‘Abbasso la guerra’: in mostra immagini e parole per una cultura di pace

Inaugurazione sabato 24 settembre alle 11

abbasso-guerra_1FERRARA – E’ dedicata a ‘persone e movimenti per la pace dall”800 a oggi’ la mostra fotografica e documentaria, a cura di Francesco Pugliese, dal titolo ‘Abbasso la guerra’ che sabato 24 settembre alle 11 sarà inaugurata al Museo civico del Risorgimento e della Resistenza di Ferrara (corso Ercole I d’Este 19). All’incontro inaugurale interverranno il vice sindaco Massimo Maisto, la responsabile del Museo Antonella Guarnieri e il presidente emerito del Movimento Nonviolento Daniele Lugli.

“Il Museo del Risorgimento e della Resistenza – spiega Antonella Guarnieri – dopo aver dedicato, in occasione del centenario, innumerevoli mostre alla I Guerra mondiale, ha deciso di dare voce a quanti, ormai da più di un secolo, hanno lavorato, partendo spesso da collocazioni politiche ed ideologiche differenti, perché le guerre non esistessero, consci che i primi a pagare nei conflitti bellici sono i popoli e, quindi, anche i soldati che li combattono. A questi uomini che hanno consacrato la propria vita al sogno, realizzabile, della ‘Pace’, Ferrara dedica questa mostra, perché anche i più giovani conoscano questa storia e possa essere loro utile nel loro cammino di esseri umani”.

La mostra sarà visitabile fino a domenica 23 ottobre 2016, dal martedì alla domenica: 9.30-13 e 15-18
Info: biglietteriamrr@comune.fe.it.
Tel. e fax 0532-244922

LA SCHEDA (a cura di Francesco Pugliese)
“Abbasso la guerra”
Una mostra in giro per l’Italia

La Mostra illustra attraverso immagini e documenti il multiforme impegno, spontaneo e organizzato, contro la guerra e contro la cultura della guerra di persone, movimenti, associazioni. Le ragioni e la ragione dei movimenti pacifisti italiani e internazionali.
Iniziative e mobilitazioni, elaborazioni e pensiero, successi e sconfitte, idee e proposte, cultura della pace sono rappresentati e illustrati con testi e documentazione in gran parte inedita in 24 pannelli dal titolo: “Abbasso la guerra. Persone e movimenti per la pace dall’800 ad oggi. Mostra fotografica e documentaria” curata da Francesco Pugliese.
Una iniziativa che mira a:
– sostenere la memoria storica dell’opposizione e degli oppositori alla guerra e agli armamenti (“pazzia bestialissima”, Leonardo)
– sensibilizzare sui temi della pace e della educazione alla pace, per un sapere e una scuola impegnati per la pace
– sostenere la diffusione di coscienze e pratiche pacifiste e nonviolente a tutti i livelli e per un rinnovato impegno di massa per il disarmo
– ricordare il principio del ripudio della guerra scolpito nell’art. 11 della Costituzione italiana e sulla Carta delle Nazioni Unite
– riaffermare le finalità di pace del processo di costruzione europea proprio nel centenario della inutile strage (Benedetto XV)
La Mostra ha ricevuto l’alto patrocinio del Parlamento europeo e quello della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze; ha inoltre l’adesione della Fondazione Museo Storico del Trentino, del Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani e di altri enti pubblici e associazioni. Si compone di 24 pannelli di cm. 70×100; ha una struttura e contenuti divulgativi ed è rivolta in particolare alle scuole.
“Una mostra importante perché restituisce ‘dignità’ al movimento pacifista e alle sfide che questo ha posto e affrontato negli ultimi 150 anni, perché racconta una storia in cui tanti e tante cittadini si riconoscono, perché pone sul tavolo molte questioni ancora aperte legate al disarmo, alla nonviolenza, alla prevenzione dei conflitti…” (Francesco Penzo, Venezia, personeperlapace.blogspot.it)
Dopo l’anteprima di Trento dal 18 al 25 aprile 2013, in meno di tre anni ha avuto oltre 50 esposizioni in giro per la penisola; è stata esposta in varie scuole, biblioteche, teatri, musei, festival, piccoli e grandi centri e manifestazioni varie; tante delle esposizioni sono state accompagnate da iniziative di contorno: presentazioni di libri, dibattiti e incontri, conferenze, teatro, film.
Tra le altre si ricordano le esposizioni al Centro di Educazione alla Pace e alla Campana dei Caduti di Rovereto; al Centro di Documentazione di Luserna; a Brescia, al Museo Africano di Verona; a Livo (TN) per le iniziative dei 50 anni di sacerdozio di padre Alex Zanotelli; al Festival “Tra le rocce e il cielo” di Vallarsa (TN); al Festival del Diritto di Piacenza (2014); in Valsusa (Torino); a Bologna, a Venezia, a Chioggia, al convegno dell’Istituto Luce Cinecittà “Anni di pace-anni di guerra” del 26 febbraio 2015 presso il Vittoriano a Roma, in varie scuole di Monza tra marzo e aprile 2015, al festival del libro di Cerignola, al convegno nazionale “La guerra è follia” di Monteleone di Puglia del dicembre 2015, a Roma alla Casa della Memoria e della Storia nell’ottobre 2015, a Milano presso la Biblioteca Sormani dal 20 gennaio al 13 febbraio 2016. Quindi a Storo, Tione, Sulmona. Nell’autunno 2016 è in programma a Ferrara e Firenze.
L’ultimo pannello della Mostra a chiusura del percorso riporta le parole dell’Unesco: “Poiché le guerre nascono nella mente degli uomini, è nella mente degli uomini che devono essere costruite le difese della pace”, parole riportate sul marmo davanti ad una scuola di Pienza, in Toscana.