Alla Corale Verdi da lunedì 26 a mercoledì 28 giugno va in scena la IV edizione del Festival della Parola

Ingresso gratuito. Otto incontri d’autore tra passato, presente e futuro. Dalla testimonianza di Salvatore Borsellino alle musiche dei Solisti della Scala, passando per la satira pungente dei redattori di Lercio.it: una tre giorni dedicata alla parola nel cuore di Parma. TRA GLI OSPITI UMBERTO GALIMBERTI, ANDREA PONTREMOLI, GIORGIO TRIANI, MARGHERITA ASTA, FABRIZIO CONIGLIO, SERGIO PIROZZI, LUCA PONZI, MARIO FURLAN. Per la prima volta “La Parola ai Bimbi”, anteprime dedicate ai bambini alla Biblioteca di Alice

IMG_4011PARMA – Testimonianza, speranza, attenzione. E poi ancora giovani, futuro, memoria. Sono sei le parole chiave che tessono la trama della IV edizione del Festival della Parola di Parma, presentata mercoledì mattina (14 giugno).

La manifestazione, organizzata dall’associazione culturale Rinascimento 2.0 con il contributo del Comune di Parma e con il patrocinio di Parma, io ci sto!, si svolgerà presso la Pergola della Corale Verdi da lunedì 26 a mercoledì 28 giugno.

Il Festival aprirà simbolicamente i battenti con l’arrivo a Parma, alle 18.30 del 26 giugno, dell’Agenda Ritrovata di Paolo Borsellino, una ciclostaffetta ciclistica ideata da Salvatore Borsellino, fratello del magistrato, che attraverserà tutta l’Italia, per giungere a Palermo il 19 luglio, nel 25° anniversario della strage di via D’Amelio.

Maggio-Rinaldi-Sarassi Binacchi-RaffaOtto gli appuntamenti in programma, tutti a ingresso gratuito, che vedranno alternarsi sul palco autori, giornalisti, manager, musicisti e personalità tra le più apprezzate del panorama culturale contemporaneo. La formula è quella consueta: gli ospiti, provenienti dai più svariati ambiti professionali, saranno chiamati a confrontarsi su temi legati alla parola e alle sue infinite sfaccettature in un percorso scandito da spettacoli, concerti, documentari e talk show. Le firme del giornalismo locale Salvo Taranto, Anna Maria Ferrari e Ilaria Notari modereranno gli incontri colloquiali.

Le testimonianze di Salvatore Borsellino e Margherita Asta, vittime della criminalità organizzata, il punto di vista di Umberto Galimberti, una delle menti più brillanti della nostra epoca, le scommesse vinte da Andrea Pontremoli, i futuri scenari della parola dipinti da Giorgio Triani, la satira del fenomeno social Lercio.it, le inchieste di Luca Ponzi, l’impegno civile del sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi e del padre dei City Angels Mario Furlan declineranno il tema della parola sul palco della splendida cornice della Corale Verdi in una “tre giorni” densa di spunti e contenuti.

Di altissimo livello le proposte artistiche, anch’esse a ingresso libero: dal teatro civile, con “Sangue Nostro”, rappresentazione teatrale che vede in scena Fabrizio Coniglio e Alessia Giuliani per ripercorrere la strage mafiosa di Pizzolungo, al concerto dei Solisti del Teatro alla Scala, passando per la proiezione di “African Lullaby”, documentario candidato al One Media Award 2017, prodotto e distribuito da Al Jazeera, a firma di due giovani parmigiani, Gianpaolo Bigoli e Mariachiara Illica Magrini.

Ideatore e curatore del Festival della Parola è Manlio Maggio che in questa edizione ha deciso di arricchire la rassegna con uno spazio dedicato ai più piccoli: La Parola ai Bimbi. Nei tre giorni del festival, presso la Biblioteca di Alice, sita sempre al Parco Ducale, in due turni, alle 16.30 e alle 17.30, bambini dai 3 agli 8 anni potranno essere conquistati dall’estro e dalla fantasia di attori di teatro di animazione legati al dipartimento di educazione e scienze umane di UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia). Il 26 giugno i bimbi saranno invitati a costruire degli aquiloni che saluteranno l’arrivo dell’agenda ritrovata di Paolo Borsellino al parco Ducale. Nei giorni successivi con i bimbi saranno toccati i temi di Pinocchio e della bugia (27 giugno) e della musica e delle varie arti (28 giugno).

“Bisogna aiutare i giovani a ricordare, a non dimenticare e allo stesso tempo porgere loro non solo una speranza, ma nel concreto un futuro… partendo dal presente. E non potrà esistere un futuro prossimo roseo, senza una conoscenza del passato. L’obiettivo, ambizioso, di tutti gli incontri, sarà quello di costituire se non altro, uno spunto, un momento per un’analisi della e sulla nuova generazione, probabilmente un po’ appiattita e smarrita, ma ancora valida, forse più di quanto si immagini, una nuova generazione che va solo guidata, affinché riesca a costruirsi e mantenere un’identità, una propria umanità” ha spiegato Manlio Maggio.

