conciorto: Un concerto indie-pop-veggie-funk tutto dedicato al mondo dell’orto. Le verdure in scena suonano, cantano, si raccontano attraverso la tecnologia di Ototo (da Arduino). Bagini e Carlone accompagnano melanzane, carote, zucchine, cetrioli dolci, con flauti traversi, sax e chitarre per dare vita a un concerto in cui umani, tecnologie e vegetali si incontrano. Un vero “live in the garden”.
Gratuito
kilowatt.bo.it

ore 18 Crudo Total design box – Ex Ospedale dei Bastardini – Via d’Azeglio 41
Overwhelmed Till the Yearing – 5 ore di live drawing performance, disegno e suono dell’artista Cinzia Delnevo con composizione sonora creata da Daniel Basilio.
Ingresso libero
http://www.crudotdb.com/

ore 22 Suburban Park – Link Associated – via Fantoni, 21
Bolo #03 – Capitolo estivo di “Bolo” tra bass music, jungle, techno, house. Partiamo dalle presentazioni, anche se dovreste conoscerli già: B.U.M. è il collettivo bolognese che ha a cuore il lavoro sulle relazioni e la cultura dal basso, propulsore del festival diffuso Underground Movement che a maggio scorso unì dieci spazi cittadini e numerosi operatori per cinque giorni; Timeshift è il party che quest’anno ha elevato l’asticella della techno di qualità in città; e, infine, 320KB, l’etichetta discografica. Ora metteteli insieme in un unico grosso contenitore, ognuno col suo pubblico, col proprio immaginario, e premete ON. Dall’intreccio e lo scambio si accende questo nuovo format, un buon auspicio per una “Bolo” interconnessa, fra bass music, jungle, techno, house e la solita tirata fino all’alba.
https://www.facebook.com/linkassociated

Cuore di Persia – Teatri di vita – via Emilia Ponente 485
ore 19 Un persiano a casa nostra? È il gatto – Incontro. Non potevano mancare i gatti persiani al festival Cuore di Persia! Si chiamano così, ma chissà se vengono davvero dall’attuale territorio iraniano…
ore 20 L’Omosessuale e la difficoltà di esprimersi, di Copi. Spettacolo per la regia di Andrea Adriatico (replica).
21.15 Il potere di Zahhak – Una reinterpretazione moderna del cantastorie iraniano, proposto da un’attrice e danzatrice iraniana che da tempo vive in Italia, Aram Ghasemy. Lo spettacolo riprende una delle leggende più importanti del Libro dei Re di Ferdousi di mille anni fa…
ore 22.30 The paternal house – un film di Kianoush Ayari (2012). Una ragazza uccisa e sepolta in cantina da padre e fratello, e un’intera famiglia che per 70 anni cova il segreto. Una storia terribile e soffocante, che racconta il violento contrasto tra libertà delle donne e oppressione maschile nel corso del 900 iraniano, ma che potrebbe riecheggiare in molti altri contesti. Ottimamente sviluppato e interpretato, il film si svolge interamente tra il cortile e il seminterrato, in una geografia familiare claustrofobica e totalizzante, dove il dolore e l’onore rispondono alle ragioni supreme del clan. Un’opera potente, presentata alla Mostra del Cinema di Venezia (e poi in diversi festival internazionali), ma tenuta per 2 anni in stand-by prima di essere proiettata anche in Iran.
ore 23 Masoud dj – Festa finale con il re della musica elettronica iraniana
Gran finale di Cuore di Persia con il dj-set del re della musica eletttronica: Masoud, al secolo Masoud Fuladi. Un’occasione unica per conoscere uno dei volti della dance persiana, attivo dal 2009. Residente in una città sulle rive del mar Caspio, da alcuni anni conduce la trasmissione “The Caspian Sessions” sulla webradio internazionale Afterhours.FM, dedicata alla progressive trance, house ed elettronica. Ha pubblicato numerosi singoli, remix ed EP.
Proseguono inoltre le due mostre del festival: All about me, Nicknamed Crown Giver mostra della fotografa Tahmineh Monzavi, e Timeless Persia + SOKUT, una mostra fotografica di Davide Palmisano e Manuela Marchetti.
Incontri e mostre sono gratuiti, spettacoli e proiezioni a pagamento.
http://www.teatridivita.it/cuoredipersia/

ore 21 Commediestate – Cava delle Arti – Via Cavazzoni 2/g
Il Barbiere di Siviglia – replica
I Melomani, Regia di Massimo Macchiavelli e Colette Tomiche.
Offerta libera

