5 e 6 aprile al Politecnico il convegno “Piacenza crocevia di itinerari culturali del Consiglio d’Europa”

comune-piacenzaPIACENZA – Si terrà giovedì 5 e venerdì 6 aprile, presso la sede del Politecnico di via Scalabrini, il convegno “Piacenza crocevia di itinerari culturali del Consiglio d’Europa”, organizzato in collaborazione tra il Comune di Piacenza e l’Associazione Europea delle Vie Francigene, la cui sede operativa è ubicata a Palazzo Farnese.

Una due giorni di incontri con i rappresentanti di 20 itinerari culturali certificati dal Consiglio d’Europa, fra i quali la via Francigena, e un’occasione di scambio e di confronto sulla gestione dei percorsi culturali che spaziano dalle rotte dei Fenici a quelle Anseatiche, dai Vichinghi a Mozart, dal Patrimonio ebraico a quello dell’Art Nouveau, fino alle vie di pellegrinaggio come la via Francigena, il cammino di Santiago e di Sant’Olav. Il programma dell’evento prevede inoltre una visita guidata alla scoperta delle eccellenze storiche, architettoniche e culturali della città.

“Ancora una volta i riflettori internazionali si accendono su Piacenza grazie al cammino francigeno – afferma l’assessore alla Cultura e al Turismo, Massimo Polledri -, sempre più parte importante delle politiche di turismo sostenibile e di valorizzazione del patrimonio storico e culturale a livello locale e nazionale, oltre che europeo. L’interesse dei territori per il programma degli itinerari culturali del Consiglio d’Europa è infatti molto grande e il mondo della Francigena è protagonista molto attivo di questo affascinante panorama culturale europeo. Piacenza – conclude l’assessore Polledri – è sede per scelta e convinzione dell’Associazione Europea delle Vie Francigene, e il prossimo importante convegno conferma l’attenzione della nostra città nei confronti di un percorso di profilo internazionale di promozione turistica e culturale del nostro territorio”.

L’antica via Francigena, che collegava Canterbury a Roma attraversando Inghilterra, Francia e Svizzera, interessa nel suo tratto italiano diverse regioni, tra cui l’Emilia-Romagna, articolandosi in strade e sentieri che toccano luoghi sacri, antichi borghi e splendide città. Nella nostra regione il percorso classico parte dal suggestivo Guado di Sigerico, dove l’attraversamento del Po è garantito dall’unico servizio di taxi fluviale dell’intera via sacra, prosegue lungo la via Emilia attraversando Piacenza, Fiorenzuola e Fidenza e quindi segue il percorso del fiume Taro toccando Noceto, Fornovo, Berceto e raggiungendo il passo della Cisa. Crocevia di storie e di culture, la Via Francigena ha ottenuto nel 2004 il riconoscimento di “Grande itinerario culturale del Consiglio d’Europa” e, negli ultimi anni, è stato oggetto di vari interventi e progetti di recupero e valorizzazione promossi da istituzioni e associazioni. Nell’ottobre 2014, infine, è stato firmato un protocollo di collaborazione fra i rappresentanti delle regioni europee che ospitano il cammino.