“È importante per le persone parlare del futuro, degli ideali, avere una chiave di lettura della realtà. Così abbiamo sposato il Festival della Parola, convinti del grande valore dell’iniziativa” ha commentato Flora Raffa, responsabile del Settore Cultura del Comune di Parma.

Soddisfatta anche Ombretta Sarassi Binacchi, general manager di Opem, main sponsor del Festival e azienda da sempre sostenitrice delle iniziative di Rinascimento 2.0: “Quella di quest’anno è una splendida edizione, in un contesto, quello della Corale Verdi, davvero magico. Sono felice di dare il mio contributo, come imprenditrice”.

Il ringraziamento alle aziende sponsor, Opem, Sinapsi Group e Net Project, è arrivato anche da Andrea Rinaldi, presidente dell’associazione Corale Verdi: “È bello avere dei privati che ancora credono nella cultura”.

Il Festival della Parola di Parma è realizzato in collaborazione con la Corale Verdi, la Biblioteca di Alice, la libreria Voltapagina Parma, l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, le associazioni L’Agenda Ritrovata, Libera, Fiab, Lercio, Note in Aiuto e City Angels. Partner tecnici sono Hotel Button e Gallani Arredamenti.

IL PROGRAMMA
LUNEDÍ 26 GIUGNO

ASPETTANDO IL FESTIVAL DELLA PAROLA – LA PAROLA AI BIMBI
Biblioteca di Alice (Serre del Novecento – Parco Ducale). Turno 1: ore 16.30-17.30. Turno 2: 17.30-18.30
“Legalità in volo” – laboratorio di costruzione di aquiloni

FESTIVAL DELLA PAROLA
Corale Verdi (ingressi: vicolo Asdente 9, Parco Ducale)
Ore 18.30 L’AGENDA ROSSA ARRIVA A PARMA

Ore 19.00 LA SPERANZA NON MUORE MAI
Incontro colloquiale con Salvatore Borsellino, Margherita Asta e Fabrizio Coniglio. Modera Salvo Taranto

Ore 21.30 SANGUE NOSTRO
Spettacolo con Alessia Giuliani e Fabrizio Coniglio

MARTEDÍ 27 GIUGNO

ASPETTANDO IL FESTIVAL DELLA PAROLA – LA PAROLA AI BIMBI
Biblioteca di Alice (Serre del Novecento – Parco Ducale). Turno 1: ore 16.30-17.30. Turno 2: 17.30-18.30 “Pinocchio e l’arte di diventare grandi” – laboratorio di animazione teatrale

FESTIVAL DELLA PAROLA
Corale Verdi (ingressi: vicolo Asdente 9, Parco Ducale)

Ore 19.00 GENERAZIONE USA E GETTA
Incontro colloquiale con Umberto Galimberti, Andrea Pontremoli e Giorgio Triani.
Modera Anna Maria Ferrari

Ore 21.30 “LO SPORCO CHE FA NOTIZIA: LERCIO MAGISTRALIS”
Talk show con Andrea H. Sesta e Augusto Rasori di Lercio.it

Ore 22.30 “AFRICAN LULLABY” (LA RIVOLUZIONE SILENZIOSA DI RACHEL)
Documentario con regia di Gianpaolo Bigoli e sceneggiatura di Mariachiara Illica.
Distribuzione da Al Jazeera

MERCOLEDÍ 28 GIUGNO

ASPETTANDO IL FESTIVAL DELLA PAROLA – LA PAROLA AI BIMBI
Biblioteca di Alice (Serre del Novecento – Parco Ducale). Turno 1: ore 16.30-17.30. Turno 2: 17.30-18.30
“Mettiamoci all’opera” – piccoli assaggi musicali attraverso corpo e voce

FESTIVAL DELLA PAROLA
Corale Verdi (ingressi: vicolo Asdente 9, Parco Ducale)

Ore 19.00 “ALLENIAMO IL PRESENTE, ALLEVIAMO IL FUTURO”
Incontro colloquiale con Sergio Pirozzi, Luca Ponzi, Mario Furlan. Modera Ilaria Notari

Ore 21.30 “IN MEMORIA DI TE”
I Solisti della Scala in concerto per rendere omaggio all’amico e collega parmigiano Pier Antonio Pesci

LABORATORI LA PAROLA AI BIMBI: Per bambini dai 3 agli 8 anni (massimo 15 per turno). Per informazioni e prenotazioni: Biblioteca di Alice 0521/031751 alice@comune.parma.it