Home

ore 18.30 Lady Stardust. Un’estate sull’altra sponda – Cassero LGBT Center – via Don Minzoni 18
Venite già ballati – Vinili privati suonati in pubblico a cura di LO/MO. Un’inedita e malinconica selezione musicale tra periodi e generi più disparati: dal blues di Howlin’ Wolf alla british invasion di Beatles, Rolling Stones e Kinks; dal jazz sofferto di Chet Baker alle note alcoliche di Piero Ciampi; dall’eleganza di The Smiths alla ricerca senza fine di Robert Wyatt e alla teatralità di David Bowie. Madame e Monsieur mettetevi comodi, perchè andrà in scena il solito aperitivo (insolitamente) sonorizzato.
Ingresso gratuito senza tessera
cassero.it

ore 21.45 Arena Puccini 2016 – Arena Puccini – Via Sebastiano Serlio 25/2
Lo stagista inaspettato, di Nancy Meyer, USA/2015, 121’. Con Robert De Niro, Anne Hathaway, Rene Russo, Anders Holm.
A pagamento
cinetecadibologna.it

lunedì 11 luglio

ore 20 Varignana Music Festival Palazzo di Varignana – Via Ca’ Masino 611A, Varignana Bo
Alban Gerhardt violoncello, Simon Trpčeski pianoforte. Musiche di Bach, Beethoven, Šostakovič. Il pianista macedone Simon Trpčeski è apprezzato internazionalmente non solo per la tecnica impeccabile e per la raffinata espressività, ma anche per l’impegno a promuovere l’immagine culturale della Repubblica Macedone, tanto da aver ricevuto l’Ordine al Merito dal presidente Ivanov, la massima onorificenza ufficiale assegnata alle personalità che illustrano il Paese all’estero. Nel suo secondo recital per il Varignana Music Festival lo ascolteremo in duo con un violoncellista tedesco che ha all’attivo collaborazioni con ben 250 orchestre in tutto il mondo, diretto fra gli altri da Bychkov, Masur, Marriner, Slatkin, Nagano: si tratta di Alban Gerhardt, cui sarà affidata l’apertura del concerto, con un caposaldo della letteratura per il suo strumento, l’ultima delle sei Suites che Bach dedicò all’esplorazione delle possibilità tecniche ed espressive del violoncello. In formazione di duo, i solisti hanno poi scelto di affrontare fondamenta e ramificazioni del repertorio per violoncello e pianoforte, rispettivamente con la Quarta Sonata di Beethoven, vessillo del cosiddetto “terzo stile” nella sua libertà formale e nell’uso ampio di procedimenti contrappuntistici, e con la Sonata op. 40 di Dmitrij Šostakovič, che a sua volta si interroga su forme e stilemi del passato. A cura di Fondazione Musica Insieme.
A pagamento
www.varignanamusicfestival.it

ore 21 Montagnola Music Club 2016 – Parco della Montagnola – via Irnerio 2/3
Not Another Quintet – nell’ambito del progetto “CasaMusica”, sotto la direzione di Jimmy Villotti.
Alessio Falcone, pianoforte – Canio Coscia, sax tenore – Daniele Vettori, chitarra – Blake Cory Sawyer Franchetto, basso elettrico – Youssef Ait Bouazza, batteria.
CasaMusica è un progetto musicale nato nel 2009 grazie ad una collaborazione tra Antoniano di Bologna e la Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. Nel corso delle varie edizioni CasaMusica è stato un luogo di ritrovo per molte band bolognesi selezionate, dove i giovani musicisti hanno potuto provare gratuitamente e accedere ai numerosi seminari e workshop organizzati e coordinati dal Direttore Artistico Jimmy Villotti.
http://www.montagnolabologna.it/

Zu.Art Giardino delle Arti – Giardino Zu.Art – Vicolo Malgrado 3/2
ore 18 Forme quotidiane – Tra street fashion e scultura di Gál Anikó, installazione. Il progetto ricerca l’espressività umana spontanea e istintiva attraverso un lavoro che si articola in tre fasi. Nella prima è prevista una ricerca di silhouette con tecniche di fotografia e disegno, catturare immagini di persone della strada, vestite in modo particolare. Le forme che prendono i nostri corpi quando siamo vestiti sono in parte guidate dalla moda, in parte è risultato di una scelta, presa quitidianamente. Il corpo è una scultura animata della natura, e noi la interpretiamo e la evolviamo tutti i giorni. Nella seconda fase l’indagine prosegue con uno studio del materiale raccolto; infine, si arriva a una selezione. La terza e ultima fase consiste nella riproduzione delle 3-5 silhouette scelte, che verranno rappresentate su carta, nero su bianco, per poi essere incorniciate in cornici di stile antico. Nella rappresentazione si ricerca una maniera essenziale ed elegante che propone a essere in qualche modo uno specchio di chi sta guardando l’opera. Conosciamo bene le silhouette dell’Ottocento, ma quelle di oggi?
ore 20 La Dea dell’amore – caffè letterario a cura di Maria Cristina Brizzi. Tre divinità sorridenti a confronto, Afrodite dal trono variopinto, Venere madre e la Vergine… in un giardino tra terra ed eternità.
Gratuito
http://www.fondazionezucchelli.it/portale/zu-art-2016/

