Approvato il piano assunzioni 2016 del Comune di Bologna

L’anno si chiude con 160 nuovi dipendenti comunali. Buone notizie per la scuola: nel 2017-2018 arrivano 234 educatori, insegnanti e operatori

piazza Maggiore BolognaBOLOGNA – La giunta di Virginio Merola ha approvato nella seduta di oggi il piano assunzioni 2016 deliberando gli ultimi 53 nuovi ingressi in Comune e di fatto chiudendo l’anno con 160 nuovi dipendenti a tempo indeterminato, alcuni già assunti nel corso dell’anno, altri che richiedono l’avvio di procedure selettive. Non solo: la giunta ha anche gettato le basi per la programmazione del fabbisogno di personale per il 2017 e il 2018, impegnandosi ad assumere 234 persone tutte nella scuola, tra insegnanti, educatori e operatori dei servizi sia dei nidi che delle scuole d’infanzia. Le buone notizie rispondono all’obiettivo di dare stabilità al personale supplente dei servizi educativi e scolastici e rafforzare in modo trasversale la struttura amministrativa, compensando le cessazioni degli ultimi anni, per la maggior parte dovute a pensionamenti. E’ di cinque mesi fa il ripristino per i Comuni della possibilità di assumere, bloccata per legge dal primo gennaio 2015 eccetto che per il personale insegnante ed educativo. Il blocco, che doveva durare fino alla fine del 2016, nella Regione Emilia-Romagna è stato sospeso in anticipo per il completamento della ricollocazione del personale in soprannumero delle province e delle città metropolitane. E il Comune di Bologna si è fatto trovare pronto visto che aveva già programmato alla fine dello scorso anno il piano assunzioni 2015 nonostante fossero bloccate, piano che in questi mesi è in corso di attuazione. Con la delibera approvata oggi, la giunta chiude dunque il piano 2016 con 160 nuovi assunti a tempo indeterminato di cui 76 tra educatori e insegnanti, una trentina di trasformazioni da tempo determinato a indeterminato, perlopiù di agenti di polizia municipale, e i 53 nuovi dipendenti comunali che toccano quasi tutti gli ambiti dell’amministrazione. Sono infatti impiegati e funzionari amministrativi e tecnici di varia natura, assistenti sociali, pedagogisti, impiegati nelle attività culturali, ingegneri, architetti, geologi, informatici.

La delibera contiene anche degli impegni per il prossimo biennio 2017-2018 e qui le buone notizie sono tutte per la scuola: Bologna infatti è uno dei pochi Comuni in Italia ad avere già deciso di approfittare della legge approvata la scorsa estate per approvare un piano di assunzioni per coprire il fabbisogno di personale insegnante ed educativo, considerato fondamentale per garantire la qualità di questo settore. Nel 2017 si prevede di assumere 93 tra educatori e insegnanti oltre a 68 operatori ai servizi della scuola d’infanzia. Nel 2018 invece è in programma l’ingresso di 73 operatori dei servizi prima infanzia (nidi). In tutto nel biennio le assunzioni saranno dunque 234, che sommate alle 326 persone assunte tra il 2014 e il 2016 fanno in tutto 560 assunti nella scuola e nei nidi d’infanzia in cinque anni.

La delibera poi fissa l’assunzione di un funzionario con contratto di lavoro a tempo determinato di alta specializzazione (ex articolo 110 D.Lgs 267/2000) per la posizione di responsabile dell’area disciplinare “arte moderna e contemporanea” dell’Istituzione Bologna Musei.

Infine, dopo la pubblicazione del relativo avviso (il 14 ottobre scorso) e la conclusione dei colloqui ai candidati selezionati tramite esame dei curricula, la giunta oggi ha deliberato l’assunzione di cinque funzionari con contratti di alta specializzazione a tempo determinato, che andranno a ricoprire le posizioni di esperti di: pianificazione dei sistemi di mobilità e delle infrastrutture dei trasporti; sistemi innovativi per la gestione della mobilità; progettazione ed esecuzione di infrastrutture complesse per la mobilità; politiche per il risparmio energetico e la sostenibilità urbana; responsabile del progetto data management e rete civica metropolitana. Le posizioni da ricoprire erano sette, ma per due di queste (sistemi informativi di gestione e controllo tecnico-amministrativo dei contratti di servizio e esperto di programmazione e gestione di biblioteche specialistiche in women studies) non sono stati individuati candidati idonei.