9 maggio: Lectio magistralis di Andrea Giardina, Presidente della Giunta Centrale per gli Studi Storici

Sul tema “Europa ed Europei: le origini antiche”. Primo seminario del ciclo “Seminari di Europa” organizzato dal Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali dell’Università di Parma

uniparmaPARMA – Mercoledì 9 maggio, alle ore 17 nel Centro Convegni Aule delle Scienze del Campus Scienze e Tecnologie, il prof. Andrea Giardina, Presidente della Giunta Centrale per gli Studi Storici, terrà la lectio magistralis ”Europa ed Europei: le origini antiche” che inaugurerà il ciclo Seminari di Europa, organizzato dal Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali-DUSIC dell’Università di Parma in sinergia con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Parma.

L’evento si colloca nell’ambito delle celebrazioni per l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale 2018 e in occasione della Festa dell’Europa (Europe Day) che si celebra il 9 maggio.

Nato in seno all’Unità di Storia del Dipartimento DUSIC, il progetto Seminari di Europa è frutto della collaborazione di queste istituzioni con sede a Parma:

· Centro Universitario per la Cooperazione Internazionale;

· Scuola per l’Europa;

· Liceo Scientifico Statale “G. Marconi”.

I Seminari di Europa hanno ottenuto il patrocinio della Giunta Centrale per gli Studi Storici e si inseriscono altresì nel quadro delle attività poste in essere dal Dipartimento DUSIC per le celebrazioni di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020.

Il primo ciclo di incontri (3/10/2018-9/5/2019) partirà in autunno con tre eventi in occasione della Giornata della Memoria e dell’Accoglienza e si concluderà con lo Europe Day 2019. Il secondo ciclo (8/9/2019-9/5/2020) prenderà avvio con la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato e si chiuderà con lo Europe Day 2020.

I Seminari di Europa sono aperti non solo alla comunità accademica, ma alla cittadinanza tutta di Parma e, in particolar modo, agli alunni e ai docenti delle Scuole del territorio, con cui si intende rafforzare il dialogo e la collaborazione, nell’ottica della sensibilizzazione a temi dall’alto valore civile e morale, e – in un momento tanto complesso della storia europea – con la finalità di una convinta riaffermazione dello spirito profetico del Manifesto di Ventotene.