ore 21 Zambè Piazza Scaravilli
Concerto SaxBO Orchestra del Conservatorio “G.B. Martini”
Gratuito
https://eventi.unibo.it/zambe

ore 21.30 Lady Stardust. Un’estate sull’altra sponda
Cassero LGBT Center – via Don Minzoni 18
Betatrio live – Vinili privati suonati in pubblico a cura di LO/MO. Due chitarre e un contrabbasso per un trio dai sapori squisitamente cameristici e una selezione di brani originali e song provenienti dalla tradizione jazzistica. Ingresso gratuito senza tessera.
cassero.it

ore 20.30 Kilowatt Summer
Serre dei Giardini Margherita – Via Castiglione, 132-136
L’architettura degli interni e proiezione di Living Architecture: Koolhaas Houselife. Nell’ambito di “ArchiTexture: conversazioni su design e ambiente”. Una serie di incontri dedicati al mondo del progetto, per esplorare tendenze, progetti e visioni nel settore dell’architettura e del design. Pillole omeopatiche di coscienza collettiva su ciò che costruisce il nostro paesaggio d’azione quotidiano, insieme a film e documentari sugli argomenti trattati. A cura dell’Ordine degli Architetti di Bologna. L’architettura degli interni, raccontata da Pierluigi Molteni, architetto, docente di Disegno Industriale all’Università degli Studi di Bologna, e di Urban Design alla Accademia delle Belle Arti di Bologna.
A seguire la proiezione di “Living Architecture: Koolhaas Houselife” (Fr/Ita/2008) di Ila Bêka, Louise Lemoîne (58 m). Film documentario su un’architettura contemporanea, la casa a Bordeaux progettata nel 1998 da Rem Koolhaas/OMA, visto e vissuto attraverso l’esperienza quotidiana di Guadalupe Acedo, custode e governante della casa. Un insolito e imprevedibile sguardo sugli spazi e sulla struttura dell’edificio.
Ingresso libero
kilowatt.bo.it

ore 21 Stasera Parlo io all’Archiginnasio
Cortile della Biblioteca dell’Archiginnasio – Piazza Galvani, 1
Leggere l’estate con.. il Mulino: Lamberto Maffei presenta il volume “Elogio della ribellione” (Il Mulino). Tecnologia e globalizzazione hanno paradossalmente creato solitudine, causata da un eccesso di stimoli, che inducono un’attività frenetica del cervello, levandospazio alla riflessione e alla libertà del pensiero, intasato dalle entrate sensoriali saturate dalle connessioni in rete e dalla televisione. È la solitudine di un cervello che in una stanza invia e riceve notizie solo attraverso messaggeri strumentali informatici, ma spesso ha perso il contatto affettivo con gli altri. Il cervello troppo connesso è un cervello solo, perché rischia di perdere gli stimoli fisiologici dell’ambiente, del sole, della realtà palpitante di vita che lo circonda.
Lamberto Maffei è vicepresidente dell’Accademia nazionale dei Lincei e professore emerito di Neurobiologia alla Scuola Normale di Pisa.
Ingresso libero
http://www.archiginnasio.it/

ore 21.30 La torre e la luna
Giardino Archeologico di San Pietro, Viale II giugno, 35 Ozzano dell’Emilia – Bologna
Corpi Impuri – spettacolo di e con Marinella Manicardi. Compagnia Catarsi Passeggere.
Marinella Manicardi, dal 1970 attrice, in sodalizio artistico con Luigi Gozzi, ha diretto il Teatro delle Moline di Bologna. E’ scrittrice, drammaturga e pedagoga. In “Corpi impuri”, spettacolo lieve e intelligentemente ironico, ci parla con garbo e leggerezza di un fenomeno tanto naturale quanto censurato del corpo femminile. Corpi impuri è una battaglia buffa e feroce tra due nodi: la rappresentazione del corpo femminile tra scienza e religione e il concetto di sporco e pulito. E in mezzo, e nonostante tutto, c’è la vita delle donne, oggi, in Italia.
A pagamento
http://www.otelesaracinesche.com/

ore 21.30 Covo Summer Club
Covo Summer Club – Viale Zagabria 1
“Gosford Park” di Robert Altman – Drammatico, USA UK, 2001, 137’ . Proiezione nell’ambito della rassegna Il CineCasalone – proiezioni nel Cortile a cura di Sofos, Circolo Ghinelli, Circolo Il casalone e Run Tune Up. Due film a settimana per tutto luglio.
Tesseramento gratuito Hovoc da effettuare sul posto e valido per tutte le proiezioni.
covoclub.it

