Apre a Medolla, nel modenese, una “corte solidale” in pieno centro urbano

Inaugurato il progetto di recupero delle “Villette Anna Bitassi” finanziato dalla Regione con più di 500mila euro. Duemila metri quadri con un’area verde per la comunità e sei appartamenti attrezzati per utenze ‘deboli’ realizzati con criteri di ecosostenibilità e antisismicità. L’assessore Costi: “Restituito alla comunità un luogo di aggregazione, con un intervento che nobilita il centro”

medolla-taglio-del-nastro-villette-anna-bitassiBOLOGNA – Una ‘corte solidale’ con spazi verdi aperti ai cittadini e un condominio in grado di ospitare, in appartamenti senza barriere, anti-sismici e in classe “A”, persone con disabilità diverse e in situazione di difficoltà. Si è inaugurato oggi a Medolla, nel modenese, il complesso delle “Villette Anna Bitassi” in pieno centro urbano. Un recupero iniziato nel febbraio 2014, che ha usufruito del Programma di edilizia residenziale sociale della Regione Emilia-Romagna. Il progetto di ristrutturazione e ampliamento, che ha interessato l’intero stabile e le aree verdi annesse, è stato realizzato con criteri di ecosostenibilità, bioarchitettura e antisismicità (Medolla era uno dei comuni inseriti nella zona del cratere del sisma 2012).

“Sono orgogliosa di inaugurare questo complesso- ha commentato l’assessore regionale Palma Costi, partecipando al taglio del nastro-. Un intervento di recupero che nobilita il centro urbano e restituisce alla comunità di Medolla spazi verdi e curati da vivere, insieme a soluzioni abitative all’avanguardia. Con questo progetto, dalla Regione finanziato con oltre 500mila euro- ha concluso Costi-, inauguriamo un nuovo modo di realizzare il recupero e la ristrutturazione di zone urbane dismesse, creando un ponte tra le esigenze di un privato in difficoltà e la comunità che accoglie e integra attraverso spazi di coabitazione e collaborazione reciproca”.

medolla-recupero-ers-villette-anna-bitassiIl progetto di recupero
L’area, di proprietà del Comune, in cui sorge la nuova ‘corte solidale’ è di 2000 metri quadri, di cui 521 utilizzati per la ristrutturazione e l’ampliamento dell’edificio, che ora ospita sei appartamenti di diversa metratura (da 35 a 75 mq). Ogni alloggio è dotato di posto auto coperto e cantina.
All’esterno, nell’area comune, sono stati realizzati spazi per un piccolo orto o giardino o per fare sosta con panchine nel verde. L’intero condominio e la corte sono stati realizzati senza barriere, per essere raggiungibili e fruibili anche da persone con disabilità diverse.
Inoltre il complesso è stato progettato e realizzato per rispondere in pieno ai parametri di classe “A” previsti dalle norme della Regione, quindi con attenzione alla ecosostenibilità e nel rispetto delle recenti norme antisismiche.
Accanto alla parte recintata, dove ci sono gli alloggi privati, è stata poi realizzata un’area per tutti i cittadini con una parte a verde pubblico ed una per parcheggi.
L’intero progetto, dal costo complessivo di oltre 900mila euro (975,384,32), è stato finanziato per più di metà dalla Regione (539.162,85 euro) e per il resto dalla cooperativa Unicapi che ha risposto all’avviso pubblico per la ricerca di una partnership finanziaria del Comune di Medolla.