A Bagnacavallo questa sera incontro dedicato a Enzo Tortora

Per un giustizia più “giusta”. Al Teatro Goldoni  Francesca Scopelliti presenta il libro “Lettere a Francesca”, a seguire il recital-reading “Enzo Tortora – Storia di un galantuomo” di Emanuele Montagna

cover lettere-a-francescaBAGNACAVALLO (RA) – Una serata per non dimenticare una vicenda giudiziaria, quella di Enzo Tortora, vittima e simbolo della “giustizia spettacolo” tuttora attuale.

Il 20 ottobre al Teatro Goldoni di Bagnacavallo la Camera Penale della Romagna propone una serata dedicata al “processo Tortora” arrestato nel 1983 con l’accusa di traffico di stupefacenti e associazione di stampo camorristico, assolto, quattro anni dopo, in via definitiva, dalla Corte di Cassazione.

La circostanza che Tortora risultasse spesso ‘antipatico’ condizionò le posizioni della stampa la quale avviò nei suoi confronti una “gogna” mediatica senza precedenti.

La storia di Tortora rievoca questi decenni di show mediatici a uso e consumo non solo dell’opinione pubblica ma anche di avvocati, magistrati che sono influenzati dall’uso improprio di temi di politica giudiziaria e di vicende di grande richiamo.

La serata comincia alle 19 con la tavola “Per un giusto processo” con la presentazione del libro di Enzo Tortora “Lettere a Francesca” (Pacini editore) voluto dalla Fondazione per la giustizia Enzo Tortora e dall’Unione Camere Penali.

MONTAGNA locandina TORTORAIl volume pubblicato nel giugno del 2016 raccoglie le lettere che Tortora inviò dal carcere alla sua compagna, ora politica e senatrice, Francesca Scopelliti che presenterà il libro insieme al giornalista e saggista Pietro Caruso, al Vice Presidente UCPI, Avv. Ermanno Cicognani e al Presidente della Camera Penale della Romagna, Avv. Marco Martines.

“Dopo 34 anni abbiamo deciso di rispolverare questa vicenda – spiega l’avvocato Marco Martines, Presidente della Camera Penale della Romagna – perché la troviamo purtroppo ancora molto attuale. Oggi le cose non sono molte cambiate. Durante la tavola rotonda vogliamo appunto affrontare non solo gli aspetti umani, ma sopratutto analizzare i punti critici e tecnici della giustizia italiana per l’affermazione della responsabilità civile dei magistrati, della terzietà del giudice, della separazione delle carriere tra magistratura inquirente e giudicante nonché della cultura di un processo penale che non venga inquinato dal circo mediatico-giudiziario.”

“La pubblicazione di questo carteggio è stata una scelta indirizzata dall’Unione delle Camere Penali – prosegue la senatrice Francesca Scopelliti – e sono molto contenta di essere su questo treno in corsa che sta portando il libro in giro per l’Italia riscuotendo molto successo. Il libro non ha fini celebrativi. Enzo era un uomo molto semplice, non amava questo tipo di cose. Il libro a 34 anni dall’arresto di Enzo è un’azione politica. Vuole essere un nuovo inizio, uno strumento per avviare un percorso verso una nuova giustizia che Enzo non ha avuto il tempo di fare. Purtroppo oggi nulla è cambiato e con questo libro voglio portare avanti la battaglia per una giustizia più ‘giusta’ come dovrebbe essere secondo la costituzione italiana”.

Alle 21, andrà poi in scena il recital-reading a tre voci “Enzo Tortora – Storia di un galantuomo” di Emanuele Montagna. Sul palco, i tre grandi protagonisti della vicenda, Enzo Tortora (Emanuele Montagna), la Magistratura (Michele Cosentini) e l’Informazione Giornalistica (Valentina Carrino), ripercorreranno gli eventi dal 1983 al 1987, filtrati attraverso le musiche dei Pink Floyd, di Hans Zimmer e di Pino Daniele. La drammaturgia, di Michele Cosentini, mette insieme le diverse testimonianze realmente espresse nel corso del processo, a partire dalle lettere scritte dallo stesso Enzo Tortora e dalle sue interviste, fino ad arrivare alle dichiarazioni dei magistrati, dei giornalisti e degli opinionisti che hanno preso parte al linciaggio.

L’evento è prenotabile attraverso il circuito di vivaticket.

La senatrice Francesca Scopelliti è disponibile per interviste.

La serata è resa possibile grazie al contributo di:

Banca Generali e Vodafone Store (E-Komm-Ravenna-Wellkomm-Forlì).

E grazie alla collaborazione di:CNA, Deco Industrie, Ceramiche Gatti, Gagarin Orbite Culturali, La Cantina di Piazza Nuov, Neo – Visual Project, Tipografia Romagna

20 ottobre, “Enzo Tortora – Storia di un galantuomo” e presentazione del libro “Lettere a Francesca” di Enzo Tortora, –

Bagnacavallo, Teatro Goldoni, ore 19