Acqua Arena, nuovo polo natatorio comunale a Rimini

La Giunta ne approva il progetto esecutivo

VISTA INTERNARIMINI – Un’area piscina con tre vasche, un centro dedicato alla salute, una zona per il ristoro e per la convivialità. Sono questi i tre ‘macro’ blocchi che comporranno il centro sportivo Acqua Arena, il nuovo polo natatorio pubblico che prosegue nel suo iter dopo l’approvazione da parte della Giunta comunale del progetto esecutivo.

Il progetto – presentato dall’associazione temporanea di imprese composta da Axia di Reggio Emilia, Nuova sportiva di Ferrara e Saeet Impianti di Firenze, ovvero il soggetto che si è aggiudicato la concessione per la progettazione, realizzazione e gestione dell’opera – nasce dalla volontà di garantire agli sportivi un impianto dedicato al nuoto moderno e adeguato alle nuove esigVISTA DA VIA DELLA FIERAenze della cittadinanza.

Dal punto di vista architettonico l’opera prevede forme omogenee al particolare contesto anche naturalistico in cui si inserisce, quindi in relazione con l’ampia zona verde su cui si affaccia. Il volume è rappresentato da una forma elementare a cupola che permette di distribuire tutti gli spazi, fruibili dagi utenti, al piano terra, arrivando all’altezza massima solo nella parte centrale ed ottenendo quindi una forma che si armonizza col terreno circostante e con il verde. Dalla parte est e sud sono disposte le facciate vetrate delle piscine e delle sale di ristoro e gioco bimbi, che godono quindi della posizione di maggiore pregio per le viste panoramiche e per il contatto diretto col parco e i suoi percorsi.

VISTA DAL PARCOL’area delle piscine si compone di 3 vasche: una dedicata all’attività natatoria, una seconda dedicata all’acqua-fitness e ai corsi e una terza dedicata all’avvicinamento all’acqua. Complessivamente sono circa 750 i metri quadrati di superficie acquatica presenti nel nuovo polo natatorio (contro i circa 250 mq dell’attuale impianto comunale). La piscina grande, dedicata alla pratica sportiva su vasca da 25 metri, avrà dieci corsie per una larghezza complessiva di 20 metri. A servizio della vasca natatoria – che per caratteristiche sarà adatta anche ad ospitare eventi agonistici, compresi quelli promossi dalla Federazione Italiana Nuoto – è prevista una tribuna in muratura dedicata al pubblico con 200 posti a sedere.

La vasca dedicata all’acqua-fitness sarà di 20 metri di lunghezza e 6 di larghezza, con una profondità di 1,3 metri in tutti i suoi punti per consentire l’utilizzo di strumenti (ad esempio bike e step). La piscina dedicata all’avvicinamento all’acqua e all’insegnamento del nuoto in età prescolare si svilupperà invece su una superficie di circa 66 metri quadrati e avrà una profondità adeguata, comunque non superiore a 60 centimetri in tutti i suoi punti. Il centro fisioterapico invece prevederà una sala riabilitazione, dei box dedicati alla riabilitazione e una piscina ad uso terapeutico.

Infine il progetto prevede un’area dedicata al food, che sarà composta da un bar e una sala ristorante. E’ prevista inoltre un’area terrazzata esterna attrezzata direttamente collegata al percorso ciclopedonale del parco e orientata a sud.

Sul progetto Acqua Arena il Comune ha investito 5 milioni di euro, a fronte di un costo complessivo di circa 8 milioni di euro. Terminate le procedure amministrative si procederà alla consegna delle aree e all’avvio del cantiere.