Auto elettriche, nuova colonnina di ricarica a Modena nord

Una infrastruttura all’avanguardia, tecnologicamente innovativa. Sarà collocata in via Emilia ovest, nell’area di parcheggio pubblica vicino al Grandemilia

ricarica enel 3MODENA – Sarà collocata a poco più di due chilometri dall’uscita autostradale di Modena nord, nell’area di parcheggio aperta al pubblico vicino al Grandemilia, in via Emilia ovest, all’altezza del civico 1480, una nuova colonnina di ricarica ultra veloce per auto elettriche che consentirà di ricaricare il proprio veicolo in circa venti minuti, quindi comoda da utilizzare anche nel corso di un viaggio in autostrada.

L’installazione della colonnina, prevista entro la fine dell’estate, è frutto di un accordo tra il Comune ed Enel X, società del Gruppo Enel, che ha individuato Modena tra le città nelle quali sperimentare l’utilizzo di infrastrutture di ricarica all’avanguardia e innovative, gestite con tecnologie informatiche per il controllo e la gestione remota nell’ambito del progetto Eva+ per l’installazione in Italia di una rete di ricarica veloce per veicoli elettrici. Il progetto è promosso dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e finanziato dall’Unione europea, nell’ambito del bando “Connecting Europe Facilities”, e da alcune grandi case automobilistiche.

“L’accordo con Enel – sottolinea l’assessore all’Ambiente Giulio Guerzoni – ci consente di collocare una ricarica ultra veloce di ultimissima generazione in una zona strategica, molto vicina alla grande viabilità, sia tangenziale che autostradale”. Questa infrastruttura si aggiunge alle 17 colonnine già attive in città e installate nell’ambito di un progetto promosso dal Comune in collaborazione con Hera. “E con entrambe le società – aggiunge l’assessore Guerzoni – stiamo lavorando a un progetto di implementazione della rete urbana per arrivare, nel giro di uno o due anni, a collocare in città altre trenta postazioni di ricarica”. La mobilità elettrica è infatti un tassello importante della più generale strategia di mobilità sostenibile il cui sviluppo è tra gli obiettivi principali sia del Patto dei sindaci, con il Piano d’azione per l’energia sostenibile, che del Pair, il Piano per la qualità dell’aria della Regione Emilia Romagna. “Il nostro compito come amministrazione – prosegue l’assessore – è stimolare, accompagnare e sostenere il processo di cambiamento che dovrà essere messo in atto da privati, aziende e dagli stessi enti pubblici”. Tra le azioni già in campo i contributi per la mobilità elettrica, con oltre 200 richieste e 45 mila euro di finanziamenti nel 2017, riproposti anche per il 2018. E inoltre, per quanto riguarda il trasporto pubblico, la priorità data all’acquisto di mezzi innovativi completamente elettrici.

Come previsto dal protocollo, che avrà durata fino al completamento del progetto Eva+ previsto per marzo 2024, l’infrastruttura di ricarica di via Emilia ovest sarà collocata a cura e spese di Enel X mentre al Comune spetta mettere a disposizione gratuitamente la porzione di suolo necessaria.