Ambiente e Salute nel terzo Millennio: fra inquinamento, cambiamenti climatici e disuguaglianze economiche

Comprendere la reale importanza della prevenzione primaria: a Forlì un convegno nazionale per promuovere l’attenzione alla salute

comune di Forli logoFORLÌ – Se ne parlerà il 23 e 24 Marzo 2018 a Forlì in un congresso nazionale, con l’obiettivo principale di promuovere l’attenzione alla salute attraverso la Prevenzione Primaria.

Il congresso – sottolineano il dott. Ruggero Ridolfi e la dott.ssa Patrizia Gentilini, responsabili della locale Sezione ISDE Medici per L’Ambiente e promotori dell’evento – dedicherà grande attenzione alle problematiche legate alla sicurezza alimentare, al grado di inquinamento dell’ambiente (aria, suolo, acqua) e dei luoghi di lavoro, con particolare riguardo alle patologie a queste correlate.

Il medico, – cita l’Art. 5 del Codice di Deontologia Medica – nel considerare l’ambiente di vita e di lavoro e i livelli di istruzione e di equità sociale quali determinanti fondamentali della salute individuale e collettiva, collabora all’attuazione di idonee politiche educative, di prevenzione e di contrasto alle disuguaglianze alla salute e promuove l’adozione di stili di vita salubri, informando su principali fattori di rischio. Il medico, – continua l’articolo – sulla base delle conoscenze disponibili, si adopera per una pertinente comunicazione sull’esposizione e sulla vulnerabilità a fattori di rischio ambientale e favorisce un utilizzo appropriato delle risorse naturali, per un ecosistema equilibrato e vivibile anche da future generazioni.

Questa è la premessa dalla quale parte l’organizzazione del congresso, che ha già ottenuto, tra gli altri, il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e del Ministero della Salute.

I Medici ed il Personale Sanitario in genere, a cui è principalmente dedicato il Convegno, sono in prima linea nell’affrontare le sfide che la tutela della salute richiede in questo inizio di secolo. L’aggiornamento sugli ambiti toccati dal congresso è condizione essenziale per la comprensione della reale importanza della Prevenzione Primaria ne conseguono, infatti, comportamenti di comunicazione e di relazione medico-paziente che inducano al rispetto dell’ambiente come presupposto fondamentale per la tutela della salute, la conoscenza dei danni che possono conseguire a tutte le situazioni ambientali a rischio, con riguardo particolare alle età più giovani ed all’infanzia e a tutte le fasce di popolazione più deboli.

Il convegno accreditiato ECM è destinato alla formazione professionale di personale medico medico chirurgo, farmacisti, veterinari, biologi, chimici, fisici, infermieri, psicologi, dietisti, fisioterapisti, ostetriche, personale tecnico, assistenti sanitari che trattano MCS, CFS, elettrosensibilità e fibromialgia o che semplicemente vogliono studiare l’origine ambientale delle malattie, da quelle cardiovascolari e respiratorie alle forme tumorali ed a numerose patologie endocrine e della sfera riproduttiva. Il corso si rivolge anche ad educatori, amministratori e funzionari impegnati nell’ambito dell’ambiente, della salute pubblica e delle politiche educative. Sono inoltre previsti crediti per la professione di Avvocato in quanto verrà trattata la tematica dei reati ambientali.

Iscrizioni e informazioni sul sito www.comunicazioneventi.it