Bassani editore rivela il poeta René Char a Casa Ariosto

Giovedì 11 agosto alle 21 in via Ariosto lettura di versi selezionati dal romanziere ferrarese

maratona-lettura-giovannicappelli_biciclette_in_piazza_tecnica_mista-da-archibibliocomuneferraraFERRARA – La volontà di raccontare e fare conoscere un lato un po’ segreto di Giorgio Bassani è alla base dell’iniziativa intitolata “Biblioteca itinerante di letteratura” organizzata da Ferrara teatro off. In collaborazione con i Musei civici di Arte Antica del Comune di Ferrara, giovedì 11 agosto alle 21 la rassegna approda nella Casa di Ludovico Ariosto (via Ariosto 67). Qui, con le letture di Monica Pavani, andrà in scena “Poesia e prosa” di René Char.

C’è Giorgio Bassani in versione editoriale dietro alla diffusione in Italia di opere poetiche come quelle di René Char, fraterno amico di Paul Éluard, così come dietro alla diffusione delle pagine di Borges, Tomasi di Lampedusa, Karen Blixen, Boris Pasternak, Truman Capote, Octavio Paz, Günter Grass, Albert Camus, Mario Soldati, Tommaso Landolfi, Borges, Forster, Auden. Un aspetto meno conosciuto dell’autore del “Giardino dei Finzi Contini”, che però in questo modo – oltre che con la sua opera – contribuisce alla costruzione di un clima culturale che forma il nostro gusto e affina un certo modo di leggere e di scrivere. Un risultato reso possibile anche da questa capacità di valorizzare e fare conoscere in Italia i lavori di altri scrittori, poeti, artisti.
La “Biblioteca itinerante di letteratura” prevede una serie di appuntamenti con la lettura parziale o integrale dei libri diffusi e pubblicati da Bassani per “Botteghe Oscure” e Feltrinelli. L’ingresso è libero.

LA SCHEDA (a cura degli organizzatori)
“L’eternità non è gran che più lunga della vita” (Fogli d’Ipnos)

Il poeta e scrittore francese René Char, fraterno amico di Paul Éluard, nasce all’inizio del Novecento e scrive fin da giovanissimo. Le sue opere possono essere divise in tre periodi: i poemi giovanili; quelli spogliati di ogni parola superflua, che risalgono al periodo della Resistenza cui prese parte con il nome di battaglia di Capitano Alexandre; quelli della maturità in cui, con estrema trasparenza, canta dei paesaggi provenzali. Ai primi due periodi appartengono le opere della raccolta “Poesia e prosa”.
René Char viene fatto conoscere in Italia grazie a tre straordinarie personalità: il traduttore Vittorio Sereni, il curatore (e traduttore anch’egli) Giorgio Caproni, l’editore Giorgio Bassani. Tutti poeti, letterati, intellettuali a tutto tondo, perfetti esponenti di quella ‘civiltà’ che Feltrinelli voleva promulgare con le sue collane letterarie e, in particolare, con I Classici Moderni della collana intitolata Biblioteca di letteratura in cui René Char venne pubblicato per la prima volta.

POESIA E PROSA di René Char con Monica Pavani, produzione Ferrara Off nell’ambito della Biblioteca itinerante di letteratura.
Ingresso libero giovedì 11 agosto, ore 21, nella Casa di Ludovico Ariosto, via Ludovico Ariosto 67, a Ferrara a cura di Ferrara Off in collaborazione con Musei Civici di Arte Antica.

Info al cell. 333 6282360 o via email scrivendo a info@ferraraoff.it

È possibile sostenere la rassegna Biblioteca itinerante di letteratura attraverso la piattaforma di crowdfunding IdeaGinger. La donazione può essere effettuata di persona, oppure collegandosi a www.ideaginger.it