Cesena, Riqualificazione delle tre piazze intorno alla Biblioteca Malatestiana

pensilina renderApprovato il progetto preliminare

CESENA – Primi passi operativi verso la riqualificazione delle piazze Almerici – Bufalini – Fabbri. L’Amministrazione comunale ha appena dato il via libera al progetto preliminare dell’intervento, sviluppato sulla base della soluzione individuata tramite il concorso di idee lanciato dal Comune nel 2011.

“Il percorso per la valorizzazione del centro storico – sottolineano il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore ai Lavori Pubblici Maura Miserocchi – si è arricchito negli ultimi anni di nuovi tasselli, da piazza Amendola alle appena rinnovate vie Fantaguzzi e Albizzi, senza dimenticare l’avvio dei lavori per piazza della Libertà. Ma, da un certo punto di vista, per il comparto delle tre piazze l’esigenza di riqualificazione è ancora più forte. Stiamo parlando, infatti, dell’area che circonda il monumento più prezioso di Cesena, vale a dire la Biblioteca Malatestiana, e che dovrebbe qualificarne ed esaltarne il percorso di accesso. E invece, almeno finora questi spazi sono stati caratterizzati da una fisionomia disomogenea e non unitaria. Proprio per risolvere questo nodo nel 2011 abbiamo lanciato il concorso da cui è scaturita l’idea, proposta dal gruppo cesenate composto da Marco Ceredi, Francesco Ceredi, Paolo Ceredi e Sara Burnacci per il progetto che andremo a realizzare. Intanto, ieri insieme a Lia Montalti abbiamo presentato il progetto all’Assessore regionale Donini, che si è mostrato molto interessato e che ha assicurato che ne terrà conto nelle prossime tranche di finanziamenti regiogiardini_da_via_montaltinali”.

L’intervento, per un importo complessivo di 3 milioni e 300mila euro prevede la ristrutturazione architettonica e funzionale non solo di piazza Bufalini, piazza Almerici, piazza Fabbri, ma anche di vicolo Masini.

Tema centrale del progetto è la restituzione del sistema delle tre piazze a una vocazione prettamente pedonale e ciclabile, mantenendo un percorso di accesso per le auto solo in piazza Fabbri e al parcheggio interrato. Sarà invece potenziato l’accesso ciclabile, destinando ampie zone ai bordi di piazza Bufalini al parcheggio delle bici.

Un ruolo importante è affidato al verde. In particolare, piazza Bufalini è destinata prevalentemente a giardino, con grandi vasche poligonali collocate nelle aree prospicienti le ali laterali della Biblioteca e un sistema di piante e arbusti studiato per incorniciare al meglio tutti gli elementi storico-monumentali presenti (non solo la Malatestiana, ma anche i monumenti a Bufalini e Serra). Nuovo respiro sarà dato anche all’aiuola di piazza Fabbri, che sarà allargata.

L’ingresso, oggi anonimo, del Palazzo del Ridotto verrà evidenziato e valorizzato con l’installazione di una pensilina di linea moderna (si presenterà come un grande ‘foglio’ di acciaio bianco piegato e sospeso a 7 metri di altezza. I chioschi oggi occupati dalla piadina e dall’edicola saranno ricollocati in altra posizione, liberando il corridoio d’accesso verso la Malatestiana. Altro elemento di novità è rappresentato dal sistema di fontane a raso prospiciente al Palazzo del Ridotto.

Dopo l’approvazione del progetto preliminare, ora si dovrà predisporre il definitivo e l’esecutivo prima di avviare le procedure per la gara di appalto propedeutica all’affidamento dei lavori, che potrebbero partire entro la fine del 2017.