Bologna: Porto 15, condividere l’abitare

Tante le adesioni di giovani e coppiecomune di Bologna logo

BOLOGNA – Si è appena conclusa la fase della raccolta delle adesioni al co-housing Porto 15. Il progetto ha suscitato grande interesse ed attrattiva tra i giovani della città: a fronte della disponibilità di 18 alloggi che corrispondono a circa 50 abitanti, hanno presentato la propria candidatura 143 nuclei per un totale di 232 persone.

Un riscontro più che positivo per Comune e ASP Città di Bologna che hanno promosso ed investito sulla creazione di una residenza collaborativa (co-housing), attraverso la quale non solo intendono rispondere all’accresciuto bisogno di autonomia abitativa dei giovani, ma vogliono dare impulso all’innovazione sociale, incoraggiando forme dell’abitare capaci di produrre fiducia, solidarietà, relazioni a livello comunitario allargato.
L’attività di sensibilizzazione e comunicazione è stata svolta da “Su Misura” la società cooperativa che ha promosso eventi culturali e formativi sull’iniziativa e ha gestito il Punto Informativo Porto 15 durante la fase di apertura del bando.

Da una prima analisi delle domande pervenute emerge un interessante profilo dei potenziali giovani co-housers:
una comunità composta dal 60% di donne e dal 40% di uomini, con un’ età media di 30 anni;
prevale la presenza di single e coppie senza figli: 53% single, 28% coppie, 13% famiglie con bambini, di cui un terzo mono-genitoriali;
un forte legame con il territorio: 70% residenti a Bologna, 15% provenienti dai comuni dell’area metropolitana,15% studiano o lavorano a Bologna;
una comunità aperta e cosmopolita: significativa anche la presenza dei “nuovi italiani” e delle coppie “miste”, il 10% dei candidati ha la cittadinanza di uno stato extra-europeo;
prevale chi ha una condizione lavorativa stabile: il 70% con lavoro stabile, il 20% saltuario, il 10% sono studenti;
bisogno di autonomia abitativa e di sostenibilità economica: il 20% abita con la famiglia di origine; del 70% che abita in affitto, il 30% condivide con altri l’appartamento.

Attualmente al vaglio della Commissione congiunta, dalle candidature verranno selezionati i primi 40 nuclei che parteciperanno al percorso per la costruzione della comunità e ai laboratori di progettazione delle attività e degli spazi collettivi. Nei primi mesi del 2017, al termine del cantiere sociale, 18 nuclei auto selezionati faranno ingresso nello stabile in via del Porto 15.

Venerdì 8 aprile alle ore 12.30 è prevista la visita guidata al cantiere “Porto 15” Cohousing di Bologna – iscrizione obbligatoria a info@porto15.it-, all’interno della rassegna “Abitare nel sociale, energie per la città”.

Contatti:
www.porto15.it
info@porto15.it