ore 21.45 Arena Puccini 2016
Arena Puccini – Via Sebastiano Serlio 25/2
“Suffragette” di Sarah Gavron, Gran Bretagna-Francia/2016, 106’. Con Carey Mulligan, Helena Bonham Carter, Brendan Gleeson, Anne-Marie Duff. In collaborazione con inFILTrazioni Legali, FILT-CGIL Emilia Romagna e Bologna, CGIL Emilia Romagna.
cinetecadibologna.it

ore 21 Bologna Magica
Bologna occulta: nove misteri per nove secoli di storia – visita guidata a cura dell’Associazione Mutus Liber.
Un misterioso personaggio per ogni secolo di storia comunale, ognuno legato al mistero, alla magia e… Una serata veramente misteriosa, nella quale aprire molti “cassetti” chiusi della storia, dal 1200 al 2000, grazie a personaggi come il negromante Michele Scoto, l’astrologo Cecco d’Ascoli, l’eretico Achille Bocchi… e tanti altri, senza dimenticare fenomeni paranormali come la mummificazione più misteriosa del mondo e altre apparizioni sovrannaturali.
Prenotazione obbligatoria al 3349975005 o prenotazioni.bolognamagica@gmail.com oppure presso Bologna Welcome – P.zza Maggiore 1/E, tel. 0516583111.
http://www.bolognamagica.com

ore 21 Riscoprire Bologna Chiesa di Santa Caterina – Strada Maggiore 74-76.
Templari&co.: compagnie e ordini cavallereschi a Bologna – visita guidata a cura di Didasco.
Molteplici e di varia natura furono le consorterie sorte in epoca medievale per perseguire obiettivi politici, commerciali, religiosi o militari. Questa passeggiata ci condurrà attraverso vicende, luoghi e storia di uno dei più noti ordini religiosi cavallereschi cristiani, i Templari, e delle Compagnie d’Armi e Corporazioni delle Arti, e Laici che influirono sulla vita di Bologna.
http://www.didasconline.it/

Babybè

ore 18 Guasto più che mai Giardino del Guasto
Conto cuci delmi canto/cuento coso delmi canto – Racconti cuciti su onde sonore spagnolitaliane guaste, per tutti quelli che hanno qualcosa da sognare e immaginare. Laboratori a cura di Delmira San Mateos Valenzuela e Antonella Tandi. Nel giardino sarà presente Guastino, barettino del bambino per degustare la merenda offerta da Alce Nero. A disposizione per le esplorazioni avremo inoltre il Trono della guasta giungla per celebrare mille trionfi nel verde del giardino.
http://associazionegiardinodelguasto.blogspot.it/

ore 16 Giardini al Cubo – CUBO Centro Unipol Bologna – Piazza Vieira De Mello, 5
Sicuramente in strada – laboratorio per ragazzi dai 14 ai 16 anni dedicato alla sicurezza stradale. Un laboratorio tematico per scoprire e apprezzare l’importanza della strada, collegamento vitale per raggiungere qualsiasi luogo ed incontrare le altre persone. Attraverso un percorso interattivo e divertente, i ragazzi avranno modo di conoscere il valore delle regole che permettono di utilizzare la strada in piena sicurezza e serenità. I ragazzi potranno sperimentare in maniera realistica la circolazione su strada con le sue regole e le sue insidie tramite l’uso dei simulatori di guida auto e moto e tramite un percorso ebbrezza divertente.
Gratuito
http://www.cubounipol.it/

Tutto il cartellone di bè bolognaestate 2016, caratterizzato dall’immagine della pecora realizzata da Cristian Chironi – già creatore di “Donkeys Tower” il Vecchione del Capodanno 2015/2016 è disponibile su bolognaestate.it, area di Bologna Agenda Cultura, il sito del Comune di Bologna che raccoglie e presenta ogni giorno le informazioni sulle attività culturali cittadine bolognagendacultura.it
Tutti gli eventi del cartellone sono presenti anche nell’app Bologna Agenda Cultura.
Info per scaricarla : www.bolognagendacultura.it/app
L’estate è anche mostre e musei: con la Card Musei Metropolitani di Bologna, tanti vantaggi e nuove opportunità per visitare i musei, le mostre e il patrimonio storico-artistico di Bologna e dell’area metropolitana www.cardmuseibologna.it

bè bolognaestate 2016 è il cartellone di eventi sostenuto e coordinato dal Comune di Bologna, con il contributo di Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e Gruppo Unipol.
artwork originale: Cristian Chironi
identità visiva e gestione artwork: LO studio

bè | bolognaestate 2016
bolognaestate@comune.bologna.it
www.bolognaestate.it
bolognagendacultura.it

Facebook: https://www.facebook.com/bocultura
Twitter https://twitter.com/BolognaCultura
Instagram https://instagram.com/bolognacultura
#bolognaestate